Skip to content

Metodologie di Analisi e Progetto per Filtri a Schiere di Linee TEM Accoppiate con Zeri di Trasmissione

Informazioni tesi

  Autore: Vito Minerva
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Politecnico di Milano
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria delle Telecomunicazioni
  Relatore: Giuseppe Macchiarella
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 95

Nel campo di frequenze delle microonde sono richieste strutture filltranti con elevate caratteristiche di selettività e di equalizzazione.Queste possono essere ottenute con l'impiego di filltri costituiti da linee di modo TEM multiaccoppiate, che trovano infatti largo impiego nelle stazioni base per la telefonia radiomobile, dove tali requisiti sono particolarmente importanti. Lecaratteristiche di selettività e di equalizzazione sono ottenute con l'introduzione di zeri nella risposta in frequenza del filtro.Questo provoca delle modifiche nella metodologia di progetto,per la quale non si applicano più le tecniche tradizionali di sintesi;la rete prototipo viene invece ottenuta con l'aggiunta di accoppiamenti addizionali tra risonatori non adiacenti. La struttura distribuita che si realizza a partire dal prototipo è costituita da risonatori che presentano accoppiamenti multipli. Nello studio del filtro tali accoppiamenti vanno valutati contemporaneamente, per non introdurre errori significativi nel dimensionamento (la tecnica utilizzata in passato era invece quella di dimensionare un accoppiamento alla volta come se gli altri non ci fossero). I filtri con zeri sono tipicamente realizzati con strutture a cavità accoppiate con accoppiamenti multipli e sono noti col termine di filtri comb generalizzati.
Loscopodiquestolavoro è di applicare una metodolgia accurata per il dimensionamento dei filtri ad una nuova struttura costituita da una schiera di lineeTEM multiaccoppiate.Questa struttura permette di realizzare zeri di trasmissione asimmetrici sopra la banda passante (ma non zeri di equalizzazione),e può quindi essere impiegata in situazioni dove la selettività del filtro è richiesta solo su un lato o anche per rimuovere particolari frequenze nella curva di attenuazione.La risposta in frequenza specificata non viene ottenuta dimensionando delle cavità,ma semplicemente disponendo in maniera opportuna la schiera di linee all'interno della scatola metallica. Nel caso di un filtro senza zeri di trasmissione, basta variare la distanza tra le astine, poste in linea, per effettuare il progetto. Per ottenere uno zero di trasmissione, invece, occorre disporre tre astine ai vertici di un triangolo e introdurre dei setti di lunghezza fissa (mentre l'altezza può essere variabile)per regolare il valore degli accoppiamenti. Il numero di setti,la loro disposizione e la scelta delle variabili di progetto permettono di realizzare diverse varianti della struttura filtrante`di base', costituita da una tripletta di risonatori e da due setti. In questo lavoro vengono mostrate quelle più significative,che riducono le dimensioni totali della struttura o che sfruttano possibili simmetrie per ridurre le variabili di progetto. Il metodo degli elementi al contorno viene impiegato per lo studio del comportamento elettromagnetico della struttura; questo metodo,tramite il calcolo della matrice capacità per unità di lunghezza,permette di valutare contemporaneamente tutti gli accoppiamenti della struttura e quindi fornisce dei risultati di progetto più accurati della tecnica tradizionale,che considera solo due accoppiamenti alla volta.
Il Capitolo 1 tratta il progetto dei filtri a microonde con zeri di trasmissione; vengono descritte la sintesi di una struttura ripiegata (folded) e la trasformazione topologica che porta alla struttura in-line,la denormalizzazione del prototipo e la realizzazione con linee accoppiate in configurazione comb.
Nel Capitolo 2 viene descritto il metodo degli elementi al contorno nelle sue generalità e poi l'applicazione alla struttura considerata per il calcolo della matrice capacità per unità di lunghezza;vengono presentati il concetto di quadratura per il calcolo numerico delle equazioni integrali e il raggio equivalente per approssimare la sezione circolare delle linee.Infine si estende lo studio della struttura al caso in cui questa presenti dei setti.
Nel Capitolo 3 si descrive la struttura considerata in questo lavoro rispetto al fitro a cavitè multiaccoppiate, evidenziandone le differenze;si presentano le topologie realizzabili con questa struttura e si giustifica l'utilizzo dei setti per ottenere gli zeri di trasmissione.
Il Capitolo 4 descrive le metodologie di progetto e di analisi del filtro, soffermandosi soprattutto sulla scelta delle variabili e sui valori a cui devono essere inizializzate, sia nel caso di presenza che di assenza dei setti all'interno della struttura.
Il Capitolo 5 tratta nella prima parte la precisione del metodo,descritto nel Capitolo 2, per lo studio della schiera di linee TEM multiaccoppiate;nella seconda parte si discutono invece alcuni esempidi filtri dimensionati con la procedura presentata in questolavoro. Inparticolare,dopo aver evidenziato l'impossibilità di ottenere zeri di trasmissione senza l'introduzione dei setti, si danno degli esempi di strutture con setti che realizzano zeri di trasmissione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Nel campo di frequenze delle microonde sono richieste strutture ltranti con elevate caratteristiche di selettivita e di equalizzazione. Queste possono essere ottenute con l'impiego di ltri costituiti da linee di modo TEM multiaccoppiate, che trovano infatti largo impiego nelle stazioni base per la telefonia radiomobile, dove tali requisiti sono particolarmente importanti. Le caratteristiche di selettivita e di equalizzazione sono ottenute con l'introduzione di zeri nella risposta in frequenza del ltro. Questo provoca delle modi che nella metodologia di progetto, per la quale non si applicano piu le tecniche tradizionali di sintesi; la rete prototipo viene invece ottenuta con l'aggiunta di accoppiamenti addizionali tra risonatori non adiacenti [2, 4]. La struttura distribuita che si realizza a partire dal prototipo e costituita da risonatori che presentano accoppiamenti multipli. Nello studio del ltro tali accoppiamenti vanno valutati contemporaneamente, per non introdurre errori signi cativi nel di- mensionamento (la tecnica utilizzata in passato era invece quella di dimensionare un accoppiamento alla volta come se gli altri non ci fossero). I ltri con zeri sono tipicamente realizzati con strutture a cavita direttamente accop- piate con accoppiamenti multipli e sono noti col termine di ltri comb generalizzati. Lo scopo di questo lavoro e di applicare una metodolgia accurata per il dimension- amento dei ltri ad una nuova struttura costituita da una schiera di linee TEM multiaccoppiate. Questa struttura permette di realizzare zeri di trasmissione asim- metrici sopra la banda passante (ma non zeri di equalizzazione), e puo quindi essere 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bem
filtri a cavità
filtri comb
filtri combline
filtro
matrice capacità
matrice capacità per unità di lunghezza
metodo degli elementi al contorno
microonde
zeri di equalizzazione
zeri di trasmissione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi