Skip to content

Trasporti pubblici urbani e veicoli a basso impatto ambientale: introduzione ed impiego degli autobus ibridi “altrobus”

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Crovetto
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Marittima e dei Trasporti
  Relatore: Ugo Marchese
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 173

La costante crescita economica mondiale e la tendenza al miglioramento della qualità della vita hanno richiesto un considerevole aumento delle attività e, di conseguenza, della mobilità di persone e di merci.
Tali movimenti sono soddisfatti in altissima percentuale dal trasporto privato e pubblico su gomma, svolto fino ad oggi da veicoli con motore a combustione interna o diesel; questi veicoli, oltre a provocare notevoli congestionamenti del traffico (ricordiamo che studi recenti hanno stabilito che l’Italia è la nazione con il parco autovetture più esteso del mondo in proporzione alla popolazione), sono responsabili di un’enorme percentuale di inquinamento che affligge le città e in particolare modo quelle industrializzate.

Anche dove esistono importanti realizzazioni per i trasporti pubblici in sede propria, come ferrovie, metropolitane, tramvie, ecc., il traffico veicolare rimane un dato che caratterizza lo sviluppo dei grandi centri urbani e che fisiologicamente sta creando sempre più frequenti zone di convivenza tra uomo e ambiente al limite della saturazione e della sopportazione.
Infatti il settore dei trasporti è all’origine delle più alte percentuali delle emissioni di ossido di carbonio (69%), di ossido di azoto (63%) e di altri composti, come il piombo, il benzene o il particolato dei motori diesel, che per certi aspetti sono ancor più pericolosi per la salute dell’uomo e dell’ambiente in cui vive.

Complessivamente l’inquinamento prodotto induce pesanti effetti a vari livelli: si possono osservare gli impatti locali rappresentati dai danni alle persone (malattie respiratorie, tumori, nonché stress e altre malattie nervose), alla vegetazione e alle cose (monumenti ed edifici) e l’impatto generale testimoniato dall’acidificazione dell’atmosfera, l’effetto serra e il conseguente aumento della temperatura media terrestre.

Secondo studi effettuati dall’OCSE , i costi derivanti dall’inquinamento prodotto complessivamente dai trasporti raggiungono lo 0,4% del prodotto interno lordo mondiale; se la cifra può apparire ingentissima, bisogna ricordare che altri studi e gli stessi dati dell’OCSE fanno trasparire una situazione ancora più allarmante da cui deriva che tale 0,4% rilevato sia in realtà un dato sottostimato.
Gli interventi da parte dei governi dei paesi industrializzati in generale e dell’Europa in particolare, hanno portato a normative che sono riuscite a ridurre parzialmente alcuni prodotti di scarico dei veicoli.
Un tipico esempio viene dall’applicazione delle marmitte catalitiche sulle vetture di nuova produzione che ha drasticamente ridotto le emissioni di piombo (che, tuttavia, esprimono il migliore rendimento durante un funzionamento a regime costante e con il catalizzatore a temperature elevate, condizione resa dai trasferimenti autostradali, ma difficilmente dagli spostamenti cittadini) o dall’introduzione di autobus con combustibile a basso contenuto di zolfo.
Nonostante questo, altri composti sono destinati ad aumentare, come il particolato e l’anidride carbonica e il problema tende a crescere piuttosto che a diminuire, soprattutto nei centri urbani e nelle aree metropolitane dove maggiormente si concentra il traffico con i suoi effetti deleteri, cui si affiancano altri elementi inquinanti derivanti dai riscaldamenti domestici e dagli stabilimenti industriali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi