Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'applicazione della Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo nell'ambito dell'Unione Europea

In Europa coesistono 3 diverse fonti legali a tutela dei diritti fondamentali: le Costituzioni nazionali, la Convenzione Europea per la salvaguardia dei Diritti dell’Uomo e le fonti comunitarie.
Parallelamente, coesistono tre diverse Corti che applicano tali fonti legali: le Corti nazionali (in particolar modo le Corti Costituzionali), la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo e la Corte di Giustizia delle Comunità Europee.
Il risultato di questa situazione è che oggi ogni atto di ogni istituzione pubblica in Europa è potenzialmente rivedibile in caso sia presunto violare i diritti fondamentali.
Ma se ciò indubbiamente rappresenta un importante punto di arrivo per la cultura etica e giuridica dei paesi europei, pone anche il serio problema del coordinamento tra queste differenti fonti legali, in quanto ogni contrasto interpretativo in materia (già più volte verificatosi) tra le diverse Corti pone questioni delicate e di difficile soluzione.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Attualmente in Europa coesistono 3 diverse fonti legali a tutela dei diritti fondamentali: le Costituzioni nazionali, la Convenzione Europea per la salvaguardia dei Diritti dell’Uomo e le fonti comunitarie. Parallelamente, coesistono tre diverse Corti che applicano tali fonti legali: le Corti nazionali (in particolar modo le Corti Costituzionali), la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo e la Corte di Giustizia delle Comunità Europee. Il risultato di questa situazione è che oggi ogni atto di ogni istituzione pubblica in Europa è potenzialmente rivedibile in caso sia presunto violare i diritti fondamentali. Ma se ciò indubbiamente rappresenta un importante punto di arrivo per la cultura etica e giuridica dei paesi europei, pone anche il serio problema del coordinamento tra queste differenti fonti legali, in quanto ogni contrasto interpretativo in materia (già più volte verificatosi) tra le diverse Corti pone questioni delicate e di difficile soluzione. In questa mia trattazione, dopo un breve excursus sulla CEDU (cap.1) e sulla CGCE (cap.3), ho provato ad evidenziare l’evoluzione della tutela dei diritti fondamentali in ambito europeo da come emerge nei Trattati comunitari vigenti (cap.2) e nella giurisprudenza CEDU (cap.5) e CGCE (cap.4), con particolare riferimento ai contrasti interpretativi già in atto tra queste due autorevoli Corti internazionali.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesco Lo Gerfo Contatta »

Composta da 78 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5884 click dal 12/09/2006.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.