Skip to content

Indicazioni al trattamento chirurgico endovascolare e tradizionale delle lesioni della biforcazione carotidea: procedure a confronto e nostra esperienza

Informazioni tesi

  Autore: Lucia Cucciolillo
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in CHIRURGIA VASCOLARE
Anno: 2005
Docente/Relatore: Marco Ventura
Istituito da: Università degli Studi dell'Aquila
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 79

L’endoarterectomia carotidea (CEA) è stata utilizzata con successo nel trattamento delle lesioni stenosanti della biforcazione carotidea per oltre 50 anni e numerosi trial clinici randomizzati come il NASCET (North American Symptomatic Carotid Endarterectomy Trial), l’ACAS (Asymptomatic Carotid Atherosclerosis Study) e l’ECST (European Carotid Surgery Trial) ne hanno dimostrato l’efficacia in pazienti sintomatici ed asintomatici raggiungendo una percentuale di complicanze perioperatorie inferiori al 3%. 1-4
Negli ultimi anni si è andata sviluppando la possibilità di trattare la patologia carotidea mediante un approccio intraluminale.
A cavallo tra la fine degli anni ’70 ed i primi anni ’80 sono state condotte, tra lo scetticismo della maggior parte dei Chirurghi Vascolari, esperienze pionieristiche di angioplastica della carotide interna. La prima angioplastica carotidea venne effettuata nel 1979 da Mathias su una giovane donna portatrice di displasia fibromuscolare mentre il primo stent carotideo venne posizionato nel 1989, mentre per l’utilizzo dei dispositivi di pro-tezione cerebrale ad opera di Theron bisogna aspettare il 1990.
Fino a qualche tempo fa, però, la mancanza di studi prospettici non ha permesso di definire chiari criteri di applicazione della chirurgia endovascolare carotidea. Studi comparativi recenti tra le due metodiche, come il NAPTCAR (North American Percutaneus Transluminal Carotid Angioplasty Register) e il CREST (Carotid Revascularization Endarterectomy versus Stent Trial), hanno evidenziato come l’angioplastica e lo stenting presentino, in casi non selezionati, una morbilità ed una mortalità più alte di quelle della chirurgia tradizionale; gli stessi studi, tuttavia, hanno mostrato risultati più incoraggianti del tratta-mento endovascolare rispetto alla chirurgia tradizionale in un gruppo selezionato di pazienti. 5 Il consenso e l’approvazione del trattamento endovascolare come valida alternativa al trattamento chirurgico, dopo ampio dibattito, è stato dato dalla FDA per quei pazienti che presentavano una restenosi carotidea post-chirurgica, in pazienti con stenosi ed occlusione controlaterale, in soggetti sottoposti a terapia radiante nella regione del collo, ed in quelli con una conformazione anatomica del collo “ostile”, in caso di lesioni dell’arteria carotide interna molto distali, non aggredibili chirurgicamente, ed in pazienti con gravi malattie concomitanti e perciò ad alto rischio chirurgico; a tal proposito sono state elen-cate numerose di condizioni morbose gravi per le quali sarebbe indicato il trattamento endovascolare; queste comprendono la broncopneumopatia cronica ostrutttiva grave, lo scompenso cardiaco, una frazione di eiezione del ventricolo sinistro inferiore al 30%, la presenza di angina instabile, la presenza di malattia coronarica multivasale, un’insufficienza renale in trattamento dialitico e l’età maggiore di 80 anni. 5
Nonostante siano state elencate le principali indicazioni al trattamento endovascolare e pubblicati i risultati, non esiste, tuttora, un accordo comune nell’accettare lo stenting carotideo come un’alternativa della CEA.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE L’endoarterectomia carotidea (CEA) è stata utilizzata con successo nel trattamento delle lesioni stenosanti della biforcazione carotidea per oltre 50 anni e numerosi trial clinici randomizzati come il NASCET (North American Symptomatic Carotid Endarterectomy Trial), l’ACAS (Asymptomatic Carotid Atherosclerosis Study) e l’ECST (European Carotid Surgery Trial) ne hanno dimostrato l’efficacia in pazienti sintomatici ed asintomatici raggiungendo una percentuale di complicanze perioperatorie inferiori al 3%. 1-4 Negli ultimi anni si è andata sviluppando la possibilità di trattare la patologia carotidea mediante un approccio intraluminale. A cavallo tra la fine degli anni ’70 ed i primi anni ’80 sono state condotte, tra lo scetticismo della maggior parte dei Chirurghi Vascolari, esperienze pionieristiche di angioplastica della carotide interna. La prima angioplastica carotidea venne

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

angioradiologia
arteria
aterosclerosi
cardiologia
carotide
cea
chirurgia
endovascolare
extracranica
ictus
ipercolesterolemia
ipertensione
placca
sangue
stent
tea
tia
trials
vascolare
vena

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi