Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Perestrojka e globalizzazione dell'economia mondiale

Col termine di globalizzazione ci si riferisce al fatto che negli ultimi decenni del ‘900 lo spazio del mercato sembra aver raggiunto i confini demografici e territoriali del mondo (onde il sinonimo di mondializzazione). È vero che il mercato – mondo è in sviluppo da oltre quattro secoli, ma giunti agli inizi del Duemila, si può affermare che non è rimasto alcun angolo di alcun continente, alcun gruppo umano o popolazione, le cui condizioni di vita non subiscano direttamente o indirettamente, per il meglio o per il peggio, l’influenza del mercato mondiale.
Ora, come far rientrare le previsioni di Marx e di Lenin nell’espansione mondializzante del mercato? Di qui la mia curiosità per il problema che mi ha fornito lo spunto per un progetto di tesi di laurea. Al riguardo ho potuto constatare l’esistenza di una grande quantità di materiale disponibile sul periodo della Perestrojka e della sua rilevanza rispetto al processo di globalizzazione. Gorbaciov ha aperto all’URSS una finestra verso l’occidente e attraverso “trattative globali” nel quadro delle Nazioni Unite, ha tentato, finché glielo hanno consentito, di instaurare un “nuovo ordine economico mondiale” È, appunto, l’argomento del mio lavoro.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Mi è capitato per caso di leggere un articolo di Umberto Eco che suggeriva: “Rileggiamoci il Manifesto del ‘48” e aggiungeva: “Davvero, è impressionante come esso avesse visto nascere, ma con un anticipo di centocinquant’anni, l’era della globalizzazione e le forze alternative che essa avrebbe scatenato. Come a suggerirci che la globalizzazione non è un incidente avvenuto durante il processo della espansione capitalistica, ma il disegno fatale che la nuova classe emergente non poteva evitare di tracciare, anche se allora, per l’espansione dei mercati, la via più comoda (anche se più sanguinosa) si chiamava colonizzazione” 1 . Anche Lenin, già nei primi anni del potere sovietico, nel definire le basi della politica di rapporti con l’estero dell’URSS 1 N. Nesi, I. Cicconi, Capitalismo e globalizzazione, Roma, 2002.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Alessandro Rossi Contatta »

Composta da 177 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3192 click dal 23/05/2006.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.