Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La riscoperta della Canzone Popolare e la nascita della musica giovanile

Una tesi sulla Canzone Popolare e sulla musica giovanile, un racconto di anni difficili in Italia e in generale in gran parte del mondo. Un riassunto dei mutamenti che accompagnarono quegli anni 60 rivissuti attraverso la canzone. Arma di denuncia e nello stesso tempo specchio dei costumi di una societa che ha spesso cambiato pelle.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Una tesi sulla Canzone Popolare e sulla musica giovanile, un racconto di anni difficili in Italia e in generale in gran parte del mondo. Un riassunto dei mutamenti che accompagnarono quel periodo rivissuti attraverso la canzone. Arma di denuncia e nello stesso tempo specchio dei costumi di una società che ha spesso cambiato pelle. I motivi che mi hanno spinto ad affrontare questo lavoro sono stati fondamentalmente due. In primis la grande passione per la musica e poi la grande curiosità che hanno sempre sollevato in me quegli anni ’60 italiani. Con le sue mode, i suoi problemi e le sue ondate rivoluzionarie e creative. Gli anni ’60 sono un ricordo che ha mille sfaccettature, piacevoli e spiacevoli. Per alcuni, quegli anni rimarranno in eterno l'incipit di un periodo formidabile; per altri, coincideranno con il crepuscolo di un'epoca spensierata e con l'avvento della "notte della Repubblica". Ad ogni modo, è impossibile non scorgere in quel periodo - lungo poco più di un decennio - i segni di un radicale cambiamento nel costume e nel pensiero di milioni di persone, non solo in Italia ma in tutto l'Occidente. Fu come una lunga scossa elettrica, che - viaggiando sulle onde sonore della musica rock - raggiunse gli studenti di allora e li unì in un impeto di rivolta contro l'ordine costituito. Non è questa la sede per stimare giusto o sbagliato quell'impeto: più modestamente, mi soffermerò sugli aspetti musicali del periodo compreso tra la fine degli anni ’60 e il 1970, cercando di cogliere il modo in cui gli avvenimenti di quel periodo abbiano contribuito a modificare, creare ed estinguere generi e stili musicali diversi. Percorrendo mode, strati generazionali ed eventi epocali come la guerra in Vietnam e le contestazioni giovanili, la canzone è stata il filo conduttore di anni di sconvolgimenti socio-culturali. La canzone, per tutto questo periodo, respira quell’aria di cambiamento, se ne nutre. Così, le canzoni di rivolta accompagnano i cortei degli operai, fanno da sfondo alle agitazioni degli studenti, rispecchiano fedelmente situazioni di disuguaglianza sociale. I giovani, in quegli anni, abbandonano l'ambito istituzionale della musica leggera e si riversano negli spazi aperti ai giovani dalla Sinistra. In questo ambiente nasce la nuova canzone, definita "impegnata" poiché tratta problemi del quotidiano, di condizione operaia, di libertà dell'individuo. Probabilmente la rivolta degli studenti doveva esserci, era matura, la scuola era fatta da docenti baroni che non si erano mai

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Davide Mancaniello Contatta »

Composta da 37 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3834 click dal 31/08/2006.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.