Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Onde di Musica. L'influenza del mezzo radiofonico sulla produzione musicale

Ciò che scarichiamo da Internet, che ascoltiamo sui dischi e che viene trasmesso dalla stragrande maggioranza delle emittenti radio NON E’ MUSICA, ma il prodotto delle influenze che i vari mezzi di comunicazione esercitano sulla musica.
Fra queste, quella del mezzo radiofonico è molto forte; questa è la tesi di base.
Il mezzo è il messaggio? Forse.
Quel che è certo è che il mezzo “radio” influenza pesantemente la produzione del messaggio musicale, visto che ricopre un ruolo fondamentale nella sua diffusione.
Perché tutti i brani durano 4 minuti?
Perché tutti i pezzi sono in 4/4?
Perché tra tutti i generi musicali esistenti solo alcuni hanno accesso al regno dell’etere?
Perché il tasso di semplificazione della musica radiofonica è così elevato?
Sono tutte questioni, queste, di RADIOGENICITA’.
Sarà però interessante scoprire che, nel caso della radio, non sono le (poche) limitazioni “fisiche” del mezzo ad influenzare la musica ma le logiche, quasi esclusivamente di mercato, che lo governano.
E le logiche sono un prodotto dell’uomo, non della plastica o dei transistors.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Onde di Musica L’influenza del mezzo radiofonico sul prodotto musicale introduzione Ciò che scarichiamo da internet, che ascoltiamo sui dischi e che viene trasmesso dalla stragrande maggioranza delle emittenti radio NON E’ MUSICA, ma il prodotto delle influenze che i vari mezzi di comunicazione esercitano sulla musica. Fra queste, quella del mezzo radiofonico è molto forte; questa è la tesi di base. Il mezzo è il messaggio? Forse. Quel che è certo è che il mezzo “radio” influenza pesantemente la produzione del messaggio musicale, visto che ricopre un ruolo fondamentale nella sua diffusione. Il discorso è capire perché, in che modo e con quali effetti (sul messaggio e sui destinatari) quest’influenza condizionante si manifesta. E non stiamo parlando di un semplice condizionamento “fisico- tecnico” del mezzo come lo era, vedremo, quello dei dischi (la radio ha anzi delle potenzialità espressive tanto straordinarie quanto non sfruttate appieno); il mezzo condiziona il messaggio attraverso l’insieme delle sue logiche, quelle logiche che ogni giorno guidano l’operato dei programmatori, dei direttori, dei responsabili, dei discografici, degli addetti ai lavori; e queste logiche (che sono quasi esclusivamente logiche di mercato, trovandoci ormai in una fase di INDUSTRIALIZZAZIONE AVANZATA di tutto il sistema culturale ed in particolare del settore musicale) sono un prodotto dell’uomo, non della plastica e dei transistor.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Massimo Magaldi Contatta »

Composta da 66 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3119 click dal 03/08/2006.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.