Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I '' Mémoires de Sanson '' di Balzac e la figura del boia durante il Terrore

Partendo dagli strumenti di tortura e dallla storia del Terrore sono arrivato ad analizzare la figura del boia durante questo periodo. Mi sono occupato non di un boia qualsiasi ma dell'esecutore di Luigi XVI: Charles-Henri Sanson. Sanson era un uomo come tutti gli altri con le sue paure e i suoi timori, non un mostro o un essere spregevole come tutti credevano. Ho voluto fare anche un confroto tra la vera storia dei Sanson, raccontataci dall'ultimo dei Sanson ( Henri-Clément Sanson) e la storia romanzata di Balzac, arrivando alla conclusione che la maggior parte dei "Mémoires de Sanson" sono nati dalla fantasia dell'autore.

Mostra/Nascondi contenuto.
5INTRODUZIONE Il periodo che precede la Rivoluzione francese è molto affascinante, è caratterizzato da un estremo lusso nei salotti e nei balli a corte, un’eleganza nel vestire e nelle acconciature, ma purtroppo non tutti conducevano questa vita così agiata e serena. C’è anche l’altra Francia, quella dei meno fortunati di tutte quelle persone che non avendo di che sfamarsi lottano ogni giorno tra la vita e la morte. La grande differenza sociale e i gravi sperperi del patrimonio statale ad opera del re, sono alcune tra le cause che, portarono il 14 luglio 1789 il popolo francese ad insorgere. Allo scoppio della Rivoluzione segue un periodo buio e tenebroso per la Francia, a capo del quale c’era un unico re o meglio una regina incontrastata: la ghigliottina. È lo Stato l’unico giudice che ha il compito di sentenziare e condannare, ma l’unica mano legalmente autorizzata che può metter fine alla vita altrui è la mano del boia. Nella Bibbia e nell’Antichità, il mestiere di boia non esiste nel senso in cui lo indichiamo oggi, e l’atto di mettere a morte non è esclusivamente riservato ad un individuo o a un gruppo che effettua questo lavoro come occupazione principale. C’è l’assenza di un organo centrale incaricato di definire ed applicare la pena capitale, così come manca la figura vera e propria del boia. La messa a morte senza boia può avvenire sotto diverse forme, la più evidente è quella della lapidazione; una parte della popolazione viene incaricata di eseguire l’esecuzione in nome di tutta la società. La

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Italo Sacchetti Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1432 click dal 07/06/2006.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.