Skip to content

Somministrazione di lavoro e appalto

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Amato
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Maria Josè Vaccaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 302

Nel cap. I, il lavoro si apre con una disamina degli obiettivi e delle condizioni economico sociali che hanno condotto il legislatore all’introduzione nel nostro ordinamento del lavoro interinale e successivamente della somministrazione di lavoro.
Nel secondo capitolo, dopo l’analisi generale delle condizioni che hanno portato alla decisione di riformare nuovamente il mercato del lavoro italiano, si affronta per la prima volta, in modo specifico, il fenomeno dell’interposizione, in senso lato, dalla l. 1369/1960 alla legge delega n. 30/2003, con un commento dettagliato degli artt. 1-11 della l. 196/1997.
Il cap. III interviene, invece, ad analizzare il nuovo lavoro interinale o somministrazione di lavoro nel confronto con l’istituto dell’appalto , analizzando forse uno degli aspetti più importanti della riforma Biagi del mercato del lavoro.
Il contratto di somministrazione di lavoro viene poi analizzato in tutti i suoi elementi costitutivi necessari e particolare attenzione è riservata ai casi in cui la legge riserva o vieta la possibilità di costituire un valido rapporto di somministrazione tra Agenzia e impresa utilizzatrice.
Da sottolineare è anche il rapporto che si instaura tra Agenzia e prestatore di lavoro nonché tra prestatore e impresa utilizzatrice. Ovviamente si tenta di trattare tutti gli aspetti, anche previdenziali e sindacali,di questo rapporto di lavoro che determina un traslazione del potere direttivo dal datore effettivo all’utilizzatore, con tutti i problemi che ne conseguono.
Segue poi l’elencazione delle nuove fattispecie di somministrazione illecita, fraudolenta e irregolare, sorte dalle ceneri della l. 1369/1960.
Il capitolo studia la nuova figura dell’appalto, i rapporti e le differenze con la somministrazione di lavoro, con un breve accenno alla certificazione dei rapporti di lavoro, che consentirà di distinguere figure di appalto genuino dalla mera somministrazione di manodopera.
Per concludere interessante è la proposta di intravedere nella somministrazione di manodopera un strumento di flessibilità in uscita, posta la rigidità del nostro mercato del lavoro proprio in uscita a fronte, invece, di un livello di flessibilità in entrata ben maggiore.
Il cap. IV fa riferimento ai nuovi soggetti intermediari, ovvero le Agenzie per il lavoro, che a differenza dei soggetti predecessori potranno esercitare contemporaneamente sia attività di intermediazione che di somministrazione. Nei paragrafi del capitolo in esame si cerca di evidenziare come le nuove Agenzie per il lavoro si propongano come centri polifunzionali per l’impiego.
L’ultimo capitolo, ovvero il quinto, si propone come uno strumento di indagine storico comparatistica volto a confrontare la fattispecie della somministrazione di lavoro con istituti analoghi in Gran Bretagna e in Francia.
Sempre nel cap. V si pone in essere una disamina particolareggiata della proposta di direttiva da parte della Commissione Ce sul mercato del lavoro e che è destinata ad influire ampiamente sul nostro mercato del lavoro, nonché sui due mercati presi a confronto: quello francese e quello britannico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
VII Prefazione Il diritto del lavoro è un settore dell’ordinamento giuridico in continua evoluzione e largamente sensibile agli influssi che provengono dall’esterno. Il fenomeno della globalizzazione, l’espansione di nuovi mercati, la ristrutturazione del modello organizzativo aziendale, il fenomeno delle esternalizzazioni, fanno da cornice e, allo stesso tempo, da impulso alla necessità di porre in essere una riforma del mercato del lavoro. La riforma Biagi del mercato del lavoro (dal nome del suo ideatore prof. Marco Biagi) è stata oggetto in dottrina di diverse e spesso contrastanti classificazioni: buona riforma, cattiva riforma, riforma giusta o sbagliata, riforma che cambia poco o molto. Forse l’angolo di visuale con cui ci si deve porre è quello di osservatore distaccato, obiettivo, tanto da poter concludere che sicuramente la riforma Biagi è opinabile nei suoi contenuti, ma su di un punto è possibile convenire: si tratta di una riforma necessaria. La esigenza di intervenire nuovamente sulla normativa posta alla base del mercato del lavoro è stata richiesta da più parti: Commissione Europea, Associazione dei datori di lavoro, forze politiche, ma soprattutto dalla pressante domanda di flessibilità che è derivata dallo stesso mondo del lavoro. Le concezioni del lavoro di stampo “fordista” sono state da tempo abbandonate per fare posto ad una organizzazione sempre più elastica e cangiante delle strutture aziendali, in modo tale da poter dare concreta risposta alle irrefrenabili dinamiche di un mercato oramai non solo europeo ma globalizzato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

appalto
biagi
d.lgs.276/2003
interinale
interposizione fraudolenta
interposizione illecita
interposizione irregolare
lavoro interinale
lavoro temporaneo
legge biagi
somministrazione
temporaneo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi