Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Uno studio di genere sulla Shoah

Negli studi intorno alla Shoah le testimonianze femminili costituiscono da sempre una fonte secondaria rispetto a quelle maschili: in parte perché esse sono emerse dal silenzio solo recentemente , e in parte perché, nell’immaginario collettivo, la Shoah non è considerata un fenomeno di genere, ma una “catastrofe” che riguarda l’intero mondo dell’ebraismo, indipendentemente dall’età, dal sesso, dalla professione o dal titolo di studio delle sue vittime.
Secondo molti studiosi la Shoah è stata una persecuzione diretta contro tutto il popolo ebraico al di là delle differenze di genere, generazione, classe e ceto dei soggetti direttamente interessati. In molti ripetono che lo zyclon B non faceva distinzioni di sesso né di alcun altro tipo. In quest’ottica, pertanto, cercare di distinguere le esperienze delle donne da quelle degli uomini è considerato uno sforzo inutile e addirittura dannoso, che offuscherebbe la natura unitaria dell’evento e creerebbe una gerarchia delle sofferenze, delle capacità di resistenza e delle forme della memoria inammissibile.
Io non sono di questo avviso. Infatti, da qui a dire che le testimonianze si assomigliano tutte e descrivono “bene o male” le stesse atroci sofferenze, il passo è breve. La generalizzazione è quindi un rischio che non si può correre, pena il rafforzamento del negazionismo. Il problema è che quel “bene o male” fa la differenza: ogni testimonianza, seppur sembri essere uguale alle altre, è in realtà completamente diversa poiché descrive la quotidianità della Shoah di una e una sola determinata persona, e per quanto le testimonianze possano apparire tutte quante grossomodo identiche, nella realtà non è stato così; i milioni di ebrei vittime della barbarie nazista non erano tutti uguali, bensì tutti diversi. Se poi consideriamo il fatto che ogni essere umano ha sensibilità e carattere diversi, ecco allora che il valore di ogni testimonianza assume ancor più il carattere di unicità e irripetibilità.

Mostra/Nascondi contenuto.
Fabiano Martinelli - Uno Studio di Genere sulla Shoah Introduzione pag. I “Lo storico futuro dovrà dedicare una pagina appropriata alla donna ebrea in questa guerra. Essa conquisterà una parte importante in questa storia ebraica, per il suo coraggio e la sua abilità nel sopravvivere. E’ grazie a lei che molte famiglie sono riuscite a superare il terrore di questi giorni”. Emmanuel Ringelblum, Diario e note dal Ghetto di Varsavia INTRODUZIONE: PERCHÉ UNO STUDIO DI GENERE SULLA SHOAH? (PRIMA PARTE) Il motivo per cui ho deciso di scrivere una tesina sulle donne ebree nella Shoah, all’interno del Master in “Lingua e Cultura Ebraica”, è legato all’interesse da me suscitato dall’argomento e al fatto che in Italia esso è molto poco studiato. Negli studi intorno alla Shoah le testimonianze femminili costituiscono da sempre una fonte secondaria rispetto a quelle maschili: in parte perché esse sono emerse dal silenzio solo recentemente 1 , e in parte perché, nell’immaginario collettivo, la Shoah non è considerata un fenomeno di genere, ma una “catastrofe” che riguarda l’intero mondo dell’ebraismo, indipendentemente dall’età, dal sesso, dalla professione o dal titolo di studio delle sue vittime. Secondo molti studiosi la Shoah è stata una persecuzione diretta contro tutto il popolo ebraico al di là delle differenze di genere, generazione, classe e ceto dei soggetti direttamente interessati. In molti ripetono che lo zyclon B non faceva distinzioni di sesso né di alcun altro tipo. In quest’ottica, pertanto, cercare di distinguere le esperienze delle donne da quelle degli uomini è considerato uno sforzo inutile e addirittura dannoso, che offuscherebbe la natura unitaria dell’evento e creerebbe una gerarchia delle sofferenze, delle capacità di resistenza e delle forme della memoria inammissibile 2 . Io non sono di questo avviso. Infatti, da qui a dire che le testimonianze si 1 Daniela Padoan, nella sua Postfazione alla raccolta di memorie, ci dice che: “su 149 opere di memorialistica della deportazione dall’Italia, i libri di donne, nel 1994, erano una ventina”, in Daniela PADOAN, Come una rana d’inverno – Conversazioni con tre donne sopravvissute ad Auschwitz, Milano, Bompiani, 2004, pag. 185. 2 Anna BRAVO, Presentazione all’opera Donne nell’Olocausto, a cura di Dalia OFER, Leonore J. WEITZMAN, Firenze, Le Lettere, 2001, pag. XI.

Tesi di Master

Autore: Fabiano Martinelli Contatta »

Composta da 71 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8792 click dal 06/09/2006.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.