Skip to content

Parole e percorsi di senso. Attraversare e conoscere un territorio

Informazioni tesi

comunicazione territoriale, ambiente ed organizzazione di eventi
  Autore: Michele Lucarelli
  Tipo: Tesi di Master
Master in
Anno: 2006
Docente/Relatore: Alessandro Sistri
Istituito da: Università degli Studi di Urbino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 29

Per il turista, che si avvicina per la prima volta al Montefeltro, non è semplice leggere ed interpretare i segni di un territorio così ricco di storia, di cultura, di paesaggi e ambienti tanto suggestivi quanto intatti e ben conservati. Lo sguardo ricerca, interpreta, giudica l’esperienza dei luoghi attraverso le sensazioni e le sollecitazioni a cui il soggetto/turista è sottoposto.
Il territorio turistico appare come una costruzione, legata a una storia, a investimenti economici ed ideologici, a una programmazione di flussi e di infrastrutture, a rapporti complessi fra popolazioni residenti e di paesaggio che si sfiorano e si incontrano, alla valorizzazione di bellezze e attrattive che in buona parte devono essere realizzate fisicamente e semioticamente prima di essere consumate (Rossana Bonadei, Ugo Volli).
Anche la comunicazione, gli stereotipi e l’immaginario guidano i giudizi dei turisti. Il processo di “turisticizzazione” e promozione dei luoghi, il cosiddetto “space packeging”, cerca di coinvolgere la persona e la propria individualità nel profondo, considerando tutti i sensi e le emozioni, riconducendole ad un’esperienza il più possibile significativa e positiva. Proprio per questo non si può, solo guardando, capire un testo, è necessario leggerlo e farlo a “voce alta” ovvero donandogli un’interpretazione, un senso.
Se è vero che la pratica turistica è innanzitutto pratica dello sguardo, per essere visitato e consumato, un luogo deve prima essere raccontato: da chi ci è già stato, dalle agenzie di viaggio e dalla pubblicità, ma anche dai media e dalla letteratura, e non da ultimo da chi vi abita, interprete primo del luogo su cui eventualmente si indirizza il movimento turistico. Addirittura potremmo dire che il valore del luogo si costituisce secondo le modalità di valorizzazione caratteristiche delle narrazioni, le stesse che sono all’opera ovunque vi sia racconto, da parte del residente come del visitatore; e nelle narrazioni, in varie forme di racconto, da quello interiore della memoria all’audiovisivo diffuso dalle tecnologie contemporanee, si conclude e trova la propria sanzione l’esperienza turistica.
Se i luoghi sono segnati e in certa misura anzi costituiti dalle narrazioni che ne parlano, lo sguardo del turista non è affatto innocente né tanto meno “oggettivo”. Marcato da apparenze sociali, di classe, di genere, di cultura, venato di desiderio, filtrato dai pregiudizi, ritmato dal montaggio delle attrazioni e dai tempi del viaggio, guidato da indicazioni e avvertimenti, lo sguardo del turista si deve considerare come una pratica piuttosto che come una percezione. Una pratica guidata dall’economia del piacere non meno che da quella del denaro, che arriva alla modernità carica di sovradeterminazioni e memorie, carica di testualità.
Il processo di significazione di un territorio è, così, dato dalla relazione fra il soggetto e l’ambiente, i segni vengono re-interpretati in base alle esperienze, alla cultura di appartenenza, agli sguardi che si mettono in atto.
Racconti fotografici, video, cartoline… sono tutte forme di narrazione supportate dall’utilizzo di immagini, dal XIX secolo in poi sono venute a svilupparsi una serie di tecnologie utili ad illustrare le esperienze di viaggio. Grazie a queste tecnologie alle immagini, più che alla parola, è stato affidato il compito di emozionare e di presentare il territorio. Questa nostra guida si muove in tutt’altra direzione, essa rappresenta un tentativo di regalare un paesaggio attraverso la poesia della parola, che appare più indefinita e, lascia al lettore l’immaginazione di conoscere un territorio con infiniti significati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Per il turista, che si avvicina per la prima volta al Montefeltro, non è semplice leggere ed interpretare i segni di un territorio così ricco di storia, di cultura, di paesaggi e ambienti tanto suggestivi quanto intatti e ben conservati. Lo sguardo ricerca, interpreta, giudica l’esperienza dei luoghi attraverso le sensazioni e le sollecitazioni a cui il soggetto/turista è sottoposto. Il territorio turistico appare come una costruzione, legata a una storia, a investimenti economici ed ideologici, a una programmazione di flussi e di infrastrutture, a rapporti complessi fra popolazioni residenti e di paesaggio che si sfiorano e si incontrano, alla valorizzazione di bellezze e attrattive che in buona parte devono essere realizzate fisicamente e semioticamente prima di essere consumate (Rossana Bonadei, Ugo Volli). Anche la comunicazione, gli stereotipi e l’immaginario guidano i giudizi dei turisti. Il processo di “turisticizzazione” e promozione dei luoghi, il cosiddetto “space packeging”, cerca di coinvolgere la persona e la propria individualità nel profondo, considerando tutti i sensi e le emozioni, riconducendole ad un’esperienza il più possibile significativa e positiva. Proprio per questo non si può, solo guardando, capire un testo, è necessario leggerlo e farlo a “voce alta” ovvero donandogli un’interpretazione, un senso. Se è vero che la pratica turistica è innanzitutto pratica dello sguardo, per essere visitato e consumato, un luogo deve prima essere raccontato: da chi ci è già stato, dalle agenzie di viaggio e dalla pubblicità, ma anche dai media e dalla letteratura, e non da ultimo da chi vi abita, interprete primo del luogo su cui eventualmente si indirizza il movimento turistico. Addirittura potremmo dire che il valore del luogo si costituisce secondo le modalità di valorizzazione caratteristiche delle narrazioni, le stesse che sono all’opera ovunque vi sia racconto, da parte del residente come del visitatore; e nelle narrazioni, in varie forme di racconto, da quello interiore della memoria

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi