Skip to content

Uno studio di genere sulla Shoah

Informazioni tesi

Master in Lingua e Cultura Ebraica
  Autore: Fabiano Martinelli
  Tipo: Tesi di Master
Master in
Anno: 2005
Docente/Relatore: Shulamit Furstemberg-levi
Istituito da: Università degli Studi di Siena
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 71

Negli studi intorno alla Shoah le testimonianze femminili costituiscono da sempre una fonte secondaria rispetto a quelle maschili: in parte perché esse sono emerse dal silenzio solo recentemente , e in parte perché, nell’immaginario collettivo, la Shoah non è considerata un fenomeno di genere, ma una “catastrofe” che riguarda l’intero mondo dell’ebraismo, indipendentemente dall’età, dal sesso, dalla professione o dal titolo di studio delle sue vittime.
Secondo molti studiosi la Shoah è stata una persecuzione diretta contro tutto il popolo ebraico al di là delle differenze di genere, generazione, classe e ceto dei soggetti direttamente interessati. In molti ripetono che lo zyclon B non faceva distinzioni di sesso né di alcun altro tipo. In quest’ottica, pertanto, cercare di distinguere le esperienze delle donne da quelle degli uomini è considerato uno sforzo inutile e addirittura dannoso, che offuscherebbe la natura unitaria dell’evento e creerebbe una gerarchia delle sofferenze, delle capacità di resistenza e delle forme della memoria inammissibile.
Io non sono di questo avviso. Infatti, da qui a dire che le testimonianze si assomigliano tutte e descrivono “bene o male” le stesse atroci sofferenze, il passo è breve. La generalizzazione è quindi un rischio che non si può correre, pena il rafforzamento del negazionismo. Il problema è che quel “bene o male” fa la differenza: ogni testimonianza, seppur sembri essere uguale alle altre, è in realtà completamente diversa poiché descrive la quotidianità della Shoah di una e una sola determinata persona, e per quanto le testimonianze possano apparire tutte quante grossomodo identiche, nella realtà non è stato così; i milioni di ebrei vittime della barbarie nazista non erano tutti uguali, bensì tutti diversi. Se poi consideriamo il fatto che ogni essere umano ha sensibilità e carattere diversi, ecco allora che il valore di ogni testimonianza assume ancor più il carattere di unicità e irripetibilità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Fabiano Martinelli - Uno Studio di Genere sulla Shoah Introduzione pag. I “Lo storico futuro dovrà dedicare una pagina appropriata alla donna ebrea in questa guerra. Essa conquisterà una parte importante in questa storia ebraica, per il suo coraggio e la sua abilità nel sopravvivere. E’ grazie a lei che molte famiglie sono riuscite a superare il terrore di questi giorni”. Emmanuel Ringelblum, Diario e note dal Ghetto di Varsavia INTRODUZIONE: PERCHÉ UNO STUDIO DI GENERE SULLA SHOAH? (PRIMA PARTE) Il motivo per cui ho deciso di scrivere una tesina sulle donne ebree nella Shoah, all’interno del Master in “Lingua e Cultura Ebraica”, è legato all’interesse da me suscitato dall’argomento e al fatto che in Italia esso è molto poco studiato. Negli studi intorno alla Shoah le testimonianze femminili costituiscono da sempre una fonte secondaria rispetto a quelle maschili: in parte perché esse sono emerse dal silenzio solo recentemente 1 , e in parte perché, nell’immaginario collettivo, la Shoah non è considerata un fenomeno di genere, ma una “catastrofe” che riguarda l’intero mondo dell’ebraismo, indipendentemente dall’età, dal sesso, dalla professione o dal titolo di studio delle sue vittime. Secondo molti studiosi la Shoah è stata una persecuzione diretta contro tutto il popolo ebraico al di là delle differenze di genere, generazione, classe e ceto dei soggetti direttamente interessati. In molti ripetono che lo zyclon B non faceva distinzioni di sesso né di alcun altro tipo. In quest’ottica, pertanto, cercare di distinguere le esperienze delle donne da quelle degli uomini è considerato uno sforzo inutile e addirittura dannoso, che offuscherebbe la natura unitaria dell’evento e creerebbe una gerarchia delle sofferenze, delle capacità di resistenza e delle forme della memoria inammissibile 2 . Io non sono di questo avviso. Infatti, da qui a dire che le testimonianze si 1 Daniela Padoan, nella sua Postfazione alla raccolta di memorie, ci dice che: “su 149 opere di memorialistica della deportazione dall’Italia, i libri di donne, nel 1994, erano una ventina”, in Daniela PADOAN, Come una rana d’inverno – Conversazioni con tre donne sopravvissute ad Auschwitz, Milano, Bompiani, 2004, pag. 185. 2 Anna BRAVO, Presentazione all’opera Donne nell’Olocausto, a cura di Dalia OFER, Leonore J. WEITZMAN, Firenze, Le Lettere, 2001, pag. XI.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

campi di concentramento
donne
ebrei
lager
nazismo
olocausto
resistenza
shoah
sterminio degli ebrei
studi di genere

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi