Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studi di tracciabilità nell'industria di processo: il caso di un'azienda del settore agroalimentare

Si intende come tracciabilità l’insieme dei procedimenti prestabiliti e autosufficienti che permettono di conoscere la storia, l'ubicazione e la traiettoria di un prodotto o lotto di prodotti lungo la catena di fornitura e somministrazione in un dato istante, attraverso determinati procedimenti.

La tracciabilità implica pertanto la creazione di condizioni organizzative e di dati sulle unità e qualità dei componenti incorporati lungo le varie fasi della produzione.

Inoltre la tracciabilità è estesa all'intero processo della catena logistica, essendo fondamentale mappare le componenti in ingresso, nel ciclo di Approvvigionamento (tracciabilità ascendente) e quelle in uscita, nella fase di Distribuzione e vendita(tracciabilità discendente).

Per affrontare e controllare varie problematiche riscontrate negli ultimi anni in campo agroalimentare viene richiesta la più completa affidabilità riguardo alla sicurezza, all’origine e alla qualità degli alimenti.

Una risposta alle esigenze di sicurezza e di controllo del flusso informativo lungo le varie fasi della catena logistica, dal fornitore al cliente finale, può essere data dall’analisi ed implementazione di un sistema di tracciabilità.

L’importanza della tracciabilità è stata riconosciuta dall’Unione Europea e da una relativa normativa, entrata in vigore nel gennaio 2005.

Mostra/Nascondi contenuto.
135      Analizzati i meccanismi di approvvigionamento e ricezione nell’ambito della tracciabilità ascendente e le modalità di identificazione e distribuzione del prodotto terminato, argomenti relativi alla tracciabilità discendente, occorre ora studiare i meccanismi di produzione che trasformano le materie prime nel prodotto terminato, sia attraverso i flussi di materiali che attraverso i flussi di informazione. L’obiettivo dell’analisi sarà una verifica dei requisiti che consentiranno l’implementazione di un sistema di tracciabilità di processo; richiamiamo il concetto di tracciabilità interna: “conoscere in maniera precisa e saper localizzare la posizione dei vari lotti delle componenti che si stanno utilizzando e creare lotti interni che facilitino questa identificazione, lungo tutti i processi interni: immagazzinamento, produzione, trasformazione, invasamento, stoccaggio, distribuzione.” La tracciabilità interna ha luogo indipendentemente dai partner commerciali e si concretizza in una serie di procedure specifiche di ciascuna azienda, che consentono di risalire alla provenienza dei materiali, al loro utilizzo e alla destinazione dei prodotti. Domande fondamentali a cui si dovrà rispondere nell’analisi sono del tipo: in quale fase della produzione siamo; cosa si sta creando; come si crea; quando si crea; a partire da quali componenti; quando il prodotto di divide; quando il prodoto si mescola; quando si identifica il prodotto finale. La natura del rifornimento delle componenti e le varie fasi della produzione distinguono le differenti trasformazioni di elaborazione, unione, travaso tra contenitori, impacchettamento, e così via.. questo richiede una corretta identificazione per facilitare la struttura di tracciabilità. Il punto cruciale per una corretta tracciabilità interna sarà: - corretta identificazione delle componenti in input. - corretto studio delle modalità di incorporazione della componente nel processo e del momento di questa incorporazione C’è quindi un'esigenza di identificazione per ogni componente consumata, che deve collegarsi ai vasti processi di transazione e di trasformazione da trovare nelle catene di rifornimento e produzione. Essenzialmente ci sono due categorie primarie di trasformazione riferite alle componenti che alle informazioni per gli scopi di tracciabilità interna: la cascata e la fusione. La cascata si riferisce ai processi in cui l'articolo o gli articoli ricevuti è suddiviso oppure è separato per formare le parti costituenti, le serie dell’articolo o gli input di una serie mista di articoli; ciascuna di queste finalità del processo di cascata richiede, per consentire una corretta

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Davide Longhi Contatta »

Composta da 345 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3354 click dal 06/06/2008.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.