Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il palinsesto di seconda serata in Italia: da ''Bontà Loro'' ad oggi quando la tv fa le ore piccole

Questa tesi intende analizzare i cambiamenti di linguaggio e contenuto del palinsesto televisivo di seconda serata. In primo luogo contestualizzando e ripercorrendo la nascita di questa fascia televisiva nella televisione italiana, arrivando ad osservare la situazione attuale dell'ultima stagione televisiva 2005/2006 nelle reti generaliste. Successivamente sono state analizzate le programmazioni dei palinsesti di alcune principali reti in Francia e in Regno Unito nella stagione 2005/2006. Nel confronto vengono messe in luce le caratteristiche, le analogie e le differenze con la seconda serata italiana. Il confronto si sofferma sui generi televisivi più caratterizzanti la programmazione di questa fascia oraria.
Nell'analizzare i palinsesti di seconda serata si riscontra la costante tendenza del mezzo televisivo a superare le barriere fra generi televisivi, che risultano ricchi di contaminazioni e ibridazioni. La componente più presente della seconda serata è quella del talk, dello spettacolo di parola, una componente presente sia nell'approfondimento, sia nell'intrattenimento leggero.
I risultati portano alla considerazione che possono essere individuati tre costanti della programmazione di seconda serata sia in Italia che nelle televisioni europee analizzate: approfondimento, dibattito, sperimentazione.
La seconda serata in Italia e in Europa evidenzia anche creatività e ricerca verso l'innovazione dei linguaggi televisivi, rivelandosi un prezioso laboratorio di idee per tutta la televisione, stabilendo un rapporto con lo spettatore caratterizzato da un notevole tasso di interattività, attraverso e-mail, sms, chat, come dimostrano i siti web delle trasmissioni che creano community di telespettatori.
In appendice alla tesi è presente un confronto su dati forniti dall'Osservatorio Mediamonitor, che osservano il comportamento dei due principali talk show italiani, dell'ultima stagione televisiva, 2005/2006, Matrix e Porta a Porta, confrontando i temi scelti nelle puntate andate in onda lungo il periodo elettorale febbraio-aprile 2006.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Premessa La profonda e continua trasformazione del mezzo televisivo nei cinquanta anni della sua storia, rende costantemente necessaria una attenta analisi all'evoluzione dei cambiamenti contenutistici e formali in relazione al mutamento sociale. La televisione degli esordi era fortemente connotata dal suo debito nei riguardi delle forme dell'industria culturale, come il teatro, il cinema, la radio e anche la carta stampata, ed elaborava contenuti che partivano dai quei generi e linguaggi. Negli anni, la televisione ha gradualmente elaborato un proprio linguaggio, creando suoi generi specifici e raggiungendo una totale consapevolezza e una grande autonomia rispetto al passato. La seconda serata è nata quando i tempi televisivi si sono dilatati e la televisione ha iniziato a programmare fino a 24 ore giornaliere consecutive. Questa fascia oraria ha in sé la vocazione di proporre qualcosa di innovativo. E' finalità di questo studio analizzare il cammino della seconda serata, ripercorrendo il contesto in cui è nata, osservandone le peculiarità, i successi e i limiti, arrivando a decodificare la situazione attuale e confrontandola con due importanti modelli televisivi europei, come quello francese e inglese. In Appendice, inoltre, grazie ai dati dell'Osservatorio Mediamonitor, si è cercato di analizzare le strategie di programmazione messe in atto dai due talk show di seconda serata, Porta a Porta e Matrix nel contesto della campagna elettorale del febbrario-aprile 2006. Marcello Strippoli

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Marcello Strippoli Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1185 click dal 21/07/2006.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.