Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Autismo e vissuti familiari

PRIMO CAPITOLO: L’AUTISMO INFANTILE

1.1. Definizione di autismo
1.2. Basi neurobiologiche dell’autismo
1.3. Teorie sull’autismo
1.4. Compromissione delle aree funzionali
1.4.1. Comunicazione e linguaggio
1.5. Reciprocità sociale nell’autismo
1.6. Principali trattamenti

SECONDO CAPITOLO: AUTISMO E FAMIGLIA
2.1. Famiglia e disabilità
2.2. Attivazione delle risorse familiari
2.3. Comunicazione della diagnosi
2.4. Relazione con il figlio autistico e vissuto emotivo nei genitori
2.4.1. Rapporto di coppia in presenza di un figlio autistico
2.5. Formazione dei genitori: il parent training


TERZO CAPITOLO: LA RICERCA
3.1. Obiettivi della ricerca
3.2 Soggetti
3.3 Metodologia
3.4 Analisi dei dati
3.5 Risultati
3.6 Analisi delle categorie

Mostra/Nascondi contenuto.
III INTRODUZIONE L’autismo è una patologia molto studiata e che suscita molto interesse, ma nonostante ciò rimangono ancora indefinite le cause. Gli studi sull’autismo hanno avuto un’evoluzione negli anni; le prime teorie, per fortuna ormai abbondantemente superate, consideravano l’autismo come un disturbo ad origine psichica, una “chiusura al mondo” che annullava in modo assoluto le capacità di relazioni sociali e di comprensione delle persone colpite. Nel corso degli ultimi decenni le conoscenze sull’autismo sono decisamente cambiate; l’origine psichica è stata messa da parte e sono state formulate ipotesi di studio che pongono l’accento sulle cause organiche del disturbo. Il superamento di credenze riguardo all’incapacità da parte dei soggetti autistici di provare emozioni e sensazioni, ha contribuito al miglioramento del rapporto tra genitori e figli autistici. Mettendo da parte molti stereotipi, sono state anche acquisite conoscenze sulla vita emotiva ed intellettuale dei soggetti autistici, che ha spesso rivelato una ricchezza cognitiva ed affettiva inaspettata; è il caso, ad esempio, dei soggetti autistici definiti ad “alto funzionamento” (Venuti, 2003). L’autismo, forse più di altri disturbi o in maniera diversa, sembra avere un forte impatto emotivo sulla famiglia e soprattutto sulla madre che nella maggior parte dei casi è colei che dedica gran parte del suo tempo alla cura del figlio autistico. Tra madre e figlio, come verrà messo in evidenza anche dalla ricerca svolta in questo lavoro di tesi, si instaura un rapporto di forte vicinanza emotiva che porta con sé, sentimenti di diversa natura: da un lato, le madri esprimono sofferenza, solitudine e sensi di colpa che, seppur ingiustificati, sono spesso presenti nel loro vissuto; dall’altro, nelle interviste riportate nella ricerca, le madri esprimono un grande coraggio e una grande forza di volontà nel

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Cristina Caligiuri Contatta »

Composta da 98 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 34527 click dal 30/05/2006.

 

Consultata integralmente 57 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.