Skip to content

Human Rights Plus Subsidiarity for a New Division of the International Political Labour: A United Nations – European Union – North Atlantic Treaty Organization Tripartite Model of Coordination

Informazioni tesi

  Autore: Davide Zaru
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Relatore: Antonio Papisca
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 260

This thesis aims at assessing whether there is a link between the empowerment of NATO and the EU, the rationalization and streamlining of their mandates and the effective correct implementation of Chapter VII (seven) of the Charter of the UN, namely to the establishment of a UN-centred stellar system in the area of international peace and security. To put it in different words, this work wishes to analyse the current EU-NATO framework of coordination with the following questions in mind: “Does such coordination exercise have a positive impact on the empowerment and democratization of the UN?” What we somehow expect from the discussion of the abovementioned hypothesis is the relevancy of our proposed model of a global security governance system including a division of the international labour between the UN and regional organizations that relies on the principle of subsidiarity and on the common adoption of a human rights approach. Thus, the arguments that are supported in this work go beyond a reaffirmation of the need for the regional organizations to act with the authorization and under the control of the UN SC as provided for in Chapter VIII of the Charter. This latter, in Articles 52, 53 and 54 reaffirms the previsions of Chapter VII related to the primacy of the SC on issues concerning actions with respect to threats to the peace, breaches of the peace and acts of aggression. Still, Chapter VIII does not cover the coordination between the UN and regional organizations in all remaining dimensions of security. It is therefore our understanding that the introduction of hierarchical dimensions into the international legal system tends to build a model of international order in which the UN has granted a leading role with regard to all dimensions of global security governance, even in those cases in which the SC does not represent the obligatory forum for decision-taking under international law. This thesis argues then that the allocation of competencies between the UN and regional organizations should ultimately be decided by the UN SC. Although we are certainly aware of the fact that the feasibility of such hypothesis rests in the consent that should be provided by the international organizations membership, namely by States, we shall approach the present topic assuming that for a State the fact of joining an international organization has direct implications on the definition of its foreign policy: in other words, it is argued in this thesis that Member States of an international organization progressively tend to converge to a shared vision of world order: thus, the respective visions of world order are assumed being the final outcome of the process and strategy of coordination between NATO and the EU, rather than as an independent variable that allows, influences or eventually impedes its development. Such process of international institutional socialization provided by international organizations is not neutral, but indeed it relies on a well established values paradigm: it has been referred to in the literature as a “process of constitutionalization of the international system”: this research shall ultimately aim at assessing whether the ongoing process of development of forms of co-operation and coordination between NATO and the EU represents part of this process

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
16 INTRODUCTION A. General Framing The starting point of this research is the empirical realization that there is an increasing trend towards co-operation and coordination between the North Atlantic Treaty Organization (NATO) and the European Union (EU). Such forms of co-operation and coordination aim at addressing those problems that are due to a lack of effective division of labour between two regional organizations sharing – to a certain extent – the same geographic areas of activities. In addition to this geographic overlap, it is worth to stress the fact that NATO and the EU are progressively assuming a shared broadened concept of security, which refers 1) to the need of guaranteeing the securitization of the referent objectives through a strategy of internal protection rather than of the one of external projection and 2) to the primary goal of protecting individuals, communities and peoples. The perspective of progressive co-operation and coordination between NATO and the EU not only affects in a significant way the reshaping European Security Architecture – which is no longer based on the concept of contrasting alliances – but could also be considered as a manifestation of the ongoing process of streamlining and rationalization of the intergovernmental organizations (IGOs). It is also worth to remark that such exercise of coordination is being developed while both NATO and the EU are facing radical transformations in their respective structures and missions. Besides, what is more interesting is the fact that the experience of collaboration and coordination between the two organizations occurs at the time of maximum development of their functions and capacities. This reflects a clear trend of growing importance accorded to regional organizations for the purposes of the implementation of strategies of global governance that constitute significant driver for the promotion of peace and of an international order of the international relations that is consistent with that one set for in Article 28 of both the International Covenant on civil and political rights and the International Covenant on economic, social and cultural rights. This growing importance of the role of regional organizations is reflected in the ongoing debate over the reform of the United Nations (UN): the latest documents on the reform – and particularly Kofi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

human rights mainstreaming
human security
international coordination
lavoro politico
nato
pesc
pesd
human rights
subsidiarity
coherence
european defense
military ethics
regional organizations
common european security
regionalism
use of force

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi