Skip to content

Restauro e conservazione dei centri storici: San Giuliano di Puglia dopo il terremoto del 31 ottobre 2002

Informazioni tesi

  Autore: Floriana Storto
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Claudio Varagnoli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 76

La mia tesi affronta il problema dei terremoti e delle loro conseguenze soprattutto per quanto riguarda l'edilizia storica; e propone tecniche di consolidamento x la messa in sicurezzza degli edifici inagibili. L'analisi si incentra su San Giuliano di
Puglia, sulla sua storia, il suo sviluppo urbano e soprattutto sul terremoto che l' ha colpito nell'ottobre 2002, soffermandosi maggiormente sul centro storico e in modo particolare sul Palazzo Marchesale. Lo studio di questa fabbrica avviene per mezzo di rilievi, dello studio dei caratteri tipologici e costruttivi,
dell'analisi dei danni, delle tecniche d'intervento per la messa in sicurezza e di un progetto di riuso.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 1. INQUADRAMENTO STORICO E TERRITORIALE 1.1 DESCRIZIONE DEL LUOGO Il comune di San Giuliano di Puglia è un antico borgo medievale, in provincia di Campobasso, situato ai confini del Molise, e dista 58 Km da Campobasso, 116 Km da Isernia e 45 da Termoli. Il borgo si trova, nel punto culminante dell'abitato, a 468 metri sul livello del mare, ed ha 1195 abitanti. Il paese è essenzialmente situato sul pendio di una collina, con una direttrice che delineava il corso principale e le numerose strade contigue, mentre la nuova parte residenziale è posizionata nella parte più bassa del Colle Monte. L'andamento altimetrico subisce grosse differenziazioni da zona a zona. Nel territorio comunale si susseguivano, prima del terremoto, una serie di attività che testimoniavano il fervore e le tradizioni del paese. Il borgo è situato su un monticello con pendio ripidissimo verso sud e sud- ovest, che man mano va diminuendo, trasformandosi in un piccolo spianato verso nord, ed è circondato da monti più alti che ne limitano l'orizzonte a circa 4 km tutt'intorno, tranne a sud-est dove la vista può estendersi fino alle alture di Castelnuovo nella provincia di Capitanata (Foggia). L'agro per la maggior parte è esposto a sud e sud-est, e viene solcato da vari torrentelli. Il suolo per la maggior parte è calcareo-argilloso, ed argilloso-siliceo in qualche parte. Ci sono diversi banchi di arena, a volte scoperti, a volte nascosti da strati di coltivazioni. Ad oriente del paese, a circa due km di distanza, vi è una cava di gesso, fra i cui strati vi è molta scagliola, detto anche gesso speculare trasparente; e sulla sponda sinistra del Fortore, vi è un deposito di calcare in masse laminari di diversi ,ma delicarti, colori. 6 Il territorio ha estensione di 4116 ettari quadrati, utilizzati in massima parte per la coltivazione, e in minima parte per il pascolo; esso confina con il territorio di Santa Croce, di Collotorto, di Bonefro, e il fiume Fortore, che lo divide dalla provincia di Capitanata (Foggia). San Giuliano di Puglia è circondato da estesi oliveti, che ne caratterizzano il paesaggio. L'impianto urbanistico del paese, collocato sul colle già naturalmente difendibile e potenziato da una cinta muraria solo in parte sopravvissuta, denuncia una crescita per fasi successive intorno alla corte su cui si affaccia un torrione (di buon apparecchio in pietrame misto e romanelle in laterizio) adatto a residenza: ha una pianta quadrilatera con una scarpa forse aggiunta successivamente, e chiude un cortile rettangolare che potrebbe aver avuto un ruolo di recinto murato. Una parte importante del paese è rappresentata dal castello,che in passato aveva una forma di un robusTo palazzo residenziale, comunemente detto Palazzo Marchesale, ed intorno ad esso si sviluppò il centro abitato e a cui si accede dal torrione. Un altro importante monumento è rappresentato dalla chiesa di San Giuliano Martire, una delle piu' antiche del Molise (X sec). Ha un impianto a tre navate, grande scala d'accesso aggiunta successivamente, un antico portale gotico che presenta decorazioni sculturee che raffigurano leoni, idre, e l'agnello crucifero.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

contesto urbano
effetti del sisma
lesioni
meccanismi di danno
murature
rilievi
tecniche di consolidamento
terremoto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi