Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Giornalismo, la verità possibile

La mia tesi sull’obiettività giornalistica vuole dimostrare che se considerata un metodo all’approccio giornalistico e se distinta da un altro tema, spesso confuso, quale la neutralità, l’obiettività giornalistica diviene un fine attuabile concretamente.
L’obiettività è una tecnica, una metodologia, un mezzo per raggiungere un fine. Si tratta di raccontare un fatto dicendo tutto ciò che è possibile sapere di esso nel momento in cui il fatto è osservato e dalla posizione dalla quale è osservato.
Confrontando alcuni quotidiani è possibile notare come una stessa notizia può essere presentata in modi diversi, ma l’obiettività può rimanere comunque un fine che il giornale si propone di perseguire.
L’obiettività intesa come principio supremo del giornalismo, scevra da qualsiasi limite che la soggettività del lavoro giornalistico mette in campo, si pone davvero come un’utopia impossibile da raggiungere. Ma se ci si sofferma sulla sua definizione e se ne ridimensionano le attese, l’obiettività diviene un fine concretamente attuabile.
Tesi segnalata dall'Ordine dei Giornalisti di Sicilia per il Premio Mario Francese

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE L’obiettività giornalistica è un tema al centro del dibattito sull’informazione. Nel passato, con la nascita delle prime gazzette, non si poneva il problema dell’informazione manipolata. Brevi e sporadici bollettini informativi rivolti a un esiguo gruppo di elitari lettori. A questo si riduceva l’informazione. Oggi, a quattro secoli di distanza, molto è cambiato. Nella società odierna, avvolta dal turbinoso processo di modernizzazione che offre tecnologie e mezzi sempre più avanzati alla portata di tutti, l’informazione diviene un diritto sempre più rispettabile, ma al tempo stesso può divenire un prodotto di facile manipolazione. Si può accedere all’informazione in mille modi diversi. Si può fruire di quella lavorata e prodotta da altri, ma si può anche ricercarla in modo del tutto individuale con la democratica possibilità di attingere a fonti diverse. Internet, il grande spazio virtuale, ormai a disposizione di tutti, consente un accesso libero e personalizzato a qualsiasi forma di informazione. Veniamo giornalmente bersagliati da centinaia di immagini provenienti da tutto il mondo, che danno testimonianza degli avvenimenti di tutti i colori della cronaca.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Valentina D'anna Contatta »

Composta da 120 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6965 click dal 24/07/2006.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.