Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il portfolio

Il Portfolio è uno strumento destinato agli alunni. Consente di conoscere in modo progressivo e sistematico il percorso personale di crescita e maturazione dello studente, aiuta a dare il senso della costruzione progressiva delle proprie competenze, a riflettere su di sé, sulle proprie capacità e potenzialità, ad orientare le scelte future

Mostra/Nascondi contenuto.
2 A) IL PORTFOLIO DELLE COMPETENZE L’avvio della Riforma della scuola, nella sua globalità, sta portando l’intero sistema educativo nazionale verso percorsi organizzativi e formativi molto complessi che richiamano, quanti coinvolti nel processo, ed i docenti in primo luogo, ad un intenso impegno di formazione in servizio dedicato a comprendere, interpretare ed attuare quanto indicato nella Legge e nelle Indicazioni generali. Il decreto legislativo 1 più recente affronta e pone in forte rilievo le tematiche pedagogiche relative ai piani di studio personalizzati ed agli obiettivi specifici di apprendimento propri per ciascun alunno, evidenzia l’importanza di una corretta valutazione degli alunni, ma soprattutto di una autovalutazione personale che ogni ragazzo deve poter fare. Fortemente legato a questi aspetti di cambiamento risulta essere la necessità e l’obbligatorietà, per ogni insegnante, di creare e gestire un portfolio delle competenze proprio di ciascun alunno 2 . Per “portfolio” si intende oggi genericamente una raccolta documentata e commentata che riguarda il curriculum formativo e lavorativo di uno studente. Nelle scuole il Portfolio ha cominciato a diffondersi negli Stati Uniti dagli inizi degli anni ‘90 e poi in altri Paesi, anche europei, nell’ambito del movimento della Valutazione Autentica 3 . Lo strumento, tuttavia, non costituiva una novità assoluta, perché varie forme e tipologie di Portfolio erano da tempo in uso fuori della scuola. Per esempio, in campo artistico o economico indicava una raccolta di opere, realizzazioni e titoli con la finalità principale di documentare il lavoro svolto e le competenze professionali possedute. Il movimento della Valutazione Autentica riutilizza questo strumento già noto per uscire dai limiti delle valutazioni standardizzate in uso negli Stati Uniti e in genere nel mondo anglosassone. Il Portfolio, al contrario della valutazione standardizzata, permette di documentare l’apprendimento, l’evoluzione e il conseguimento delle competenze dello studente, favorire la comunicazione con le famiglie e con soggetti esterni alla scuola, fornire allo studente occasioni per imparare a riflettere sul proprio percorso formativo e per autovalutarsi con il conseguente effetto di far crescere la motivazione. Proprio con queste finalità si diffondono a livello internazionale varie tipologie di Portfolio. Si tratta di strumenti che riflettono la tendenza alla documentazione di itinerari formativi personalizzati e, dal punto di vista pedagogico, la spinta a valorizzare l’attività dell’allievo anche in chiave autovalutativa. In Europa un contributo decisivo alla diffusione del Portfolio è stato dato dall’introduzione del Portfolio Europeo delle Lingue, che oggi costituisce il principale strumento di documentazione delle competenze linguistiche per i cittadini dell’Unione Europea, favorendo la trasparenza dei programmi linguistici dei vari Paesi, lo sviluppo del plurilinguismo e la mobilità delle persone. Varie tipologie di strumenti sono oggi assimilabili al Portfolio, basti citare qui solo alcuni tra i più utilizzati: • il Book. Uno strumento largamente utilizzato nel mondo del lavoro, in particolare per le professioni a carattere artistico. Nel Book l’artista o il professionista raccoglie le sue migliori produzioni o i suoi progetti più interessanti per dimostrare di possedere le competenze che l’azienda alla quale si presenta sta cercando. Nella scuola può essere un repertorio dei lavori migliori dello studente. La caratteristica principale di questo tipo di Portfolio è che lo studente stesso sceglie autonomamente i materiali da inserire nel proprio Portfolio; la selezione dei 1 Decreto legislativo 19 febbraio 2004, n. 59 2 In appendice si riportano alcune considerazioni contenute nelle Indicazioni nazionali per i piani di studio personalizzati in cui si illustra la funzione del portfolio delle competenze. 3 Il movimento per la Valutazione Autentica ( Authentic Assessment) nasce negli Stati Uniti agli inizi degli anni Novanta come critica alle modalità di valutazione standardizzate e propone modalità alternative di valutazione.

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Vincenzo Gullotta Contatta »

Composta da 24 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1976 click dal 13/06/2006.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.