Skip to content

Ipertensione arteriosa essenziale e spessore medio-intimale dell’arteria carotide comune

Informazioni tesi

  Autore: Danilo Giannini
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Cardiologia
Anno: 1999
Docente/Relatore:
Istituito da: Università degli Studi di Pisa
Coautore: Dott. Pedrinelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 60

Il Rapporto Tecnico dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) definisce l’ipertensione arteriosa come “il più frequente disordine cardiovascolare”, presente in circa il 20% della popolazione adulta di molti paesi.
In Italia il Progetto RIFLE (Risk Factors and Life Expectancy) fornisce un dato di prevalenza di poco superiore: nei 52 campioni di soggetti esaminati (per un numero complessivo di oltre 70.000 e con età compresa tra 20 e 69 anni) e distribuiti in 13 regioni, la percentuale di soggetti ipertesi va dal 21,3 al 25,7% .
Oltre che per questa elevata prevalenza l’ipertensione arteriosa si caratterizza per essere una condizione ad elevato rischio di eventi cardiovascolari avversi.
L’ipertensione è un fattore di rischio per ictus cerebrale, cardiopatia ischemica (angina pectoris, infarto, morte improvvisa) e per malattie cardiovascolari in generale per le quali è stata dimostrata una importante ed indipendente correlazione di cui esistono evidenze autoptiche, sperimentali, epidemiologiche e terapeutiche.
Sia in popolazioni dell’emisfero occidentale che in popolazioni dell’emisfero orientale elevati valori di pressione arteriosa, sistolica e diastolica, sono correlati ad un aumentato rischio di ictus (35-40%). L’incremento dei valori pressori sisto-diastolici sono, inoltre, positivamente associati sia all’emorragia che all’infarto cerebrale, ma l’associazione sembra essere più consistente per il primo che per il secondo evento patologico.
Nello studio di Framingham a 30 anni dall’inizio dell’osservazione, l’incidenza di angina pectoris, infarto miocardico e morte improvvisa è risultata complessivamente del 17,4 % nei maschi e del 9,6 % nelle femmine tra i soggetti normotesi, mentre è circa il doppio nei soggetti con ipertensione arteriosa lieve (PA=140-159/90-94 mmHg) di entrambi i sessi con un aumento ulteriore tra i pazienti ipertesi con valori pressori più elevati.
Secondo i dati di follow-up dello studio MRFIT relativo a soggetti di sesso maschile4 la mortalità per cardiopatia ischemica direttamente attribuibile all’ipertensione arteriosa è pari a circa il 43%, 17% e 7% nelle tre fasce di ipertensione arteriosa sistolica 140-159 mmHg, 160-179 mmHg e ³ 180 mmHg.
Il rischio di scompenso cardiaco, è anch’esso correlato ai livelli di pressione arteriosa, ma l’entità della correlazione è meno ben codificata di quanto non lo sia quella con l’ictus e la patologia coronarica. Sono tuttavia disponibili dati che indicano che pazienti anche solo anamnesticamente ipertesi hanno un rischio di scompenso cardiaco almeno 6 volte superiore rispetto a individui non ipertesi.
Nei pazienti ipertesi, il rischio di complicanze cardiovascolari è influenzato dall’età e dai fattori di rischio coesistenti, in particolare dislipidemia, insulino resistenza e diabete, e dalla presenza di danno d’organo a livello cardiaco (ipertrofia ventricolare sinistra), renale (albuminuria) e vascolare (placche aterosclerotiche).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 IPERTENSIONE ARTERIOSA ESSENZIALE E SPESSORE MEDIO-INTIMALE DELL’ARTERIA CAROTIDE COMUNE INTRODUZIONE Il Rapporto Tecnico dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) 1 definisce l’ipertensione arteriosa come “il più frequente disordine cardiovascolare”, presente in circa il 20% della popolazione adulta di molti paesi. In Italia il Progetto RIFLE (Risk Factors and Life Expectancy) fornisce un dato di prevalenza di poco superiore: nei 52 campioni di soggetti esaminati (per un numero complessivo di oltre 70.000 e con età compresa tra 20 e 69 anni) e distribuiti in 13 regioni, la percentuale di soggetti ipertesi va dal 21,3 al 25,7% 2 . Oltre che per questa elevata prevalenza l’ipertensione arteriosa si caratterizza per essere una condizione ad elevato rischio di eventi cardiovascolari avversi. L’ipertensione è un fattore di rischio per ictus cerebrale, cardiopatia ischemica (angina pectoris, infarto, morte improvvisa) e per malattie cardiovascolari in generale per le quali è stata dimostrata una

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arteria carotide
cardiologia
ipertensione arteriosa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi