Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I Beni archeologici e la guerra. Normativa e tutela in tre casi esemplari: ex Jugoslavia, Afghanistan, Iraq

Le guerre degli ultimi anni che tanto hanno riempito e riempono le cronache non hanno avuto come sole vittime quelle umane: anche i beni culturali sono oggetto di attacchi intenzionali non meno crudeli, non solo incidentali ma anche appositamente diretti, con l'intento di colpire il nemico attraverso i suoi simboli.
in questo lavoro l'analisi inizia da Napoleone, passando per le vicende della seconda guerra mondiale; dopo un doveroso excursus giuridico, sono analizzati tre casi odierni di guerra dove i beni culturali sono stati loro malgrado protagonisti: ex Jugoslavia, Afghanistan, Iraq

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE “Why care about monuments? Lives are being lost. Families are becoming refugees. Children are being maimed. Why care for monuments? Some day the conflict will be over… Some day people will return to their homes… Someday shattered lives will have to be rebuilt…” Questo è quanto si legge nel sito dell’UNESCO 1 : sono poche frasi ma ritengo che val- gano più di mille discorsi a proposito della necessità di interessarsi alla situazione del patrimonio culturale durante la guerra. Curarsi di un’opera d’arte in tali frangenti non sembra poter essere una necessità, soprattutto quando l’urgenza è innanzitutto umanitaria: eppure il legame tra il bene culturale e l’uomo è strettissimo, il danno che viene provocato all’uno si riflette alla fine anche sull’altro e è un aspetto di cui tenere conto al momen- to della ricostruzione, nel dopo guerra. Come infatti la citazione dice, arriva il momento di rientrare nelle proprie case, il momento di tentare di ricominciare la vita normale: e della vita normale fa parte anche tutto quello che appartiene all’identità di una persona, di un popolo, il patrimonio culturale appunto. Si può di- struggere l’identità del nemico distruggendo ciò che lo rappresenta e rendendolo estraneo alla sua stessa ter- ra, come è accaduto nella ex Jugoslavia. Quindi pre- occuparsi e occuparsi dei beni culturali in tali momen- ti non è inutile: nella guerra viene dimenticata 1 <http://www.unesco.org/culture/legalprotection/war/html_eng/index_en.shtml>

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Valeria Fommei Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3289 click dal 29/06/2006.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.