Skip to content

L’aspirazione dell’amministrazione al risultato. Il percorso verso l'efficienza

Informazioni tesi

  Autore: Simona Labieni
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Paola Piras
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 103

La presente tesi ha per oggetto uno degli aspetti che ha caratterizzato il processo di riforma delle pubbliche amministrazioni iniziato più di quindici anni fa e che possiamo considerare ancora in corso: l’efficienza e il raggiungimento del risultato.
Il lavoro si divide essenzialmente in due parti ed in tre capitoli: nella prima parte è trattato il nuovo modello di amministrazione di risultato (2° capitolo), il relativo significato elaborato in proposito dai numerosi autori che hanno dedicato al risultato e all’amministrazione di risultato parte del loro lavoro; si è cercato, così, di dare una definizione a tale formula che può essere considerata rivoluzionaria di gran parte del pensiero riguardante l’amministrazione pubblica intesa sia in riferimento alla sua organizzazione, ma, soprattutto, alla sua funzione, ai suoi obiettivi e all’attività che essa svolge e a come la svolge. La trattazione dell’amministrazione di risultato è preceduta da una discussione sulla nozione di efficienza che affonda le sue radici nel principio costituzionale di buon andamento della pubblica amministrazione sancito dall’art. 97 della Costituzione (1° capitolo). E’ a quest’ultimo principio che viene dedicata la parte iniziale della tesi, nel ricordo dei lavori avviati per la redazione della Carta costituzionale che posero tale principio in una posizione marginale, quasi un opzione dell’attività della pubblica amministrazione. Nella seconda parte è rappresentato l’esempio di un’amministrazione pubblica sotto il profilo dell’efficienza e del risultato: l’amministrazione universitaria. Vengono affrontati i temi dell’organizzazione, degli strumenti adottati e dei progetti realizzati, o in corso di realizzazione per il raggiungimento dell’efficienza, del nuovo sistema dei controlli e della valutazione. Attraverso tale percorso si è cercato di riflettere su come l’università può essere valutata, di quali risultati si può parlare quando si discute di un’istituzione che, forse più di tante altre, può essere considerata lontana da “principi aziendalistici”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Negli ultimi quindici anni le pubbliche amministrazioni sono state al centro, e lo sono tutt’oggi, di un processo di riforma e cambiamento che ha riguardato sia i modelli organizzativi che il modo di pensare e di gestire i rapporti con l’esterno e all’interno. In poche parole, tutta l’organizzazione pubblica. Numerosi interventi legislativi si sono susseguiti nel tempo con un obiettivo unico e preponderante: migliorare e rinnovare le pubbliche amministrazioni, tanto che la formula “riforma della pubblica amministrazione” è diventata uno slogan. Un vero e proprio processo di ammodernamento della pubblica amministrazione iniziato negli anni novanta come una rivoluzione che sta trasformando il sistema amministrativo italiano per renderlo più efficiente e in linea con i sistemi amministrativi delle pubbliche amministrazioni degli altri Stati europei. Le riforme degli anni novanta, fino a quelle più recenti, investono organizzazione, azione, pubblico impiego e dirigenza, controlli, amministrazione locale e distribuzione delle attribuzioni tra i soggetti pubblici. Si afferma la distinzione tra politica e amministrazione, si affermano i principi di accesso, partecipazione, trasparenza, pubblicità, efficacia, economicità, efficienza, qualità, responsabilità, snellimento, privatizzazione, si discute di nuova dirigenza, managerializzazione, valutazione e nuovi controlli interni ed esterni sui risultati, decentramento ecc. E’ emerso, così, un nuovo rapporto tra pubblico e privato e tra cittadini e pubblica amministrazione. Il cittadino, che prima doveva “subire” le scelte della pubblica amministrazione come un “suddito” della stessa, confinato in una posizione di soggetto passivo, è oggi diventato soggetto attivo, che partecipa e interviene al procedimento amministrativo per il raggiungimento di una soluzione concordata dello stesso. Si è passati, così, da un atteggiamento di supremazia della pubblica amministrazione ad un’amministrazione per accordi; la pubblica amministrazione deve adeguarsi alle esigenze dei cittadini e della collettività e fornire un servizio pubblico il più corrispondente possibile a tali esigenze. In questo processo di riforma hanno svolto un ruolo determinante anche lo sviluppo delle tecnologie informatiche, la semplificazione amministrativa e la comunicazione pubblica. Per capire, è sufficiente tornare indietro di dieci o più anni, pensare ai modi in cui operava la pubblica amministrazione, ai tempi, alla carta che regnava sovrana e incontrastata, alla mancanza di una rete di informazione capillare, veloce, alla totale carenza di strumenti informatici. Non si può negare l’importanza delle pubbliche amministrazioni per il ruolo essenziale che svolgono nella vita di ciascun individuo e dell’intera collettività; ogni giorno, delle centinaia di azioni che compiamo, molte di queste le svolgiamo grazie alla pubblica amministrazione perché è troppo onnipresente per affermare il contrario.TP 1 PT Gli scritti in proposito sono molteplici, le discussioni sul rinnovamento sono numerose arricchendo notevolmente la letteratura giuridica, economica e sociologica. Molti concetti ora entrati nell’organizzazione delle pubbliche amministrazioni erano, prima, riferimenti e obiettivi delle sole aziende private che operano in una situazione di elevato interesse verso il miglioramento indispensabile per il loro buon funzionamento e per il raggiungimento del risultato. Le pubbliche amministrazioni, però, non sono equiparabili alle imprese che svolgono la loro attività in una situazione di mercato che diviene parametro di riferimento per il conseguimento degli obiettivi preposti e del TP 1 PT CAMMELLI M., La pubblica amministrazione, Bologna, 2004, p. 7.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

amministrazione di risultato
articolo 97 costituzione
autolimite
buon andamento
controlli
d.lgs. n. 286/1999
efficienza
indicatori
legalità
misurazione
programmazione
pubblica amministrazione
risultato
università
valutazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi