Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il metodo introspettivo: evoluzione e prospettive

In questa tesi affronto l’esposizione di una serie di teorie e dibattiti relativi al metodo introspettivo. l'obiettivo è quello di delineare una possibile “origine” di tale metodologia, all’interno del pensiero filosofico e scientifico, ripercorrendone la storia, tentando di presentare i termini principali con i quali è stata descritta e considerata. Infine, il tentativo si riversa nel delineare le possibili linee di sviluppo, recentemente emerse in campo neuroscientifico e psicologico, che si pongono come possibili basi per una scienza della coscienza che includa l’esperienza soggettiva come una componente attiva ed esplicita all’interno della scienza stessa

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Il termine “introspezione” deriva etimologicamente da due parole latine, spicere (guardare), ed intra (dentro), e si riferisce alla possibilità, da parte di un individuo, di poter sottoporre ad analisi i propri stati interni. In questa tesi affronterò l’esposizione di una serie di teorie e dibattiti relativi al metodo introspettivo: tenterò di segnare una possibile “origine” di tale metodologia, all’interno del pensiero filosofico e scientifico; ne ripercorrerò la storia, tentando di presentare i termini principali con i quali è stata descritta e considerata; ed infine, proverò a delinearne le possibili linee di sviluppo, recentemente emerse in campo neuroscientifico e psicologico, che si pongono come possibili basi per una scienza della coscienza che includa l’esperienza soggettiva come una componente attiva ed esplicita all’interno della scienza stessa. In particolare, nella prima parte della mia tesi, denominata “L’Introspezione tra filosofia e psicologia”, presenterò le varie teorie che si sono avvicendate nel tentativo di definire esattamente le peculiarità e le finalità di tale metodica: vorrei sottolineare che ripercorrere la storia del metodo introspettivo ha significato, in qualche modo, ripercorrere anche la storia del pensiero filosofico, scientifico e propriamente psicologico, riguardante la natura stessa della coscienza e della conoscenza umana. Nel corso dei secoli, infatti, illustri pensatori e scienziati hanno permesso, al genere umano, di compiere notevoli progressi in molti campi della conoscenza. Vi è da ammettere però, e spero che risulterà anche piuttosto chiaramente nella mia esposizione, che in tutto questo progresso scientifico, paradossalmente, ciò che risulta ancora alquanto oscuro e difficile da comprendere è proprio il fenomeno che, per antonomasia, risulta essere il più immediato da esperire: la natura della nostra consapevolezza. Lo studio della coscienza come “oggetto di scienza” è stato sempre un argomento piuttosto controverso: in particolare dalla fine del XIX

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Flavia Zampa Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5071 click dal 07/09/2006.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.