Skip to content

Antifascismo e Resistenza nell'analisi di Giorgio Amendola

Informazioni tesi

  Autore: Marcello Demuro
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Storico politico internazionale
  Relatore: Enrico Bogliolo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 49

In questa tesi ho cercato di ricostruire la tappe fondamentali dell’elaborazione individuale del pensiero di Giorgio Amendola. Quest’indagine nasce dalla personale scoperta delle sue autobiografie più entusiasmanti: Una Scelta di vita e Un’ Isola. Prosegue, sulla base della lettura e consultazione di tutte quelle fonti che a mio avviso, sono state necessarie per ricavare un quadro completo della sua concezione sull’antifascismo e la Resistenza.
Fin dal principio, Amendola si orienta verso la ricerca della libertà, come presupposto necessario per creare una società migliore. A questo proposito, concentra tutte le energie per indagare sulle ragioni che hanno permesso la vittoria del fascismo. La riflessione sull’originalità di tale movimento e la successiva morte del padre, lo inducono a lottare attivamente contro il regime.
Come giovane liberale influenzato da Piero Gobetti, ne condivise il concetto fondamentale, che vedeva nel proletariato la classe destinata a generare una nuova società, nella quale le istanze socialiste si incontrassero con la prassi liberale. In questa fase, Amendola vedeva nella socialdemocrazia, un sistema politico in grado di soddisfare le esigenze della popolazione. Tuttavia, dopo essersi impegnato attivamente per la costituzione di un movimento progressista in grado di conquistare l’egemonia antifascista, dovette constatare l’assoluta inerzia degli amici liberali, i quali, furono vittime dell’attesismo e della rassegnazione. Questo fu il punto di svolta delle successive azioni.
Alla ricerca di nuovi stimoli intellettuali, dopo una lunga ed appassionata ricerca, ricca di confronti e discussioni, decise di iscriversi al partito comunista.
La sua scelta di vita, si tradusse in un’appassionata e rischiosa militanza per la difesa dei diritti dei lavoratori, persuaso dal fatto che, solamente attraverso il socialismo, si poteva ottenere l’abbattimento del regime e l’instaurazione di una repubblica proletaria. In carcere, al confino e in esilio, ebbe modo di apprezzare le qualità umane dei differenti lavoratori. Strenuo difensore dell’emancipazione dei contadini, ritenne opportuna un’alleanza con gli operai per salvaguardare i loro diritti contro l’abuso dei padroni.
Nel periodo dell’emigrazione, pur sostenendo con vigore le sue convinzioni politiche, non rinuncerà mai a cercare la collaborazione con gli altri partiti antifascisti per l’abbattimento del regime di Mussolini.
Dalla fine degli anni trenta, egli sostenne una posizione politica meno dogmatica e più realista. Convinto dell’impossibilità di mutuare il sistema politico sovietico, decise di accantonare la formula della dittatura del proletariato, a beneficio della piena affermazione della democrazia progressiva. Durante la Resistenza, egli constatò direttamente la validità di tale teoria, affascinato dalla maniera con la quale i CLN locali si occupavano della risoluzione dei problemi quotidiani attraverso il pieno coinvolgimento delle masse.
La mia tesi è suddivisa in tre capitoli e ciascuno di essi affronta la visione politica di Amendola. Il primo, mette in evidenza il contesto storico nel quale comincia a formarsi il suo pensiero con particolare riferimento alle vicende del primo dopoguerra, soprattutto all’influenza che il fascismo e la morte del padre hanno avuto nei suoi confronti. La descrizione della sua volontà di combattere contro il regime contro ogni forma di attesismo. L’importanza della sua scelta di vita attraverso l’adesione al marxismo.
Nel secondo capitolo, ho voluto mettere in evidenza la sua esperienza di vita clandestina. Sono descritti i suoi tentativi di stabilire un’azione unitaria antifascista sia con gli altri partiti, sia con la dissidenza interna. Ho sottolineato prevalentemente la sua esperienza al carcere e al confino dove passò per la scuola di proletarizzazione, ossia la necessità di effettuare i lavori più duri per ottenere la fiducia dei suoi compagni. Ho cercato di raccontare come queste importanti esperienze abbiano arricchito umanamente Amendola, che in quelle occasioni, ebbe modo di conoscere la realtà dei lavoratori italiani.
