Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Santa Sede e il problema della fame in Grecia durante la Seconda Guerra Mondiale

La tesi analizza gli interventi diplomatici della Santa Sede finalizzati a risolvere e mitigare il probema della fame in Grecia durante la Seconda Guerra Mondiale. I canali di comunicazione utilizzati in tal proposito vedono come protagonista la diplomazia pontificia, incarnata nel caso specifico dal nunzio apostolico Roncalli, e i paesi coinvolti nel conflitto in Grecia e nel Mediterraneo: Italia, Germania, Gran Bretagna; e con interessi politici, militari o umanitari nell'area Egitto, Canada, Svezia, Svizzera.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione. Oggetto di questa ricerca è l’esame dell’operato della Santa Sede in favore delle vittime della fame in Grecia durante l’occupazione italo- tedesco-bulgara. Il problema della fame si manifestò quasi contemporaneamente all’inizio dell’occupazione con tutta la sua gravità, tanto da risultare fra i temi che più occuparono la Santa Sede fra l’estate del 1941 e l’inverno del 1942. La soluzione di questo problema, d’altra parte, non comportò solo la messa in opera di meccanismi di approvvigionamento ed assistenza alla popolazione greca, poiché essa toccava altri temi estremamente delicati, quali quelli militari, strategici, politici e diplomatici della guerra. L’attività della diplomazia italiana contro il flagello della fame in Grecia è documentata dalla raccolta “Actes et documents du Saint Siege relatifs a la Second Guerre Mondiale”, curata da Pierre Blet, Robert A. Graham, Angelo Martini, Burkahart Schneider e pubblicata a Roma dalla Libreria Editrice Vaticana a partire dal 1969. La pubblicazione di questa raccolta di documenti, come è noto, è stata decisa dal Vaticano al fine di rendere noto l’operato della Santa Sede durante l’ultima guerra mondiale, con la speranza di poter dissipare le polemiche sorte sui “silenzi” e la condotta di Pio XII negli anni più bui della storia del ventesimo secolo. Per la nostra ricerca abbiamo utilizzato i documenti presenti nelle sezioni “La Santa Sede e la Seconda Guerra Mondiale” e “La Santa Sede e le vittime di guerra”. Della prima abbiamo consultato: il quinto volume riguardante il periodo tra il giugno 1941 e l’ottobre 1942, pubblicato nel 1969; il sesto volume concernente il periodo tra il dicembre 1942 e il dicembre1943, pubblicato nel 1973; l’undicesimo volume che riguarda il lasso di tempo tra il gennaio 1944 e il maggio

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Silvia Giugno Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 914 click dal 30/08/2006.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.