Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il lease-back nel panorama delle P.M.I

Il presente studio riguarda il contratto di sale and lease-back , altrimenti denominato lease-back o locazione finanziaria di ritorno, nel panorama delle P.M.I.
La molteplicità delle definizioni date dalla dottrina al leaseback è di per sé stessa indice delle perplessità che hanno accompagnato e tuttora accompagnano, la natura giuridica dell’accordo.
Tra i “nuovi contratti d'impresa”, il lease-back è si-curamente quello che è guardato con maggior sospetto, sopratutto per quanto riguarda il profilo della liceità, considerata la presenza, nel nostro ordinamento del divieto di patto commissorio (art. 2744 c.c.).
L’interesse è alimentato soprattutto da un tormentato iter giurisprudenziale segnato prima dal revirement della Cassazione nel 1983, e poi dall’intervento delle Se-zioni Unite, nel 1989, in tema di patto commissorio. Ap-pare evidente che, quando la giurisprudenza ha escluso la configurabilità di un patto commissorio nullo ai sensi dell'art. 2744 c.c. in presenza di un trasferimento imme-diato della proprietà, il sale and lease-back sia stato considerato estraneo al divieto. Una volta venuta meno tale linea di demarcazione del tutto formalistica, si è acceso un vivace dibattito giurisprudenziale e dottrinale.
Come sarà chiarito in seguito, sia in dottrina che in giurisprudenza, sono individuabili due fondamentali li-nee di pensiero: l'una propensa a concedere uno spazio di operatività al contratto in esame, riconoscendolo in linea di principio lecito e meritevole di tutela; l'altra, al-l'opposto, tendente a negargli diritto di cittadinanza, in quanto contrastante con principi inderogabili del nostro ordinamento.
Tale dibattito, avviatosi più di quindici anni or sono, è giunto ad un punto di svolta, grazie alla storica sentenza della Cassazione n. 10805/95, cui si riconosce il merito, di aver fatto, per la prima volta, chiarezza sul rapporto tra lease-back e divieto del patto commissorio.
Ciò che rileva in questa sentenza è:
- la patente di legittimità conferita al lease-back, per le sua capacità di attuare finalità di autofinanziamento: tali peculiarità lo rendono idoneo a realizzare interessi meritevoli di tutela (art. 1322 c.c.);
- la legittimazione del ricorso da parte dei giudici ad un controllo non più formale della fattispecie, bensì casistica. È compito dell’interprete verificare, caso per caso, se gli scopi effettivamente perseguiti dalle parti, così come sono dichiarati nel regolamento contrattuale, permet-tano di accertare la sussistenza di una discriminante ri-spetto ad un lease-back “puro” o “normale”, che rappresenta la regola.
Tale pronuncia rappresenta il punto di partenza per individuare la liceità e la meritevolezza degli interessi sottesi agli accordi qualificabili come sale and lease-back. Lo studio si sviluppa sulla falsariga della ricostruzione storico-logicagiuridica della qualificazione di tali accordi, nel tentativo di far emergere, sulla base dell’analisi casistica, la ratio che dall’iniziale giudizio di illiceità ha condotto ad una differente considerazione di tale contratto.

Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA Il presente studio riguarda il contratto di sale and lease-back 1 , altrimenti denominato lease-back o locazione finanziaria di ritorno, nel panorama delle P.M.I. La molteplicità delle definizioni date dalla dottri- na al leaseback è di per sé stessa indice delle perplessità che hanno accompagnato e tuttora accompagnano, la natura giuridica dell’accordo. Tra i “nuovi contratti d'impresa”, il lease-back è sicuramente quello che è guardato con maggior so- spetto, sopratutto per quanto riguarda il profilo della liceità, considerata la presenza, nel nostro ordinamen- to del divieto di patto commissorio (art. 2744 c.c.). L’interesse è alimentato soprattutto da un tor- mentato iter giurisprudenziale segnato prima dal revi- rement della Cassazione nel 1983, e poi dall’intervento 1 Letteralmente tradotto: vendita (sale) e locazione finanziaria di ritorno (le- ase-back), spesso però si usa il termine lease-back o leasing di ritorno.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Mario Massara Contatta »

Composta da 244 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3406 click dal 26/06/2006.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.