Skip to content

Strumenti di valutazione dell'attaccamento nel ciclo di vita

Informazioni tesi

  Autore: Elena Caraccio
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Paola Molina
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 261

La teoria dell'attaccamento, fondata su concetti psiconalitici ed etologici (Bowlby, 1969, 1973, 1980) e legata alla teoria sistemica e alla psicologia cognitiva (Holmes, 1993), ha assimilato le prospettive della psicologia dello sviluppo (Ainsworth e Witting, 1969; Ainsworth, Blehar, Waters e Wall, 1978), considerando l'attaccamento come "un insieme di comportamenti del bambino, un sistema di motivazioni, una relazione fra madre-bambino, un costrutto teorico e un'esperienza soggettiva del bambino sottoforma di 'modelli operativi' " (Stern, 1985;trad. it. 1987, p.41).
A differenza degli approcci psicodinamici tradizionali, fondati su ricostruzioni retrospettive dei processi di sviluppo, la teoria dell'attaccamento ha studiato lo sviluppo sociale ed emotivo del bambino secondo un'ottica evolutiva e prospettica, e ha dato molta importanza all'osservazione diretta e naturalistica (Calvo e Fava Viziello, 1997).
Esistono moltissimi strumenti che valutano le abilità cognitive o lo sviluppo della personalità degli adulti, molti che studiano le capacità cognitive nei bambini e pochissimi che sono in grado di valutare le caratteristiche dell'interazione sociale nel ciclo della vita (Di Nuovo, 2000; cit. in Cassibba e D'Odorico, 2000).
In origine, l'attaccamento è stato considerato un evento evolutivo specifico di una particolare fase della vita (Bowlby, 1958, 1960a;Ainsworth, 1969). Studi successivi hanno dimostrato che la qualità della relazione di attaccamento non si limita solo al legame iniziale fra madre-bambino, ma si ritrova anche nelle relazioni che il bambino instaura durante la seconda infanzia, e influenza di fatto tutto l'arco della vita (Stern, 1985).
Prima degli anni '70, l'attaccamento è stato valutato "sulla base di comportamenti molecolari, come sguardi, vocalizzazioni, aspetti prossemici ecc." (Stern, 1985; trad. it. 1987, p.192).Con il passare del tempo questo tipo di valutazione, che non permetteva di cogliere la qualità e le variazioni dei modelli di attaccamento da un'età all'altra, è stato superato da strumenti di verifica sempre più efficaci.
Nel 1978, con l'ideazione della Strange Situation (Ainsworth, Bleahr, Waters, Wall, 1978), i ricercatori hanno incominciato ad utilizzare "valutazioni sintetiche più globali e qualitative"(Stern, 1985; trad. it. 1987, p.193), individuando tre tipi di attaccamento nel bambino : sicuro (tipo B), ansioso-evitante (tipo A), e ansioso-ambivalente (tipo C).
Il merito di Mary Ainsworth è quello di avere messo in evidenza l' importanza delle differenze individuali nella qualità dell'attaccamento. Ogni bambino possiede un determinato stile di attaccamento, che riflette il modo in cui ciascun soggetto ha vissuto il rapporto con i caregivers, che possono avere soddisfatto il bisogno di protezione e di sicurezza, oppure possono essere stati poco responsivi (Ainsworth, Bleahr, Waters e Wall, 1978).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
IV ’’Quando le persone cominciano a scrivere pensano di dover scrivere qualcosa di definito […]. Credo che ciò sia fatale. Lo stato d'animo in cui mettersi a scrivere è: “Devo proprio raccontare una storia interessante. Spero che interessi qualcuno. Comunque è il meglio che posso fare per ora ”. Se si adotta questa linea di condotta si comincia a lavorare e non ci si pensa più' ’’ (Bowlby, cit. in Holmes, 1993; trad. it. 1994, p. 1) Premessa La teoria dell'attaccamento si è dimostrata un apparato teorico molto fecondo "per la ricerca in età evolutiva, per la valutazione clinica e per il trattamento dei bambini" (Calvo e Fava Viziello, 1997, p. 480) Il successo di questo framework e' dovuto al suo eclettismo, che riflette la personalità originale e poliedrica del suo fondatore John Bowlby. L'influenza esercitata dalla teoria dell'attaccamento si è estesa in molti settori, originando nuove prospettive per la ricerca, sia nella psicologia dello sviluppo che nella psicoanalisi. Secondo Bretherton (1992a), i nuovi ambiti di ricerca più promettenti riguardano: 1. Attaccamento e rappresentazione - In seguito alle ricerche di Main, Kaplan e Cassidy (1985) eseguite sul campione di Berkley, si sono analizzati gli aspetti psicologici e rappresentazionali dell'attaccamento, dando molta importanza alla trasmissione intergenerazionale dei pattern di attaccamento. 2. Attaccamento e ciclo vitale - Bowlby e Parkers (1970; cit. in Bretherton, 1992a) hanno effettuato le prime ricerche sul lutto degli adulti, mentre Weiss (1977; cit. in Bretherton, 1992a) si è interessato alle conseguenze causate dalle separazioni coniugali. Successivamente, l'attenzione si è focalizzata sull'attaccamento in età adolescenziale (Ammaniti, 1992) e in età adulta (Ainsworth, 1989). 3. Attaccamento e psicopatologia - si sono intrapresi degli studi che analizzano le relazioni di attaccamento in famiglie, con caregivers maltrattanti o depressi (Belsky e Nezworsky, 1988; cit. in Bretherton, 1992a).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adult attachment interview
ainsworth
attaccamento
bowlby
età evolutiva
main
metacognizione
modello operativo interno
psicologia
relazione madre-bambino
relazione padre-bambino
strange situation
test

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi