Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le due culture nella narrativa di Amitav Ghosh

postcoloniale, scienza, mito, narrativa, india

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Capitolo 1: Le Due Culture 1.1 Le Due Culture Quando si parla di letteratura e scienza può sembrare esista uno squilibrio tra i due termini. Il termine scienza comprende una vasta gamma di discipline tra cui la biologia, la chimica, la fisica e molte altre; invece il termine letteratura sembra rappresentare solo uno dei livelli delle discipline umanistiche. In realtà nel dibattito fra letteratura e scienza il vocabolo letteratura racchiude in sé tutte le altre discipline umanistiche. Il termine letteratura viene scelto: "as a champion of the arts" . Le ragioni dell'esistenza delle due culture sono molteplici, profonde e complesse, alcune sono radicate nella storia delle società ed altre nelle diverse forme dell'attività mentale. La rivoluzione agricola e quella scientifico- industriale, che coincide con le rivoluzioni industriali inglesi, sono gli unici mutamenti del vivere sociale che gli uomini abbiano mai conosciuto, ma la cultura umanistica non se ne rese conto o le ignorò di proposito. La cultura tradizionale non si chiese quali fossero le motivazioni di quelle spinte al progresso e se ne estraniò e si richiuse su se stessa pensando solo alla perpetuazione della cultura stessa. Gli intellettuali non accettavano ciò che stava accadendo e molti scrissero romanzi e racconti fantastici che, in realtà, rappresentavano il disprezzo per ciò che le rivoluzioni avevano portato e non riuscivano a vedere le nuove prospettive che si stavano aprendo per tutta l'umanità. Uno fra i pochi scrittori che sembrarono comprendere l'importanza della rivoluzione industriale fu il norvegese Ibsen. La polemica sulle due culture è precedente al XIX secolo, tuttavia divenne un tema centrale solo quando le conseguenze sociali e culturali della rivoluzione industriale divennero evidenti; il progresso tecnico-scientifico gettò le sue basi e l'istruzione pubblica acquistò un'importanza sempre più rilevante ed accessibile ad una percentuale più elevata della popolazione. John Stuart Mill affrontò il tema delle due culture quando fu eletto rettore all'università scozzese di St. Andrews. Mill sostenne che l'università non era luogo di formazione professionale, bensì formava uomini capaci di interagire civilmente tra loro. Il problema, irrisolto, di Mill era se questo tipo di formazione dovesse essere di stampo scientifico o di orientamento

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Elena Cirelli Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 795 click dal 16/01/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.