Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le strategie di pricing per i beni culturali. Indagine esplorativa sui musei della città di Roma.

Non esistono motivi dimostrati per i quali si debba escludere che l’arte ed il marketing possano coesistere in maniera pacifica, armoniosa e reciprocamente profittevole. E’ opinione diffusa che le logiche di marketing ed in generale gli interessi economici cerchino, in certi casi riuscendoci, di corrompere la purezza e l’autonomia del sistema artistico, ma se ciò si verifica non si ha più a che fare con il marketing bensì con una sua degenerazione, che ne mantiene il nome ma non le finalità. Un approccio corretto e lungimirante porrà invece gli strumenti del marketing al servizio del patrimonio artistico per garantirne la tutela, la divulgazione e, in senso generale, la massima valorizzazione. Tali sono i presupposti da cui muove questo lavoro, che intende analizzare il ruolo della variabile prezzo nel contesto gestionale del museo, il suo sviluppo nel tempo e la diversificazione per i differenti target. Il primo capitolo individua il contesto generale di riferimento. Una volta identificato e definito con chiarezza il complesso ruolo socioculturale del museo, sono affrontati i diversi ambiti con cui un efficace marketing museale è chiamato a confrontarsi: dall’analisi della domanda e della concorrenza, all’acquisizione di concetti tipici del marketing tradizionale come la missione ed il posizionamento, sino all’ar-ticolazione strategica dell’offerta nelle quattro leve del marketing-mix. Il secondo capitolo è interamente dedicato alla leva del prezzo. Tradizionalmente non facile da accettare come elemento di marketing in senso proprio, oltre che come aspetto delle gestione economico-finan-ziaria, il prezzo risulta ancora più complesso da collocare nel contesto museale. Dopo un’articolata analisi delle motivazioni favorevoli o contrarie al biglietto d’ingresso per le mostre d’arte, il lavoro affronta rapidamente i contributi legislativi, alquanto scarsi, attualmente vigenti in Italia. Una volta analizzate le variabili sottostanti alla determinazione della tariffa (costi, concorrenza, domanda) il lavoro passa in rassegna le principali e più applicate strategie di discriminazione del prezzo. Il terzo capitolo affronta infine sette diversi mix strategici posti in essere dai più rilevanti siti museali romani, analizzandone le analogie e le differenze, nonché i limiti e le possibili opportunità.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Non esistono motivi dimostrati per i quali si debba escludere che l’arte ed il marketing possano coesistere in maniera pacifica, armoniosa e reciprocamente profittevole. E’ opinione diffusa che le logiche di marketing ed in generale gli interessi economici cerchino, in certi casi riuscendoci, di corrompere la purezza e l’autonomia del sistema artistico, ma se ciò si verifica non si ha più a che fare con il marketing bensì con una sua degenerazione, che ne mantiene il nome ma non le finalità. Un approccio corretto e lungimirante porrà invece gli strumenti del marketing al servizio del patrimonio artistico per garantirne la tutela, la divulgazione e, in senso generale, la massima valorizzazione. Tali sono i presupposti da cui muove questo lavoro, che intende analizzare il ruolo della variabile prezzo nel contesto gestionale del museo, il suo sviluppo nel tempo e la diversificazione per i differenti target. Il primo capitolo individua il contesto generale di riferimento. Una volta identificato e definito con chiarezza il complesso ruolo socioculturale del museo, sono affrontati i diversi ambiti con cui un efficace marketing museale è chiamato a confrontarsi: dall’analisi della

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Roberto Ottolino Contatta »

Composta da 97 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2493 click dal 22/06/2006.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.