Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Luoghi di consumo come luoghi di spettacolo multimediale

Il mondo della moda è un ambiente che si presta all’interazione multimediale e all’utilizzo di Internet, il concept store ne è la dimostrazione finale, un grande ipertesto all’insegna dell’esperienza culturale. E il luogo di consumo si trasforma così sempre più in un luogo di spettacolo.
Il luogo fisico quello virtuale si trasformano sempre più in eventi culturali temporanei. E il WEB si presenta in questo lavoro come collante di una nuova visione di editoria multimediale, allargata ai negozi, ai magazine, ai luoghi di aggregazione e ai nuovi comportamenti sociali.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 PARTE PRIMA: NASCITA E GENESI DELLA SOCIETÀ DEI CONSUMI I. La rivoluzione dei consumi 1. Dalla produzione al consumo Possiamo considerare la società dei consumi un tipo storico di società che si è affermata progressivamente in Occidente dagli albori della modernità fino ad arrivare ad oggi. Per molto tempo alle pratiche di consumo non è stato attribuito un ruolo propulsivo all’interno del processo di sviluppo del sistema capitalistico, considerandole semplicemente una conseguenza della rivoluzione industriale e un fenomeno economico a sé. Questa visione produzionista era sicuramente riduttiva: si è sempre più infatti rafforzata la consapevolezza del ruolo attivo dei consumi all’interno del sistema economico. Si è addirittura affermato che la cultura materiale in molte nazioni europee si sviluppò fortemente a partire dalla seconda metà del Seicento, e quindi assai prima della rivoluzione industriale.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Matilde Del Gaudio Contatta »

Composta da 181 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3573 click dal 24/08/2006.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.