Nel terzo capitolo, ho messo in rilievo la sua attività di dirigente nelle file dell’emigrazione francese e la partecipazione alla lotta partigiana di quel paese. Ho ricordato il suo impegno per la creazione del più ampio fronte antifascista in Italia e la sua esperienza di combattente durante la Resistenza.
Ho ritenuto doveroso ricordare la figura di Giorgio Amendola. Militante serio e combattivo, egli ha dimostrato di combattere per gli ideali in cui credeva traducendo il pensiero in azione durante il ventennio fascista e la Resistenza. Il periodo più avvincente della sua vita, nel quale egli ha sempre lottato per l’emancipazione delle masse.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE In questa tesi ho cercato di ricostruire la tappe fondamentali dell’elaborazione individuale del pensiero di Giorgio Amendola. Quest’indagine nasce dalla personale scoperta delle sue autobiografie più entusiasmanti: Una Scelta di vita e Un’Isola. Prosegue, sulla base della lettura e consultazione di tutte quelle fonti che a mio avviso, sono state necessarie per ricavare un quadro completo della sua concezione sull’antifascismo e la Resistenza. Fin dal principio, Amendola si orienta verso la ricerca della libertà, come presupposto necessario per creare una società migliore. A questo proposito, concentra tutte le energie per indagare sulle ragioni che hanno permesso la vittoria del fascismo. La riflessione sull’originalità di tale movimento e la successiva morte del padre, lo inducono a lottare attivamente contro il regime. Come giovane liberale influenzato da Piero Gobetti, ne condivise il concetto fondamentale, che vedeva nel proletariato la classe destinata a generare una nuova società, nella quale le istanze socialiste si incontrassero con la prassi liberale. In questa fase, Amendola vedeva nella socialdemocrazia, un sistema politico in grado di soddisfare le esigenze della popolazione. Tuttavia, dopo essersi impegnato attivamente per la costituzione di un movimento progressista in grado di conquistare l’egemonia antifascista, dovette constatare l’assoluta inerzia degli amici liberali, i quali, furono vittime dell’attesismo e della rassegnazione. Questo fu il punto di svolta delle successive azioni. Alla ricerca di nuovi stimoli intellettuali, dopo una lunga ed appassionata ricerca, ricca di confronti e discussioni, decise di iscriversi al partito comunista. La sua scelta di vita, si tradusse in un’appassionata e rischiosa militanza per la difesa dei diritti dei lavoratori, persuaso dal fatto che, solamente attraverso il socialismo, si poteva ottenere l’abbattimento del regime e l’instaurazione di una repubblica proletaria. In carcere, al confino e in esilio, ebbe modo di apprezzare le qualità umane dei differenti lavoratori. Strenuo difensore dell’emancipazione dei contadini, ritenne opportuna un’alleanza con gli operai per salvaguardare i loro diritti contro l’abuso dei padroni. Nel periodo dell’emigrazione, pur sostenendo con vigore le sue convinzioni politiche, non rinuncerà mai a cercare la collaborazione con gli altri partiti antifascisti per l’abbattimento del regime di Mussolini. Dalla fine degli anni trenta, egli sostenne una posizione politica meno dogmatica e più realista. Convinto dell’impossibilità di mutuare il sistema politico sovietico, decise di accantonare la formula della dittatura del proletariato, a beneficio della piena affermazione della democrazia progressiva. Durante la Resistenza, egli constatò direttamente la validità di tale teoria, affascinato dalla maniera con la quale i CLN locali si occupavano della risoluzione dei problemi quotidiani attraverso il pieno coinvolgimento delle masse. La mia tesi è suddivisa in tre capitoli e ciascuno di essi affronta la visione politica di Amendola. Il primo, mette in evidenza il contesto storico nel quale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

amendola
antifascismo
antifascisti
cln
comunismo
confino
fascismo
fuoriusciti
liberazione
ponza
resistenza
socialismo
ventennio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi