Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ipertensione arteriosa essenziale e spessore medio-intimale dell’arteria carotide comune

Il Rapporto Tecnico dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) definisce l’ipertensione arteriosa come “il più frequente disordine cardiovascolare”, presente in circa il 20% della popolazione adulta di molti paesi.
In Italia il Progetto RIFLE (Risk Factors and Life Expectancy) fornisce un dato di prevalenza di poco superiore: nei 52 campioni di soggetti esaminati (per un numero complessivo di oltre 70.000 e con età compresa tra 20 e 69 anni) e distribuiti in 13 regioni, la percentuale di soggetti ipertesi va dal 21,3 al 25,7% .
Oltre che per questa elevata prevalenza l’ipertensione arteriosa si caratterizza per essere una condizione ad elevato rischio di eventi cardiovascolari avversi.
L’ipertensione è un fattore di rischio per ictus cerebrale, cardiopatia ischemica (angina pectoris, infarto, morte improvvisa) e per malattie cardiovascolari in generale per le quali è stata dimostrata una importante ed indipendente correlazione di cui esistono evidenze autoptiche, sperimentali, epidemiologiche e terapeutiche.
Sia in popolazioni dell’emisfero occidentale che in popolazioni dell’emisfero orientale elevati valori di pressione arteriosa, sistolica e diastolica, sono correlati ad un aumentato rischio di ictus (35-40%). L’incremento dei valori pressori sisto-diastolici sono, inoltre, positivamente associati sia all’emorragia che all’infarto cerebrale, ma l’associazione sembra essere più consistente per il primo che per il secondo evento patologico.
Nello studio di Framingham a 30 anni dall’inizio dell’osservazione, l’incidenza di angina pectoris, infarto miocardico e morte improvvisa è risultata complessivamente del 17,4 % nei maschi e del 9,6 % nelle femmine tra i soggetti normotesi, mentre è circa il doppio nei soggetti con ipertensione arteriosa lieve (PA=140-159/90-94 mmHg) di entrambi i sessi con un aumento ulteriore tra i pazienti ipertesi con valori pressori più elevati.
Secondo i dati di follow-up dello studio MRFIT relativo a soggetti di sesso maschile4 la mortalità per cardiopatia ischemica direttamente attribuibile all’ipertensione arteriosa è pari a circa il 43%, 17% e 7% nelle tre fasce di ipertensione arteriosa sistolica 140-159 mmHg, 160-179 mmHg e ³ 180 mmHg.
Il rischio di scompenso cardiaco, è anch’esso correlato ai livelli di pressione arteriosa, ma l’entità della correlazione è meno ben codificata di quanto non lo sia quella con l’ictus e la patologia coronarica. Sono tuttavia disponibili dati che indicano che pazienti anche solo anamnesticamente ipertesi hanno un rischio di scompenso cardiaco almeno 6 volte superiore rispetto a individui non ipertesi.
Nei pazienti ipertesi, il rischio di complicanze cardiovascolari è influenzato dall’età e dai fattori di rischio coesistenti, in particolare dislipidemia, insulino resistenza e diabete, e dalla presenza di danno d’organo a livello cardiaco (ipertrofia ventricolare sinistra), renale (albuminuria) e vascolare (placche aterosclerotiche).

Mostra/Nascondi contenuto.
1 IPERTENSIONE ARTERIOSA ESSENZIALE E SPESSORE MEDIO-INTIMALE DELL’ARTERIA CAROTIDE COMUNE INTRODUZIONE Il Rapporto Tecnico dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) 1 definisce l’ipertensione arteriosa come “il più frequente disordine cardiovascolare”, presente in circa il 20% della popolazione adulta di molti paesi. In Italia il Progetto RIFLE (Risk Factors and Life Expectancy) fornisce un dato di prevalenza di poco superiore: nei 52 campioni di soggetti esaminati (per un numero complessivo di oltre 70.000 e con età compresa tra 20 e 69 anni) e distribuiti in 13 regioni, la percentuale di soggetti ipertesi va dal 21,3 al 25,7% 2 . Oltre che per questa elevata prevalenza l’ipertensione arteriosa si caratterizza per essere una condizione ad elevato rischio di eventi cardiovascolari avversi. L’ipertensione è un fattore di rischio per ictus cerebrale, cardiopatia ischemica (angina pectoris, infarto, morte improvvisa) e per malattie cardiovascolari in generale per le quali è stata dimostrata una

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Danilo Giannini Contatta »

Composta da 60 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6851 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.