Skip to content

Phenomenology and predictability of suicide on Rorschach Test

Informazioni tesi

Traduttore: Pier Luigi Gallucci
  Tipo: Traduzione
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Franco Freilone
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 90

Questo documento è una traduzione dall'originale:

"Fenomenologia e predittività del suicidio al test di Rorschach"

This thesis is divided in two parts. The first one deals with suicide in its general aspects of complexity (difficulty of clear and exact definitions, multicausality of demographic, psychological, psychopathologic, social factors or critical life events) that fall on the possibility of forecast and prediction both on methodological-experimental and clinical point of view. The second one more specifically deals with the psychodiagnostic aspect of suicidal risk, in particular through Rorschach personality projective test. We analysed the historical studies centered on analysis of the most frequent contents in protocols (above all on IV and VII Cards), single sign studies (as color-shading, transparency and cross-section answers) and, more recently, multiple signs studies (as Index S-CON of Exner’s Comprehensive system or Riggs index). Finally, we analysed the most diffused questionnaires and psychometric scales for the assessment of suicide risk.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduction Talking about suicide signifies talking about death as concret event, not only fantasmatic one, that play a part integrally in the life. Especially in western society, in contemporary epoch, we passed from acceptance of death as certainly tragic event but ingrained with life, shared and experienced with specific social and cultural rituals, to an essential negation of importance and even presence of death. If yet the theme of death tout court is subject to massive negation, the issue gets complicated for suicide, as particular type of death that involves some type of will. Attachment to life, even in tragic adversities, is typical of most of human people as common, shared and natural law. But there are people that, seemingly when one has calmed down, take the drastic and irrevovable decision to end voluntarily their life, anticipating that should happen inevitably and independently from their will. Someone are carrier of serious mental diseases and are resolute in their decision from a thought way and affective contents that give “reason” to their impossibility to go on with life; someone else come to this determination in presence of difficulties and negative experiences, in intolerable conditions or such experienced; someone else kill themselves in absence of all this, so their act appears as the expression of a free and extreme choice indicated with term “razional suicide”. Although suicide is an act against self, it causes a violent impact on life of the others too. It’s incontestable that suicide causes complex and intense anguish, a variety of emotionals responses connected to our different possibility of identicate or not with the person that commit or try to commit suicidal act (we can enough easily identificate ourself, at least theoretically, with the person, old and alone that, with a incurable and intolerable illness, chooses to die to abbreviate his agony, but it’s more difficult toward a healthy and young person that try or commit suicide with motivations that we can’t share). Toward these facts, generally there is the inclination to avoidment and negation, almost for fear of a real contagion, as if, talking about it, there is an increase rather than a comprehension of phenomenon. When one talk about it, often it happen after news items, with style of scandal or exploitation, little suited attitudes toward to event always very painful, that requests partecipation but not blame, discretion but not silence. During a lot of ages, speculations and superstitions on suicide intersected with juridical, moral, religious anf philosophical codes. Only between the end of XIX century and the beginning of the XX, when scientific methodology began to stand out, Emile Durkheim and Sigmund Freud began to dissipate and oppose seriously archaic believes and to open more objective ways to study of suicide. The new outilne included a lot of disciplines: epidemiologists, statistics, sociologists, psychiatrists, psychologists became more conscious of importance of suicide as cause of death. Today too, dimensions and complexity of the problem are such that can’t to be limitated in a single discipline. The passage from moral and religious area to scientific, sociological and psychological one, goes with an important transformation of congnitive and emotional way with suicide is perceived: the pity and pain, although with a sentiment of hostility or so conscious, replace with horror an pesecution of the sinner. So, the change of area of interest and explanation had incontestable advantages, but involved too an other type of marginalization of suicidal behaviour, that often is now stigmatized as manifest sign of mental disorder: suicide person is considered a fool, dangerous for self and others, without a his real suicidal will, not responsible of his act (through this fine but essential falsification, the Church admits now the suicide person). Not by chance, one of the open issues in the contemporary debate about voluntary death is between the supporters of illness at the base of act and the ones the sustain the free choice. The current trend to confine suicide in the area of psychopathology sinks root in the sin, re-emerging ancient supremacy of reason and will on emotions. The suicide person has passed from being object of moral judgement to a more mature scientific orthodoxy, although every laudable try to comprehend the nature couldn’t eliminate the grossest methodological limits or avoid inconsistent results. Often the suicide person eludes the effort to

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

assessment of suicidal risk
attempted suicide
color-shading answers
cross-sectional answers
exner’s s-con
morbid content
multiple signs study
rorschach test
single sign study
suicide
transparency answers

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi