Skip to content

La propaganda fascista durante la seconda guerra mondiale

Informazioni tesi

  Autore: Alessio Garofoli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Sandro Setta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 140

Attraverso un progetto di ricerca, che ha compreso l’analisi di diverse fonti, ho tentato di realizzare un'ampia panoramica sulle caratteristiche burocratiche, tecniche ed ideologiche della ambiziosa e multiforme macchina propagandistica del regime fascista, che si avvaleva accuratamente di tutti i mezzi allora a disposizione(stampa, radio e cinema, ma anche canzoni, fumetti e cartoons), delle organizzazioni di massa del regime e della scuola, e del suo funzionamento nel momento cruciale della seconda guerra mondiale.
Tale panoramica ha lo scopo di far comprendere come, per mezzo di essa, si tentò non solo di concretizzare il paradigma politico proprio del fascismo, giunto con il conflitto mondiale alla sua massima estrinsecazione totalizzante, e di realizzare i presupposti per la mobilitazione e l’adesione psicologica del fronte interno, ma anche di costruire una chiave di lettura completamente unilaterale della natura e dello svolgimento dello scontro ad uso degli italiani.
Essendo il fascismo un movimento sorto nel clima culturale venutosi a creare dopo la Grande Guerra, quello stesso clima che aveva glorificato in varie forme l'esperienza sanguinosa delle trincee, aveva al suo interno una componente primaria schiettamente bellicista ed è per questo che la preoccupazione di preparare il paese in ogni aspetto all'eventualità di un ulteriore conflitto si presentò subito dopo che esso divenne propriamente regime. Già la propaganda del primo fascismo aveva agito mediante la diffusione diversificata ed estesa della stampa fascista e grazie ad un’attenzione rilevante presso la stampa fiancheggiatrice.
Aveva utilizzato manifesti murali e altre forme di diffusione iconografica connesse alla propaganda della Grande Guerra e all'arditismo. Era riuscita a trascinare gli adepti e la pubblica opinione vicina al fascismo servendosi di una nuova ritualità-definita da alcuni storici una nuova liturgia politica-in parte inventata, in parte tratta dall'avventura fiumana di Gabriele D’Annunzio.
Ma la propaganda fascista aveva fatto un salto di qualità, come si è detto poc’anzi, con la conquista del potere e con l’edificazione dello Stato autoritario. Essa era calata allora su ogni aspetto della vita degli italiani, puntando a cancellare la divisione tra sfera pubblica e privata che fino a quel momento era parte integrante del modo di concepire il gioco politico. Fu un'esperienza del tutto inedita nella storia italiana ed occidentale: la merce politica detenuta in regime di monopolio e venduta con le metodiche di un prodotto commerciale.
Tra il 1939 ed il 1940 la propaganda intese convincere gli italiani dell'opportunità di partecipare alla seconda guerra mondiale; le motivazioni ufficiali dell'entrata in guerra vennero incentrate su tematiche geopolitiche e su rivendicazioni territoriali che non godevano però del consenso del binomio Trento-Trieste.
Questo vero e proprio progetto di fascistizzazione totale del paese, testato con i conflitti d’Etiopia e di Spagna, aveva subito un'accelerazione organizzativa ed una radicalizzazione dei contenuti, nel momento in cui il regime fascista si era volto all’attuazione delle sue velleità di trasformazione totalitaria e si era stretto con la Germania nazista in un abbraccio che inevitabilmente doveva condurre ad un'altra guerra. Fu proprio quello il momento in cui l'apparato della propaganda, pur così opprimente, iniziò a dimostrare una influenza limitata, perché strettamente correlato nella prassi al tentativo di un cambiamento radicale della cultura degli italiani, che andava oltre le effettive possibilità del regime che, come è noto, non riuscì ad eguagliare, in primis per la stessa natura della sua nascita, la pervasività dell’esperienza nazionalsocialista, cui pure si ispirò. Quando poi dalla guerra di sole parole si giunse finalmente a quella vera e propria, tale apparato velocemente si inceppò...

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Attraverso un progetto di ricerca, che ha compreso l’analisi di diverse fonti, ho tentato di realizzare un'ampia panoramica sulle caratteristiche burocratiche, tecniche ed ideologiche della ambiziosa e multiforme macchina propagandistica del regime fascista, che si avvaleva accuratamente di tutti i mezzi allora a disposizione(stampa, radio e cinema, ma anche canzoni, fumetti e cartoons), delle organizzazioni di massa del regime e della scuola, e del suo funzionamento nel momento cruciale della seconda guerra mondiale. Tale panoramica ha lo scopo di far comprendere come, per mezzo di essa, si tentò non solo di concretizzare il paradigma politico proprio del fascismo, giunto con il conflitto mondiale alla sua massima estrinsecazione totalizzante, e di realizzare i presupposti per la mobilitazione e l’adesione psicologica del fronte interno, ma anche di costruire una chiave di lettura completamente unilaterale della natura e dello svolgimento dello scontro ad uso degli italiani.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi