Skip to content

“The Dirtiest Predator of All” - Irving Layton e l'uomo moderno

Informazioni tesi

  Autore: Alessandra Meoni
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Biancamaria Rizzardi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 123

L’ipotesi che sta alla base di questo studio nasce da una riflessione sul ricorrere, in letteratura, del potente effetto catartico esercitato sull’uomo dalla visione della morte o più esattamente dall’osservazione dell’agonia degli animali. In questa prospettiva e alla luce del saggio "La «civilizzazione dei bruti»” del Prof. Arrigo Stara, si é riletta la poesia di Irving Layton, raggiungendo risultati, a nostro avviso, pertinenti ed efficaci.
La rappresentazione dell’agonia trova una naturale e ovvia risonanza nell’idea della morte, argomento tra i più frequentati in poesia da Irving Layton. Il poeta individua una duplice valenza della morte: una naturale, appartenente al natural creation-destruction cycle – da noi così definito; ed una morte coatta, inflitta su creature inermi quali gli animali dal civilized killer – l’uomo, così chiamato da Irving Layton -. L’evoluzione dell’uomo, che lo ha nel tempo contraddistinto dalla bestia, è servita, infatti, ad affinare le capacità ed il gusto di architettare e compiere ogni sorta di crudeltà. Il poeta pone l’accento sul piacere perverso che l’uomo prova nel vedere soffrire gli animali, specialmente se è egli stesso a provocare quella sofferenza.
Per capire in che modo l’agonia di un animale possa avere un effetto catartico, abbiamo introdotto i temi del perturbante e della parentela biologica. L’animale agonizzante, pare mettere in atto dei meccanismi che si potrebbero definire antropomorfizzanti: questi rendono perturbante la sua uccisione tanto da farla risultare insostenibile. Abbiamo usato il termine perturbante in un’accezione puramente freudiana, per esprimere l’angoscia di fronte ad una realtà relegata nelle zone più remote della psiche e che improvvisamente e, soprattutto, catarticamente, riaffiora. Il poeta (e con lui il lettore) viene scosso nel profondo, gli si impone una riflessione che altrimenti sarebbe stata trascurata e finisce per subire la catarsi necessaria. È come se in lui riaffiorasse l’antica somiglianza fra uomo e animale, somiglianza che, con il passare dei secoli e con l’affermarsi di una visione sempre più antropocentrica, è andata perduta. Si assiste al risveglio del sentimento di parentela biologica, indispensabile per dare enfasi al perturbante stesso: postosi sul suo stesso piano, con un linguaggio a lui comprensibile, l’animale riesce a scuotere l’essere umano nel profondo ed a rivelargli, in modo perturbante e catartico, una verità nascosta che l’uomo stesso, allontanatosi caparbiamente del mondo naturale, non era più in grado di comprendere.
Dopo aver lottato con forza contro il suo istinto primitivo, umiliato nel constatare quanto vile egli possa essere verso i suoi simili, ma anche verso se stesso, il poeta sente con forza di essere un emarginato in un mondo basato su quella che Irving Layton definisce «aesthetic cruelty», tratto peculiare dell’uomo, unito al compiacimento nel vedere gli altri soffrire. Tale emarginazione però non è fine a sé stessa: Irving Layton, infatti, pare spronare l’uomo, con la sua poesia, verso una soluzione, mettendolo in guardia contro l’apatia del conformismo e la progressiva assuefazione ad esso, che diventano di fatto una tacita complicità con chi fa della violenza un sistema di vita a tutela dei pregiudizi, delle discriminazioni, dell’ingiustizia. Rifiutare con decisione tutto questo è l’unico modo per evitare di restare vincolati alla «aesthetic cruelty», per restituire all’uomo la sua “umanità”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 «it is art rather than the frenzy of politics, supermarkets, highways and hydrogen bombs that can save mankind from repeating its diabolical mistakes» Irving Layton, “Foreword” in In an Ice Age Introduzione “When I first clapped eyes on the poems of Irving Layton, I let out a yell of joy.” Così William Carlos Williams ha descritto il suo primo incontro con la poesia di Layton. Così anche io mi sento di definire il mio. Frequentare un seminario sulla poesia d’amore, tenuto dalla prof. Biancamaria Rizzardi, incontrare Layton, leggere d’un fiato la raccolta “Le poesie d’Amore” ed innamorarmene, è stato tutt’uno! Sulla scia di questo mio iniziale entusiasmo, ho deciso di approfondire la lettura di questo estroso poeta canadese, le cui poesie, è stato detto, danno la feroce, meravigliosa sensazione di un bel tuffo in una

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi