Skip to content

La costruzione politica del nemico nella guerra al terrorismo

Informazioni tesi

  Autore: Beatrice Ferrario
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Monica Santoro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 67

I fatti dell’11 settembre 2001 hanno segnato una linea di demarcazione nell’epoca in cui viviamo, definita da Anthony Giddens «modernità riflessiva» e caratterizzata dall’instabilità dei sistemi e dei rapporti sociali che rimettono costantemente in discussione l’ordine del mondo che ci circonda. L’attacco terroristico che ha colpito gli Stati Uniti ha radicalizzato oltremodo la nostra esistenza, per quanto possibile, introducendovi nuovi nemici globali, portatori di ulteriori variabili di rischio planetarie. Ha trasformato la nostra società nella “società del terrorismo”.
In pochi giorni le televisioni del mondo intero hanno trasmesso i discorsi del presidente degli Stati Uniti George W. Bush, le cui parole definivano a poco a poco l’identità del nuovo nemico, fino a quel momento sconosciuto ai più: Al Qaeda - Bin Laden - I Talebani - La Jihad - Il terrorismo islamico. E gettavano le basi per giustificare due guerre, in Afghanistan nell’ottobre 2001 e in Iraq nel marzo 2003.
Questa tesi intende evidenziare gli aspetti sociali che sono stati coinvolti nella costruzione di una nuova alterità ostile nel senso comune.
L’elaborato è suddiviso in due parti. La prima è teorica, anche se non esclusivamente di natura compilativa, e comprende i primi tre capitoli. In essa effettuo un’analisi sociologica dell’argomento, con il supporto teorico dei sociologi della modernità (Zygmunt Bauman, Anthony Giddens) e del rischio (Ulrich Beck). Tuttavia l’intento è quello di apportare un contributo originale e critico sull’argomento.
Il primo capitolo tratta della costruzione dell’identità dello straniero all’interno dello stato-nazione, del rapporto che c’è tra identità e cultura, delle nuove forme di razzismo moderno. Il secondo capitolo è incentrato sulla “società del terrorismo”, un’era cominciata con gli attacchi al World Trade Center e non ancora conclusa, in cui il rischio è legato al territorio e quindi alla sovranità nazionale, e la «politicizzazione del problema della sicurezza» (U. Beck) è funzionale alla creazione di nuovi nemici pubblici su cui scaricare le ansie individuali. Il terzo capitolo affronta i meccanismi di rappresentazione dello straniero nei discorsi, come si impongono i pregiudizi etnici e che ruolo ha in ciò l’élite dominante; una parte è dedicata a come viene rappresentata dall’Occidente la figura del musulmano.
La seconda parte, composta dal quarto e ultimo capitolo, è invece di ricerca empirica e verte sull’analisi sociosemiotica dei due, a mio parere, più significativi discorsi alla nazione, pronunciati dal presidente degli Stati Uniti nel settembre 2001. Gli strumenti semiotici mi hanno permesso di indagare i meccanismi nascosti che sono stati attivati nella strategia comunicativa di George W. Bush per fortificare il “Noi” e costruire un nuovo “Altro”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1INTRODUZIONE I fatti dell 11 settembre 2001 hanno segnato una linea di demarcazione nell epoca in cui viviamo, definita da Anthony Giddens ˙modernit riflessiva¨ e caratterizzata dall instabilit dei sistemi e dei rapporti sociali che rimettono costantemente in discussione l ordine del mondo che ci circonda. L attacco terroristico che ha colpito gli Stati Uniti ha radicalizzato oltremodo la nostra esistenza, per quanto possibile, introducendovi nuovi nemici globali, portatori di ulteriori variabili di rischio planetarie (Giddens, 1990). Ha trasformato la nostra societ nella societ del terrorismo . In pochi giorni le televisioni del mondo intero hanno trasmesso i discorsi del presidente degli Stati Uniti George W. Bush, le cui parole definivano a poco a poco l identit del nuovo nemico, fino a quel momento sconosciuto ai pi : Al Qaeda - Bin Laden - I Talebani - La Jihad - Il terrorismo islamico. E gettavano le basi per giustificare due guerre, in Afghanistan nell ottobre 2001 e in Iraq nel marzo 2003. L Occidente caduto una seconda volta nella trappola. Se il crollo del muro di Berlino aveva posto fine alla strategia dei blocchi contrapposti, l attacco alle Twin Towers ha riaperto una nuova caccia alle streghe. Stavolta per la guerra si preannuncia calda e molto pi dura, perch il nemico che si combatte non siede ai tavoli delle trattative. Al contrario, un barbaro, un tagliatore di teste, un mostro incivile, in una parola: the Evil (Bush, 11 settembre 2001). Alla minaccia di una guerra nuclerare si sostituita quella di un attacco terroristico, di impatto molto pi elevato considerata la crescente tendenza all individualizzazione che viviamo. Il pensiero di perdere una persona cara ci che ci rende pi vulnerabili. La sensazione di non poter garantire la nostra e l altrui incolumit ci annienta, poich siamo abituati a decidere ogni particolare della nostra vita e a controllarlo completamente. In caso contrario ci sentiamo perdenti in preda all ansia (Beck, 2000).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi