Skip to content

Infant Research: dalla ricerca di base alla ricerca applicata. Uno studio pilota sul processo terapeutico

Informazioni tesi

  Autore: Simona Giannecchini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Pier Nicola Marasco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 49

Questo studio pilota, basandosi sull’ormai comprovata rilevanza dei processi impliciti, procedurali e non verbali (D. Westen, 2001) e credendo nella validità dell’alternativa proposta da D. Western (2005) ai disegni sperimentali RCT da me esposta nel capitolo 3 del presente lavoro, vuole testare la possibilità di “costruire” una procedura in grado di “quantificare” l’efficacia di un trattamento terapeutico o di facilitazione che possa avvalersi di parametri relativi al processo e non al contenuto terapeutico, che hanno il grosso vantaggio di essere indipendenti rispetto alla particolare prospettiva seguita dalla Scuola a cui aderisce il professionista sotto osservazione (Heller, 2004).
Si tratterebbe quindi di una procedura applicabile a vasto spettro in grado di utilizzare la pratica clinica come un laboratorio naturale.
Supponendo che a fronte di una richiesta d’aiuto la modalità relazionale del paziente/cliente sarà molto probabilmente caratterizzata da carenza di flessibilità e quindi da forme di coping nei confronti di un disturbo dell’interazione, poter “fotografare” i processi prevalenti in un soggetto che inizia un certo tipo di percorso, potrebbe permettere di verificare in studi di follow-up quanto l’intervento sia riuscito a promuovere una maggiore armonia fra autonomia e reciprocità, fra Sé e Altro senza doversi occupare nello specifico né delle particolari tecniche verbali, corporee, cognitive-comportamentali, ecc. che sono state utilizzate né della particolare diagnosi che è servita ad “orientare” l’intervento terapeutico (Disturbo d’ansia generalizzato piuttosto che Disturbo ossessivo-compulsivo e così via).
In un contesto formativo, d’altro canto, la medesima procedura potrebbe fornire un valido appoggio nella supervisione di allievi futuri counselor e/o terapeuti, sia per il potente effetto feedback fornito dall’analisi dei video, sia per la possibilità di fornire parametri di riferimento oggettivi per valutare il training.
Il modello teorico di riferimento (Modello di equilibrio intermedio) deriva dagli studi di Infant Research e dalla necessità di applicare i risultati con essa ottenuti al trattamento degli adulti e viene dagli autori definito un “modello integrato tra Infant Research e psicoanalisi” (Beebe, Lachmann, 2002).
Aspetti centrali dello strumento sono:
- la codifica di prime sedute terapeutiche, o di counseling, opportunamente videoregistrate che permette di cogliere importanti informazioni sul piano non verbale del processo relazionale in atto (piano implicito, pre-simbolico).
- trattandosi di relazioni fra adulti, lo strumento deve essere in grado di cogliere informazioni sul piano verbale (esplicito e simbolico) e di correlarlo con il piano non verbale in modo da fornire un indice riassuntivo di validatà

Nella lavoro di tesi sono stati proposti strumenti di codifica e di modellazione matematica derivanti, anch’essi, dalla ricerca di Beebe e Lachman sulla relazione madre-bambino e si è proposto un tentativo di adattamento alla situazione adulta. L’indice riassuntivo di validità è stato costruito sulla base del modello teorico di mente relazionale proposto dagli stessi autori.
Per il piano verbale è stato invece proposto un questionario da somministrare al terapeuta e/o counselor.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Abstract Questo studio pilota, basandosi sull’ormai comprovata rilevanza dei proces- si impliciti, procedurali e non verbali (D. Westen, 2001) e credendo nella validi- tà dell’alternativa proposta da D. Western (2005) ai disegni sperimentali RCT da me esposta nel capitolo 3 del presente lavoro, vuole testare la possibilità di “costruire” una procedura in grado di “quantificare” l’efficacia di un trattamento terapeutico o di facilitazione che possa avvalersi di parametri relativi al processo e non al contenuto terapeutico, che hanno il grosso vantaggio di essere indipen- denti rispetto alla particolare prospettiva seguita dalla Scuola a cui aderisce il professionista sotto osservazione (Heller, 2004). Si tratterebbe quindi di una procedura applicabile a vasto spettro in grado di utilizzare la pratica clinica come un laboratorio naturale. Supponendo che a fronte di una richiesta d’aiuto la modalità relazionale del paziente/cliente sarà molto probabilmente caratterizzata da carenza di flessibili- tà e quindi da forme di coping nei confronti di un disturbo dell’interazione, po- ter “fotografare” i processi prevalenti in un soggetto che inizia un certo tipo di percorso, potrebbe permettere di verificare in studi di follow-up quanto l’intervento sia riuscito a promuovere una maggiore armonia fra autonomia e reciprocità, fra Sé e Altro senza doversi occupare nello specifico né delle partico- lari tecniche verbali, corporee, cognitive-comportamentali, ecc. che sono state utilizzate né della particolare diagnosi che è servita ad “orientare” l’intervento terapeutico (Disturbo d’ansia generalizzato piuttosto che Disturbo ossessivo- compulsivo e così via). In un contesto formativo, d’altro canto, la medesima procedura potrebbe fornire un valido appoggio nella supervisione di allievi futuri counselor e/o te- rapeuti, sia per il potente effetto feedback fornito dall’analisi dei video, sia per la possibilità di fornire parametri di riferimento oggettivi per valutare il training. Il modello teorico di riferimento (Modello di equilibrio intermedio) deriva dagli studi di Infant Research e dalla necessità di applicare i risultati con essa ottenuti al trattamento degli adulti e viene dagli autori definito un “modello in- tegrato tra Infant Research e psicoanalisi” (Beebe, Lachmann, 2002) applicato nell’analisi di interazioni faccia a faccia. 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

autoregolazione
bambino empirico
codifica interazioni
comportamento non verbale
comunicazione non verbale
efficacia di un trattamento
linguaggio del corpo
modello sistemico diadico
mutuaregolazione
osservazione
processi implici
processi relazionali
processo terapeutico
ricerca azione
serie temporali
teoria dei sistemi dinamici
teoria dell'interazione
terapie supportate empiricamente
validazione terapia
videomicroanalisi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi