Skip to content

Le diatomee potenzialmente tossiche in Adriatrico

Informazioni tesi

  Autore: Marta Trombetta
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Udine
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze e tecnologie per l'ambiente e la natura
  Relatore: Giorgio Honsell
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 92

Il lavoro si propone di dare un inquadramento generale sulle alghe tossiche appartenenti alla classe delle diatomee presenti in Adriatico, e in particolare alle specie appartenenti al genere Pseudo-nitzschia, diventate di estremo interesse in seguito alla segnalazione della presenza di acido domoico in mitili (Mytilus galloprovincialis) raccolti in Adriatico settentrionale lungo la costa dell’Emilia Romagna e nel golfo di Trieste nel periodo 2000-2004 (Ciminiello et al., 2005). In passato sono stati effettuati molti studi ecologici sulla distribuzione del fitoplancton nell’Adriatico settentrionale (Umani et al., 1990; Bernardi Aubry et al., 2003), tuttavia le conoscenze tassonomiche su alcuni generi sono limitate. Questo problema è particolarmente importante per le specie appartenenti al genere Pseudo-nitzschia la cui l’identificazione è generalmente inadeguata, nonostante l’importante contributo che queste specie danno in termini di biomassa, e la recente scoperta della produzione di acido domoico da parte di alcune di esse. Studi approfonditi sulla tassonomia del genere Pseudo-nitzschia sono disponibili solo per l’Adriatico meridionale (Caroppo et al., 2005). Nei lavori meno recenti svolti in Adriatico settentrionale queste specie venivano identificate solo tramite osservazioni al microscopio ottico come Nitzschia seriata e Nitzschia delicatissima e la loro classificazione dovrebbe essere aggiornata tenendo conto delle revisioni e degli approfonditi studi tassonomici svolti successivamente sul genere Pseudo-nitzschia (Hasle, 1964; 1994). Negli ultimi studi sulla distribuzione del fitoplancton (ad esempio Bernardi Aubry et al., 2003) si fa riferimento invece a Pseudo-nitzschia “gruppo delicatissima” senza scendere all’identificazione delle singole specie. Questo è dovuto alla difficoltà di riconoscimento delle specie del genere Pseudo-nitzschia quando l’analisi qualitativa e quantitativa del fitoplancton viene effettuata attraverso l’osservazione al microscopio ottico mediante il metodo di Utermohl. I caratteri distintivi risiedono infatti in particolari del frustulo siliceo, che riveste le cellule, visibili in molti casi soltanto al microscopio elettronico, dopo che è stata eliminata tutta la parte organica.
In questo lavoro sono stati analizzati dei campioni di fitoplancton raccolti con retino (20 µm) in due stazioni localizzate lungo la costa dell’Emilia Romagna rispettivamente 6 km al largo di Porto Garibaldi (lon 12°19’30”, lat 44°39’46”) e 6 km al largo di Cesenatico (lon 12°27’55” lat 44°13’56”), nell’ambito del progetto MURST-CNR PRISMA 2 (Programma di Ricerca e Sperimentazione nel Mare Adriatico), Sottoprogetto Salute Umana. Gli studi precedenti su questi campioni non avevano mai riguardato le diatomee.
La zona della costa emiliano-romagnola in prossimità della foce del Po è particolarmente favorevole alla fioritura di microalghe marine. Questo è legato all’apporto di consistenti quantità di nutrienti e sostanze umiche trasportate dalle acque fluviali.
La prima parte del lavoro consiste in una descrizione della classe delle diatomee e si sofferma in particolare sulla loro tossicità.
Nella seconda parte invece sono illustrati i procedimenti di analisi dei campioni e sono descritti i risultati dello studio. In particolare vengono analizzate le diverse specie presenti in Adriatico appartenenti al genere Pseudo-nitzschia e vengono spiegati i metodi utilizzati per il riconoscimento delle diverse specie.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 CAPITOLO 1: INTRODUZIONE 1.1 Obiettivi Il seguente lavoro si propone di dare un inquadramento generale sulle alghe tossiche appartenenti alla classe delle diatomee presenti in Adriatico, e in particolare alle specie appartenenti al genere Pseudo-nitzschia, diventate di estremo interesse in seguito alla segnalazione della presenza di acido domoico in mitili (Mytilus galloprovincialis) raccolti in Adriatico settentrionale lungo la costa dell’Emilia Romagna e nel golfo di Trieste nel periodo 2000- 2004 (Ciminiello et al., 2005). In passato sono stati effettuati molti studi ecologici sulla distribuzione del fitoplancton nell’Adriatico settentrionale (Umani et al., 1990; Bernardi Aubry et al., 2003), tuttavia le conoscenze tassonomiche su alcuni generi sono limitate. Questo problema è particolarmente importante per le specie appartenenti al genere Pseudo- nitzschia la cui l’identificazione è generalmente inadeguata, nonostante l’importante contributo che queste specie danno in termini di biomassa, e la recente scoperta della produzione di acido domoico da parte di alcune di esse. Studi approfonditi sulla tassonomia del genere Pseudo-nitzschia sono disponibili solo per l’Adriatico meridionale (Caroppo et al., 2005). Nei lavori meno recenti svolti in Adriatico settentrionale queste specie venivano identificate solo tramite osservazioni al microscopio ottico come Nitzschia seriata e Nitzschia delicatissima e la loro classificazione dovrebbe essere aggiornata tenendo conto delle revisioni e degli approfonditi studi tassonomici svolti successivamente sul genere Pseudo-nitzschia (Hasle, 1964;

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adriatico
alghe
asp
diatomee
fitoplancton
inquinamento
pseudonitzschia
tossicità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi