Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il tascabile : opportunità di lettura e di marketing

Questa tesi ripercorre le tappe fondamentali della storia del libro tascabile, per comprenderne l’evoluzione nel corso del tempo e i cambiamenti da una nazione all’altra.
Inizialmente, dopo aver dato alcune definizioni di tascabile, se ne esaminano le origini più antiche, ovvero i libri in formato ottavo di Aldo Manuzio. Si passa poi agli albori del libro in formato ridotto, tra il Diciannovesimo e il Ventesimo secolo, negli Stati Uniti, in Francia e in Inghilterra, occupandosi del Pocket Book, del Livre de poche e soprattutto del Penguin, esempio per eccellenza del tascabile moderno, di qualità e con una diffusione veramente di massa.
In seguito vengono trattate in maniera approfondita le vicende del tascabile in Italia dagli inizi del Novecento fino ai primi anni Duemila; particolare attenzione è stata dedicata al ruolo ricoperto dalla BUR (Biblioteca Universale Rizzoli), alla rivoluzione del tascabile degli anni Sessanta (con gli Oscar Mondadori e la vendita nelle edicole ) e al processo di tascabilizzazione dell’editoria degli anni Novanta. Infine, vengono presentate le interviste a due esponenti delle case editrici che maggiormente hanno segnato la storia del paperback italiano, la Mondadori e la Rizzoli.
In conclusione va sottolineato come il libro tascabile abbia vissuto la sua definitiva consacrazione nel corso del Novecento, offrendo (e continuando ancora ad offrire) al pubblico dei lettori l'occasione di avere accesso alla cultura occidentale e la possibilità di partecipare al dibattito politico-culturale contemporaneo, ma anche di assecondarne le esigenze di intrattenimento con libri disimpegnati e di agevole lettura; senza dimenticare infine, il suo essere un’opportunità per le case editrici di aumentare le vendite e la diffusione dei propri prodotti editoriali.


Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Il libro tascabile rappresenta un concetto commerciale e identifica libri economici stampati in dodicesimo o in sedicesimo che soprattutto nella seconda metà del XX secolo ha permesso un notevole aumento della loro diffusione limitandone i prezzi. Ma allo stesso tempo non identifica solo un operazione finalizzata all’aumento delle vendite ma un’incredibile opportunità per milioni di persone di approcciare un nuovo mondo, quello della lettura, capace a sua volta di aprirne mille altri. Il tascabile ha rappresentato un importante cambiamento nella storia dell’editoria mondiale, cambiando le abitudini di lettura e avvicinando ai libri, grazie alle sue caratteristiche di maneggevolezza, praticità e costo ridotto, ampie fasce della popolazione che altrimenti, in precedenza, ne sarebbero rimaste distanti. Nel primo capitolo di questa tesi ripercorrerò le origini del libro tascabile ( dal ridimensionamento del formato per aumentarne la facilità di trasporto ai primi successi di pubblico), in una sorta di storia del prototascabile prima e

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Francesca Fiori Contatta »

Composta da 359 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1700 click dal 24/07/2006.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.