Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dal parlato allo scritto: gli scrittori classici e i linguaggi interattivi delle chat delle email, dell'irc e degli sms. Per una innovativa didattica dell'insegnamento della L2

come i media hanno influenzato il parlato e lo scritto, i nuovi linguaggi, e come le nuove tecnologie sono a loro volta produttrici di nuovi linguaggi.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. Dal parlato allo scritto: gli scrittori classici e i linguaggi interattivi delle chat, delle email, dell’irc e degli sms. Per una innovativa didattica dell insegnamento della L2. El concepto de planificaciòn discorsiva se hace corresponder, tradizionalmente, con la lengua escrita. La lengua hablada es espontanea e instantànea mientras que la escritura planificada, no espòntanea y està sujeta a revisiòn. 1 Vorrei iniziare sottolineando come l’uso delle opere stia diventando obsoleto in molti contesti didattici e non riesce a catturare l’attenzione degli studenti. Partendo da questa considerazione vorrei dimostrare come è possibile dare nuova vita alla didattica degli autori tradizionali che sono i padri della letteratura e coloro che per primi hanno voluto mettere per iscritto il parlato come Alfonso X el Sabio. Nell’ambito dell’insegnamento, per quanto riguarda la lingua scritta, incontriamo una dicotomia tradizionalmente accettata: giusto/sbagliato. Questa dicotomia porta fondamentalmente al raggiungimento di una funzione antidemocratica e di esclusione sociale, e l’insegnante è solo l’ “agente” valutatore dei prodotti linguistici. Le classi, oggi, sono composte da gruppi non eterogenei e provenienti da diversi contesti sociali, quindi l’applicazione di questa dicotomia sarebbe penalizzante e terrebbe l’apprendente della L2 lontano dalla cultura scritta. Tenere un apprendente lontano dal circuito della cultura scritta può portare anche ad un’esclusione a livello sociale; è necessario, quindi, fornire all’apprendente un insegnamento pieno in modo che abbia la possibilità di fruire pienamente della stessa e farne un uso completo. Per raggiungere un insegnamento pieno della L2 bisogna riqualificare la lingua scritta e la sua produzione è necessario creare nuovi progetti pedagogici che abbiano come prima caratteristica usi linguistici reali, creati partendo anche dalla lingua parlata. In conclusione seguire i parametri normativi corretto/sbagliato ritarda il processo del passaggio dal parlato allo scritto. L’apprendente deve essere considerato parte integrante del processo di apprendimento, non solo deve ricevere ma a sua volta deve anche produrre. 1 Kress, 1979:70

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Elena Cirelli Contatta »

Composta da 30 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2728 click dal 05/09/2006.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.