Skip to content

Studio dell'azione apoptotica del cadmio sul testicolo del teleosteo marino Gobius niger

Informazioni tesi

  Autore: Anna Maria Campisi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università Politecnica delle Marche
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze Biologiche
  Relatore: Oliana Carnevali
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 121

Il cadmio (Cd) è un potente inquinante ambientale in grado di produrre tossicità a livello di svariati tessuti. In particolare, nei mammiferi questo metallo pesante, nei tessuti ove viene accumulato, può scatenare diversi processi cellulari tra cui l’attivazione di fenomeni apoptotici, osservati sia in vivo che in vitro.
Piuttosto limitate sono invece le informazioni relative all’effetto del Cd in organismi marini. A questo scopo, maschi adulti di Gobius niger, un teleosteo marino molto diffuso su tutta la costa mediterranea, sono stati suddivisi in tre gruppi, due dei quali esposti a concentrazioni crescenti di cadmio in acqua, mentre un terzo gruppo, non trattato, è stato usato come controllo. Gli esemplari sono stati sacrificati dopo 48 ore di trattamento.
Poiché recentemente il Cd è stato incluso nella lista dei distruttori endocrini, nel modello sperimentale qui scelto, è stata valutata l’azione apoptotica, nel testicolo degli individui esposti al contaminante, mediante un approccio biomolecolare ed immunologico.
Come bioindicatore apoptotico è stata scelta la caspase 3, una proteina citoplasmatica appartenente ad un’ampia famiglia di proteasi contenenti cisteina, caratterizzata da un’assoluta specificità per i residui di aspartato nella posizione P1 del sito catalitico. Si tratta dell’enzima effettore del processo apoptotico. Questo enzima, in forma di pro-caspase e quindi inattivo, è presente in qualsiasi tipo cellulare.
Nel presente lavoro di tesi l’espressione del gene della caspase 3 è stata studiata mediante RT-PCR semiquantitativa. Il gene è stato parzialmente clonato e sequenziato e la quantificazione è stata effettuata mediante l’utilizzo della β-actina come standard interno.
I risultati ottenuti dimostrano come ci sia un aumento significativo (P<0,05) dell’espressione genica nei trattati rispetto ai controlli ed, in particolare, nei trattati a dose più elevata di Cd. Inoltre, mediante Western blotting è stata evidenziata la presenza della pro-caspase 3 in tutti gli esemplari studiati, mentre la caspase 3 attiva è stata osservata solo in organismi esposti al Cd.
In questo studio è stata considerata anche l’espressione della Heat Shock Protein 70 (HSP70), proteina della famiglia delle chaperonine, molecole coinvolte nel folding proteico e nel recupero della struttura e della funzione di proteine sottoposte a stress. HSP70 viene considerata uno dei principali fattori antiapoptotici poiché è in grado di inibire l’apoptosi caspase dipendente.
Mediante un approccio biomolecolare è stata rilevato un aumento significativo (P<0,05) dell’espressione genica dell’HSP70 nei trattati rispetto ai controlli. Il dato mette in evidenza un crescente stato di stress negli organismi correlato con l’aumento della concentrazione di Cd nell’acqua.
In conclusione i dati raccolti in questo lavoro suggeriscono come la presenza di Cd nell’ambiente acquatico marino, induca l’attivazione di un pathway apoptotico caspase-dipendente nel testicolo di individui adulti.
I maschi di G. niger per evitare che le cellule del testicolo vadano in apoptosi, in seguito ad esposizione al Cd, sintetizzano alti livelli di HSP70. L’aumento di HSP70, riscontrato nel testicolo alle dosi di Cd utilizzate nel presente studio, non è risultato sufficiente per bloccare il processo apoptotico. Questo risultato è in accordo con quanto osservato da precedenti studi condotti sulla carpa comune Cyprimus carpio ( Ali et al., 2003).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
9 RIASSUNTO Il cadmio (Cd) è un potente inquinante ambientale in grado di produrre tossicità a livello di svariati tessuti. In particolare, nei mammiferi questo metallo pesante, nei tessuti ove viene accumulato, può scatenare diversi processi cellulari tra cui l’attivazione di fenomeni apoptotici, osservati sia in vivo che in vitro. Piuttosto limitate sono invece le informazioni relative all’effetto del Cd in organismi marini. A questo scopo, maschi adulti di Gobius niger, un teleosteo marino molto diffuso su tutta la costa mediterranea, sono stati suddivisi in tre gruppi, due dei quali esposti a concentrazioni crescenti di cadmio in acqua, mentre un terzo gruppo, non trattato, è stato usato come controllo. Gli esemplari sono stati sacrificati dopo 48 ore di trattamento. Poiché recentemente il Cd è stato incluso nella lista dei distruttori endocrini, nel modello sperimentale qui scelto, è stata valutata l’azione apoptotica, nel testicolo degli individui esposti al contaminante, mediante un approccio biomolecolare ed immunologico. Come bioindicatore apoptotico è stata scelta la caspase 3, una proteina citoplasmatica appartenente ad un’ampia famiglia di proteasi contenenti cisteina, caratterizzata da un’assoluta specificità per i residui di aspartato

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

apoptosi
biologia cellulare
biologia molecolare applicata al mare
caspase
ecotossicologia
gobius niger
hsp70
morte cellulare programmata

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi