Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il colera nell'Italia dell'Ottocento: l'epidemia di Ancona del 1865-67

La mia tesi tratta, principalmente attraverso una analisi sociale, economica e comportamentale, il fenomeno colera nel XIX secolo italiano, con particolare attenzione all'epidemia di Ancona del 1865-67. Attraverso lo studio delle epidemie di colera ho messo in luce alcuni aspetti socio-culturali delle società che ne furono vittima.
Ampia è la mole di dati statistici contenuti nel lavoro, che dispone di molteplici tabelle riepilogative della letalità e della mortalità in campo nazionale, attraverso anche confronti tra le varie ondate che si sono succedute durante tutto il secolo. Notevole attenzione viene posta alle reazioni popolari della gente e della classe medica di fronte alla malattia, confrontando i progressi nella comprensione della stessa durante il secolo. In appendice sono stati inseriti alcuni documenti ricavati dallo studio degli archivi e delle biblioteche pubbliche di alcune località marchigiane, i quali si sono dimostrati utili per evidenziare maggiormente alcuni aspetti peculiari delle epidemie coleriche in tale territorio.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Il colera è una malattia che si affacciò per la prima volta in Europa ed in Italia nel XIX secolo. Il cholera morbus è una delle malattie che hanno avuto il maggiore impatto non solo per l’alto tasso di mortalità e letalità raggiunto, ma anche per l’enorme interesse che procurò tra amministratori ed uomini di scienza: è ampia infatti la documentazione rilasciata specialmente dai medici che si trovarono a combattere questo nuovo e sconosciuto morbo, importato e contagioso, ma numerose sono anche le testimonianze degli amministratori centrali e locali incaricati di predisporre le norme e le misure antiepidemiche. Studiare le epidemie di colera ottocentesche è importante per conoscere il carattere della società che ne fu vittima: come ha affermato Giorgio Cosmacini, la malattia non è infatti solamente un fenomeno biologico, ma anche sociale 1 . Il colera ebbe un impatto assolutamente senza precedenti nell’immaginario collettivo delle popolazioni di tutta Europa: la pur progredita civiltà ottocentesca si abbandonò a reazioni esasperate che a molti ricordarono da vicino quelle apparentemente superate osservatesi nei secoli precedenti innanzi alla peste, tanto che Tognotti ha parlato per il caso italiano di comparsa di un «nuovo Medioevo» 2 . Quando la malattia comparve per la prima volta in Italia, molti ne individuarono la causa nella collera divina, 1 G. Cosmacini, Storia della medicina e della sanità in Italia. Dalla peste europea alla guerra mondiale. 1348-1918, Roma-Bari, Laterza, 1988 (1987), pp. IX-XVI. 2 E. Tognotti, Il mostro asiatico. Storia del colera in Italia, Roma-Bari, Laterza, 2000, p. 233.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Andrea Pongetti Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2024 click dal 05/07/2006.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.