Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Diritto al Gioco

Un diritto costituzionale fondamentale è il diritto all’educazione che fa parte del diritto alla famiglia ed implica il dovere dei genitori di mantenere ed istruire la prole , ne consegue il diritto all’istruzione.
L’educazione è un valore, un bisogno fondamentale garantito dal nostro ordinamento essendo la società costruita sulla famiglia. La socializzazione, il ruolo che il bambino deve acquisire nel mondo che lo circonda è insito nella formazione che a lui viene data.
L’emarginazione, la diseducazione, i falsi valori che permeano la nostra società tendono a disintegrarla a creare una pluralità di egoismi, di solitudini, la famiglia può ancora dare un insegnamento che tenga il bambino (ancora fragile e molto ricettivo dei segnali che gli provengono dall’esterno) al riparo da tutto questo dandogli gli strumenti utili per una positiva costruzione della sua personalità che gli consentano di vivere non lasciandosi influenzare dalle tendenze disgreganti che vi sono.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Il Diritto al Gioco Un diritto costituzionale fondamentale è il diritto all’educazione che fa parte del diritto alla famiglia ed implica il dovere dei genitori di mantenere ed istruire la prole , ne consegue il diritto all’istruzione. L’educazione è un valore, un bisogno fondamentale garantito dal nostro ordinamento essendo la società costruita sulla famiglia. La socializzazione, il ruolo che il bambino deve acquisire nel mondo che lo circonda è insito nella formazione che a lui viene data. L’emarginazione, la diseducazione, i falsi valori che permeano la nostra società tendono a disintegrarla a creare una pluralità di egoismi, di solitudini, la famiglia può ancora dare un insegnamento che tenga il bambino (ancora fragile e molto ricettivo dei segnali che gli provengono dall’esterno) al riparo da tutto questo dandogli gli strumenti utili per una positiva costruzione della sua personalità che gli consentano di vivere non lasciandosi influenzare dalle tendenze disgreganti che vi sono. Per questi motivi la Legge fondamentale dello Stato: la Costituzione ha privilegiato il ruolo della Famiglia, caposaldo della continuità della specie umana, in quanto può mantenerne saldi i valori (che la distinguono da quella animale) tramandandoli, di questa società “malata” fanno parte sia genitori che figli. La scelta politica, in seno al dibattito precedente l’approvazione della carta costituzionale, ha tenuto conto di questo, ogni devianza sociale ha alla base problemi educativi, assenza o cattiva formazione dell’individuo all’interno di famiglie disgregate, inesistenti o conflittuali. Difficilmente al di fuori di esse si crea un tessuto sociale che le possa sostituire ottimamente nel loro ruolo fondamentale. Le azioni efficaci per rendere effettivo il diritto all’educazione sono molteplici sia da parte pubblica che privata, dalle Istituzioni e da libere associazioni. La Scuola ha un ruolo importante ma mai sostituibile alla Famiglia. I valori che vengono trasmessi rendono l’individuo libero, capace di vivere adeguatamente avendo gli strumenti per rendersi partecipe nella Società per realizzare al meglio le proprie aspirazioni così rendendoli effettivi attraverso, tra l’altro, l’insieme delle leggi che tutelano il diritto all’educazione, sia a livello di ordinamento interno che internazionale.

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Giangabri Coletta Contatta »

Composta da 29 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3131 click dal 24/05/2006.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.