Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Proprietà Privata nelle Aree Naturali Protette

La Tesi tratta dell'annosa e controversa problematica della Proprietà privata e più in generale di tutte quelle azioni che sono limitate dal carattere speciale assunto dalla protezione ambientale all'inerno delle Aree Protette in cui la libertà individuale viene limitata e sottoposta a vincoli molto stretti.
Di tutto questo vengono presentate le soluzioni trovate fino ad oggi, ed i rispettivi fallimenti, e quelle future, le cui prospettive sono molto più rosee, per far si che ci sia una "pacifica convivenza" tra Protezione Ambientale e Diritti soggettivi.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Questa tesi si occupa della grande problematica, sorta già poco tempo dopo la creazione della prima “area naturale protetta” in Italia, riguardante la proprietà privata all’interno della stessa. Infatti molti e continui sono stati i problemi e le possibili soluzioni elaborate per risolvere la disputa tra il proprietario, che vuole mantenere intatti i propri diritti, e la necessità di porre un freno allo sfruttamento indiscriminato della natura creando, appunto, aree naturali protette, con lo scopo di proteggere integralmente almeno una piccola porzione di territorio. Tutto questo è dovuto, principalmente, alle caratteristiche geografiche dell’Italia che, con la sua estensione in longitudine, le sue scarse pianure e la sua scarsa estensione geografica, hanno fatto sì che le popolazioni che vi si sono stabilite e che vi abitano, sfruttassero tutto il territorio a disposizione, comprendendo le zone che, oggi, sono sottoposte ai vincoli di “area naturale protetta”. Lontana sembra, ancora, la soluzione a questo annoso problema, anche se molti passi in avanti sono stati fatti e si stanno facendo, soprattutto grazie alla continua e costante crescita di interesse che la problematica ambientale sta riscontrando in tutta la società contemporanea. Per spiegare tutto ciò sono partito, nel Capitolo I, dalla storia della creazione delle aree protette, non solo in Italia, ma in tutto il mondo per chiarire come la problematica ambientale sia comune a tutte le nazioni, proseguendo con la spiegazione delle varie tipologie di aree naturali protette che possono essere ritrovate in tutto il mondo per poi approfondire ciò che è stato fatto in Italia, così da far comprendere come, la creazione di aree protette non può essere fatta sulla carta ma deve prendere in considerazione i caratteri dell’area geografica in cui vengono istituite. Poi sono passato, nel Capitolo II, alla spiegazione delle interazioni riguardanti la creazione delle aree naturali protette rispetto alla proprietà privata, passando per la definizione di proprietà privata, così da comprendere l’argomento principale della tesi, per poi specificare come essa viene colpita quando è sottoposta a vincoli di protezione ambientale. Ho spiegato il tutto sia sotto il profilo della proprietà privata intesa come beni immobili ricadenti all’interno dell’area protetta, sicuramente l’argomento più interessante 4

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Mamone Contatta »

Composta da 47 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2478 click dal 23/08/2006.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.