Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Carmelo Bene: il linguaggio della frantumazione

Lo scopo del presente lavoro consiste nell’analisi delle strategie di costruzione e decostruzione del testo –e della relativa prassi attoriale- messe in atto dall’autore e attore teatrale e cinematografico Carmelo Bene nel corso della sua ormai quarantennale attività.
Quattro decenni di “oltraggi” perpetrati a danno dei libri sacri della tradizione del teatro occidentale, di “riscritture critiche” –più che di “riedizioni”- di Amleto, Macbeth, Pinocchio, Salomè, Manon ed altri “miti” della letteratura mondiale, “triturati” e “contaminati” con versioni “minori” degli stessi miti, fatti oggetto di un incessante, cinico eppure struggente sberleffo. Quattro decenni trascorsi i quali la teoria e la pratica della scena, in Italia e in Europa, non potranno più essere uguali a prima.
Per cogliere appieno la portata di una simile innovazione ci è sembrato opportuno operare sui testi, entrare nel “cantiere” degli spettacoli di Bene, studiando con attenzione il gioco delle citazioni, delle suture, del montaggio e dello smontaggio dei materiali scenici. La presente indagine, pertanto, ha preso in esame alcuni esempi della produzione beniana, come altrettanti “campioni” di essa, applicandovi l’approccio sociologico della “teoria della ricezione”. Il criterio selettivo si è orientato in direzione di quegli “eventi” -cinematografici, televisivi o teatrali – intorno ai quali disponiamo di abbondante documentazione testuale e audiovisiva: i film, innanzitutto, ma anche due esiti finali del “ciclo di Shakespeare”, Hamlet Suite e Macbeth Horror Suite, senza tralasciare, naturalmente, una tra le più alte prove del “ciclo delle letture”, i Canti di Leopardi. Siamo convinti, infatti, che l’analisi attenta e puntuale di queste opere –nonché, nella misura in cui lo consentono le testimonianze disponibili, delle precedenti versioni di esse- sia sufficiente a fornire un’idea esatta del lavoro compiuto da Carmelo Bene sui testi e sui materiali extra – testuali.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Lo scopo del presente lavoro consiste nell’analisi delle strategie di costruzione e decostruzione del testo –e della relativa prassi attoriale- messe in atto dall’autore e attore teatrale e cinematografico Carmelo Bene nel corso della sua ormai quarantennale attività. Quattro decenni di “oltraggi” perpetrati a danno dei libri sacri della tradizione del teatro occidentale, di “riscritture critiche” –più che di “riedizioni”- di Amleto, Macbeth, Pinocchio, Salomè, Manon ed altri “miti” della letteratura mondiale, “triturati” e “contaminati” con versioni “minori” degli stessi miti, fatti oggetto di un incessante, cinico eppure struggente sberleffo. Quattro decenni trascorsi i quali la teoria e la pratica della scena, in Italia e in Europa, non potranno più essere uguali a prima. Carmelo Bene “agguanta” i capolavori, li fa in minuti pezzi, poi li ricompone seguendo, apparentemente, il proprio capriccio d’attore- vandalo, in realtà obbedendo –con una coerenza feroce, degna di un “asceta”- a quella “logica della sensazione” che si oppone alla “ragione storica”, la quale traveste ogni segno in un discorso e imbriglia ogni significato nella trama temporale di un racconto. Ed ecco, ad esempio, l’Amleto beniano smentire lo stereotipo del pallido principe in calzamaglia -teschio nella mano- intento a declamare pensoso “Essere o non essere”: Hamlet Suite ci presenta invece un protagonista-guitto la cui

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere

Autore: Lorenzo Terzi Contatta »

Composta da 200 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10104 click dal 08/06/2006.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.