Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La costruzione politica del nemico nella guerra al terrorismo

I fatti dell’11 settembre 2001 hanno segnato una linea di demarcazione nell’epoca in cui viviamo, definita da Anthony Giddens «modernità riflessiva» e caratterizzata dall’instabilità dei sistemi e dei rapporti sociali che rimettono costantemente in discussione l’ordine del mondo che ci circonda. L’attacco terroristico che ha colpito gli Stati Uniti ha radicalizzato oltremodo la nostra esistenza, per quanto possibile, introducendovi nuovi nemici globali, portatori di ulteriori variabili di rischio planetarie. Ha trasformato la nostra società nella “società del terrorismo”.
In pochi giorni le televisioni del mondo intero hanno trasmesso i discorsi del presidente degli Stati Uniti George W. Bush, le cui parole definivano a poco a poco l’identità del nuovo nemico, fino a quel momento sconosciuto ai più: Al Qaeda - Bin Laden - I Talebani - La Jihad - Il terrorismo islamico. E gettavano le basi per giustificare due guerre, in Afghanistan nell’ottobre 2001 e in Iraq nel marzo 2003.
Questa tesi intende evidenziare gli aspetti sociali che sono stati coinvolti nella costruzione di una nuova alterità ostile nel senso comune.
L’elaborato è suddiviso in due parti. La prima è teorica, anche se non esclusivamente di natura compilativa, e comprende i primi tre capitoli. In essa effettuo un’analisi sociologica dell’argomento, con il supporto teorico dei sociologi della modernità (Zygmunt Bauman, Anthony Giddens) e del rischio (Ulrich Beck). Tuttavia l’intento è quello di apportare un contributo originale e critico sull’argomento.
Il primo capitolo tratta della costruzione dell’identità dello straniero all’interno dello stato-nazione, del rapporto che c’è tra identità e cultura, delle nuove forme di razzismo moderno. Il secondo capitolo è incentrato sulla “società del terrorismo”, un’era cominciata con gli attacchi al World Trade Center e non ancora conclusa, in cui il rischio è legato al territorio e quindi alla sovranità nazionale, e la «politicizzazione del problema della sicurezza» (U. Beck) è funzionale alla creazione di nuovi nemici pubblici su cui scaricare le ansie individuali. Il terzo capitolo affronta i meccanismi di rappresentazione dello straniero nei discorsi, come si impongono i pregiudizi etnici e che ruolo ha in ciò l’élite dominante; una parte è dedicata a come viene rappresentata dall’Occidente la figura del musulmano.
La seconda parte, composta dal quarto e ultimo capitolo, è invece di ricerca empirica e verte sull’analisi sociosemiotica dei due, a mio parere, più significativi discorsi alla nazione, pronunciati dal presidente degli Stati Uniti nel settembre 2001. Gli strumenti semiotici mi hanno permesso di indagare i meccanismi nascosti che sono stati attivati nella strategia comunicativa di George W. Bush per fortificare il “Noi” e costruire un nuovo “Altro”.

Mostra/Nascondi contenuto.
1INTRODUZIONE I fatti dell 11 settembre 2001 hanno segnato una linea di demarcazione nell epoca in cui viviamo, definita da Anthony Giddens ˙modernit riflessiva¨ e caratterizzata dall instabilit dei sistemi e dei rapporti sociali che rimettono costantemente in discussione l ordine del mondo che ci circonda. L attacco terroristico che ha colpito gli Stati Uniti ha radicalizzato oltremodo la nostra esistenza, per quanto possibile, introducendovi nuovi nemici globali, portatori di ulteriori variabili di rischio planetarie (Giddens, 1990). Ha trasformato la nostra societ nella societ del terrorismo . In pochi giorni le televisioni del mondo intero hanno trasmesso i discorsi del presidente degli Stati Uniti George W. Bush, le cui parole definivano a poco a poco l identit del nuovo nemico, fino a quel momento sconosciuto ai pi : Al Qaeda - Bin Laden - I Talebani - La Jihad - Il terrorismo islamico. E gettavano le basi per giustificare due guerre, in Afghanistan nell ottobre 2001 e in Iraq nel marzo 2003. L Occidente caduto una seconda volta nella trappola. Se il crollo del muro di Berlino aveva posto fine alla strategia dei blocchi contrapposti, l attacco alle Twin Towers ha riaperto una nuova caccia alle streghe. Stavolta per la guerra si preannuncia calda e molto pi dura, perch il nemico che si combatte non siede ai tavoli delle trattative. Al contrario, un barbaro, un tagliatore di teste, un mostro incivile, in una parola: the Evil (Bush, 11 settembre 2001). Alla minaccia di una guerra nuclerare si sostituita quella di un attacco terroristico, di impatto molto pi elevato considerata la crescente tendenza all individualizzazione che viviamo. Il pensiero di perdere una persona cara ci che ci rende pi vulnerabili. La sensazione di non poter garantire la nostra e l altrui incolumit ci annienta, poich siamo abituati a decidere ogni particolare della nostra vita e a controllarlo completamente. In caso contrario ci sentiamo perdenti in preda all ansia (Beck, 2000).

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Beatrice Ferrario Contatta »

Composta da 67 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3375 click dal 01/08/2006.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.