Skip to content

L'Europa Scomunicata - strumenti e valori europei tra campagne di informazione e referendum

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Scorsino
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Mario Morcellini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 210

L’Europa ha difficoltà a comunicare se stessa. Lo dimostrano alcune ricerche (cfr. M.R. Allegri, ricerca sul sistema informativo dell’Unione europea), lo testimoniano i rinnovati sforzi della Commissione per definire una politica comune di informazione e comunicazione dell’Unione (COM 354/2001 e Action Plan del 20/7/2005) e forse possono essere interpretati in questo senso anche gli esiti dei referendum per la ratifica della Costituzione europea in Francia e in Olanda. La situazione sembra essere leggermente migliore per quanto riguarda la comunicazione di servizio, ovvero il trasferimento e lo scambio di informazioni pratiche, amministrative, gestionali, comunque di diretto impatto sui cittadini europei (utenti e operatori pubblici) come le politiche di sostegno finanziario (Fondi strutturali). Quando però si passa alla comunicazione valoriale le difficoltà aumentano ed ecco che nonostante gli articoli sulla stampa, i servizi in televisione, i dibattiti pubblici e i siti web dedicati, la nuova Costituzione europea non è riuscita a passare, nell’opinione pubblica, in alcuni Stati in cui c’era comunque stata una comunicazione “preparatoria”. Perché?
Uno dei punti critici può risiedere nell’organizzazione del modello comunicativo: rispetto a determinate politiche comunitarie, le istituzioni dell’Unione sono responsabili solo dell’elaborazione delle linee guida e dei criteri di orientamento, ma l’attuazione e le azioni di disseminazione delle informazioni restano competenza dei singoli Stati membri.
Un secondo elemento di criticità risiede poi nel mancato coinvolgimento dei destinatari finali (i cittadini europei) della comunicazione anche nel processo di definizione della politica: la nuova Europa ha finito per essere recepita più come l’Europa dei burocrati che non come l’Europa dei popoli. Non è un caso se il sito della Vice presidente della Commissione europea Margot Wallström si apre con la seguente frase: “I believe that it is essential to speak with people, rather than talk at them. What matters is to engage in a dialogue. Communication can never be one-way” e se nel suo comunicato stampa di lancio del Piano d’azione della Commissione per il miglioramento della comunicazione sull’Unione europea si legge il seguente slogan: “Listen, Communicate, Go local”.
Un terzo elemento di criticità può risiedere nell’oggetto della comunicazione: valori come quelli dell’identità, delle radici culturali, della sicurezza, della pubblica utilità, dello stato-nazione sono difficili da armonizzare (e quindi da comunicare in maniera omogenea) perché si instaurano su basi nazionali differenti per esperienza, vissuto e grado di sviluppo.
Infine, il canale preferenziale della comunicazione istituzionale europea (il web) forse non è il più adatto a raggiungere, in questo momento, il target di riferimento e quindi l’obiettivo generale delle politiche di comunicazione dell’Unione europea.
La presente indagine si prefigge dunque di mappare e analizzare un set di prodotti di comunicazione sulle politiche comunitarie e un insieme di risultati di ricerche e sondaggi sull’opinione pubblica europea, per verificare la correttezza dell’ipotesi sugli elementi di criticità che impediscono all’istituzione Europa una efficace comunicazione di se stessa.


CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 PREMESSA Il nodo EU-caristico L’Europa Scomunicata perché comunicata male, o meglio perché ha difficoltà a comunicare se stessa, a raggiungere i cittadini nei loro contesti, con le loro lingue, a farsi conoscere, a divulgare le informazioni sulle sue istituzioni e i meccanismi di funzionamento. L’Europa che fatica cioè ad accreditarsi presso l’opinione pubblica e a essere percepita come un’entità sovranazionale che non metta in discussione identità, culture e poteri locali. L’Europa Scomunicata perché senza collegamenti tra le sue parti, perché nonostante gli sforzi fatti da politici più o meno illuminati negli ultimi 60 anni, fatica a far nascere e crescere quel senso di appartenenza a una istituzione comune, indispensabile per la formazione e il consolidamento di una società civile unita, seppur “nella diversità”, come recita il motto della nuova Europa. Una società civile che corrisponda a un insieme di popoli e non solo di mercati; a un incontro di persone, culture, sentimenti e non solo di leggi, monete e burocrati rinchiusi nelle torri di Bruxelles e Strasburgo a decidere misure economiche e politiche strutturali che avranno comunque impatto sulla quotidianità di quasi mezzo miliardo di persone. L’Europa Scomunicata perché sconfessata, appunto, proprio da quelle persone che, nel momento in cui è stata data loro la possibilità di parlare, hanno detto “no”. No a un progetto che le rappresenta poco, che le ha poco coinvolte e ancor meno ascoltate, soprattutto rispetto ai timori per le conseguenze interne e lo stato sociale, dalla perdita dei posti di lavoro a quella della sovranità nazionale. I risultati dei referendum in Francia e in Olanda sulla ratifica del Trattato per la Costituzione europea ne sono un esempio. E anche se in quei “no” pesano ragioni politiche interne, il dato non andrebbe sottovalutato. Innanzitutto perché non è stato il primo: nei referendum di ratifica del Trattato di Maastricht in Danimarca prevalsero i no e in Francia la vittoria dei sì fu di strettissima misura (51,05%); anche per il Trattato di Nizza ci fu un rifiuto in fase referendaria, quello dell’Irlanda; senza contare la secolare contrarietà del Regno Unito e la generale diffidenza dei Paesi scandinavi. Certo, non si tratta di un rifiuto in blocco del progetto della nuova Europa da parte di tutti i popoli europei. Ma, al di là delle ragioni specifiche, se settori importanti (per dimensione geografica, storica e culturale) dell’opinione pubblica continuano a non condividere i cardini del processo di integrazione, un problema ci deve essere. Almeno un problema di conoscenza e quindi di comunicazione, come è stato evidenziato in occasione della Conferenza interministeriale sulla comunicazione dell’Europa che si è tenuta a Wicklow (Irlanda) il 7 e l’8 aprile del 2004. La Conferenza ha rappresentato un segnale politico importante da parte della Presidenza di turno dell’Unione (irlandese) che ha messo al centro della sua agenda per il semestre europeo proprio la “comunicazione”, quale strumento principe per avvicinare i cittadini all’Europa. L’iniziativa “Communicating Europe” nasce infatti dalla consapevolezza della distanza tra le istituzioni e la società civile europea (messa in luce anche dai rapporti Eurobarometro degli ultimi anni) e dalla necessità di recuperare questo gap per garantire una maggiore adesione e un migliore funzionamento dell’Unione. Anche se, ovviamente, il deficit di

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione europea
comunicazione pubblica
europa
fondi strutturali
libro bianco comunicazione
opinione pubblica
politiche comunitarie
unione europea

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi