Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ricombinazione ionica per camere a ionizzazione piatte irraggiate con fasci di elettroni ad alto rateo di dose

Fasci di elettroni ad alto rateo di dose sono stati di recente introdotti in campo radioterapico dall’impiego dell’acceleratore lineare NOVAC7 (HITESYS), appositamente sviluppato per la tecnica di radioterapia intraoperatoria IORT.
I fasci prodotti dall’A.L. NOVAC7, presentano valori di dose per impulso circa cento volte superiori ai fasci di elettroni ‘convenzionali’ usati in campo radioterapico. Le camere a ionizzazione piatte ad aria libera sono individuate come dosimetri di riferimento per misure di dose per fasci di elettroni radioterapici, fornendo comunque ad alti ratei di dose per impulso una sovrastima dosimetrica dell’ordine del 20%.Tale sovrastima è dovuta alla non corretta determinazione della ricombinazione ionica all’interno del volume sensibile delle camere. Lo studio dei modelli che permettono la determinazione del valore del fattore di ricombinazione ionica, k, è attualmente argomento di ricerca.
Misure di dose in acqua, DwTV, sono state eseguite con tre camere a ionizzazione piatte su tre fasci di elettroni NOVAC7, corrispondenti a tre diversi valori di dose per impulso utilizzando i metodi standard per la determinazione di k.
Lastre GafChromic MD-55-2 sono state usate come dosimetro di riferimento per la dosimetria dei fasci NOVAC7 in quanto presentano una indipendenza della risposta dal rateo di dose per impulso. Misure di dose in acqua, DwGAF, mediante tali film irraggiati con i fasci NOVAC7, hanno permesso di verificare la sovrastima delle dosi per impulso DwTV.
La sovrastima delle dosi ottenute con le camere a ionizzazione utilizzando metodi standard è dovuta alla presenza della frazione di elettroni liberi, p, che non contribuiscono alla ricombinazione ionica.
Per i fasci NOVAC7, sono stati determinati empiricamente i fattori k per tre camere piatte a ionizzazione ottenuti come rapporti tra la dose in acqua misurata mediante film radiocromici MD-55-2, DWGAF, e la dose in acqua misurata con le camere ma non corretta per la ricombinazione ionica, dW.
I valori dei fattori di ricombinazione, k, per le tre camere sono stati determinati per una tensione di polarizzazione V0 tale per cui detti fattori sono risultati coerenti con la teoria di Boag in tema di ricombinazione ionica all’interno nei volumi sensibili delle camere a ionizzazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO I - L’acceleratore lineare di elettroni NOVAC7 In questo capitolo sono riportate le principali caratteristiche costruttive dell’acceleratore lineare (A.L.) NOVAC7 ed i parametri fisici che caratterizzano la qualità dei fasci di elettroni prodotti da questo acceleratore. Il sistema NOVAC7 è attualmente progettato per eseguire il trattamento radioterapico intraoperatorio IORT ed in questo capitolo sono riportate le caratteristiche di detta applicazione. La radioterapia intraoperatoria (IORT) è una tecnica di trattamento particolarmente indicata per il controllo delle neoplasie localizzate in aree anatomiche che comportano limitazioni tecniche alla chirurgia a causa della presenza di tessuti sani limitrofi alla patologia. Nella IORT viene somministrata, durante l’intervento chirurgico, una dose singola elevata ( circa 10 Gy) di elettroni alla neoplasia o al letto tumorale o alle regioni a rischio di recidiva locale. Per tale motivo il NOVAC7 permette l’erogazione del fascio in tempi dell’ordine del mezzo minuto in quanto fa uso di elevati valori di dose per impulso. Questa caratteristica è particolarmente interessante per trattamenti che richiedono tempi brevi al fine di evitare il prolungarsi dello stato anestetizzante del paziente. §1.1 Caratteristiche dell’acceleratore lineare Novac7 nella tecnica di trattamento della radioterapia intraoperatoria (IORT). Il fascio di elettroni è prodotto dall’acceleratore di elettroni, dedicato ai trattamenti di radioterapia intraoperatoria ‘Intra Operative Radiation Therapy’ (IORT), NOVAC7 ,

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Aniello Russo Contatta »

Composta da 90 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1781 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.