Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Purificazione di effluenti acquosi inquinati mediante accoppiamento della fotocatalisi eterogenea ad altri metodi di trattamento

La tesi ha riguardato principalmente lo studio dell’applicazione di tipologie innovative di trattamento per la purificazione di alcuni effluenti acquosi inquinati ed è stata svolta presso i laboratori di Fotocatalisi del Dipartimento di Ingegneria Chimica dei Processi e dei Materiali della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Palermo.
La metodologia prevalentemente utilizzata è stata la fotocatalisi eterogenea mediante l’utilizzo del biossido di titanio policristallino (TiO2) come fotocatalizzatore. Anche se non utilizzato su larga scala per vari motivi di tipo economico, il metodo fotocatalitico risulta di notevole importanza se abbinato ad altre tecnologie o se venisse sfruttata l’energia solare.
In questa tesi in alcuni casi la fotocatalisi eterogenea è stata accoppiata ai trattamenti biologici e alla lombrifiltrazione. Lo studio sulle potenzialità di un trattamento in cui diverse tecnologie tradizionali siano coinvolte risulta di grande interesse in considerazione dell’emanazione di norme legislative sempre più restrittive per quanto riguarda il livello permesso di inquinanti ed il grado di tossicità delle acque di scarico civili e industriali.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 ABSTRACT Nell’ambito del Corso di Dottorato di Ricerca in “Trattamento dei Re- flui e Risanamento Ambientale”, XVII ciclo, viene presentata una tesi di dot- torato dal titolo “Purificazione di effluenti acquosi inquinati mediante accop- piamento della fotocatalisi eterogenea ad altri metodi di trattamento”. La tesi ha riguardato principalmente lo studio dell’applicazione di tipo- logie innovative di trattamento per la purificazione di alcuni effluenti acquosi inquinati ed è stata svolta presso i laboratori di Fotocatalisi del Dipartimento di Ingegneria Chimica dei Processi e dei Materiali della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Palermo. La metodologia prevalentemente utilizzata è stata la fotocatalisi etero- genea mediante l’utilizzo del biossido di titanio policristallino (TiO 2 ) come fotocatalizzatore. Anche se non utilizzato su larga scala per vari motivi di tipo economico, il metodo fotocatalitico risulta di notevole importanza se abbinato ad altre tecnologie o se venisse sfruttata l’energia solare. In questa tesi in alcuni casi la fotocatalisi eterogenea è stata accoppiata ai trattamenti biologici e alla lombrifiltrazione. Lo studio sulle potenzialità di un trattamento in cui diverse tecnologie tradizionali siano coinvolte risulta di grande interesse in considerazione dell’emanazione di norme legislative sem- pre più restrittive per quanto riguarda il livello permesso di inquinanti ed il grado di tossicità delle acque di scarico civili e industriali. La fotocatalisi essendo un metodo non selettivo, ha mostrato la sua ef- ficacia nel caso di specie presenti in concentrazioni non eccessivamente ele- vate che siano di difficile eliminazione mediante altri trattamenti. Nei tre anni di studio sono stati sottoposti a trattamento reflui di diversa origine e provenienza per verificare la non selettività e l’efficacia del metodo: • cantine vitivinicole;

Tesi di Dottorato

Dipartimento: ITAF

Autore: Maria Jlenia Cantavenera Contatta »

Composta da 180 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1106 click dal 25/05/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.