Skip to content

L’evoluzione della musica elettroacustica attraverso gli effetti sonori nei film: da “Tom and Jerry” a “X-Men”

Informazioni tesi

  Autore: Mario Barbuti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Discipline dell'Arte, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Mario Baroni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 158

La musica elettroacustica, nata sul finire degli anni quaranta del Novecento e diffusa in seguito all’assunzione della radio a medium comunicativo di massa, ha segnato un passaggio epocale nel modo di concepire la musica in generale.
Il suono da nota del solfeggio musicale, e in quanto tale riconosciuto e studiato in funzione della sua rappresentabilità sul pentagramma musicale, diventa, con la musica elettroacustica, “materia sonora” apprezzabile attraverso una serie di nuovi parametri che fanno riferimento alla sua specifica forma strutturale.
I suoni della musica elettroacustica, definiti impropriamente rumori, sono stati acquisiti immediatamente dalle forme d’espressione multimediali contemporanee, in primis dal cinema.
I rumori nel cinema, identificati in tempi recenti anche come “effetti sonori”, hanno la funzione di riprodurre il suono del mondo rappresentato nel film. Pur rimanendo invariata la loro funzione nel cinema, gli effetti sonori, nel corso di oltre cinquant’anni, hanno subito una radicale trasformazione, non solo dal punto di vista della qualità sonora, ma anche e soprattutto per il contributo che essi apportano alla narrazione dei film. I film più recenti testimoniano una trasformazione del cinema che è sempre più uno spettacolo di effetti sonori e visivi, e che è sempre meno interessato alle parole.
All’evoluzione degli effetti sonori nel cinema non ha fatto seguito un’adeguata riflessione teorica che rendesse giustizia alla rilevanza sempre maggiore della componente sonora nei film.
In questo scritto ci proponiamo di mettere in evidenza la trasformazione che hanno subito gli effetti sonori nei film dagli anni cinquanta del cartone animato Tom and Jerry, all’attualità del film X-Men tratto dai fumetti. Da questo confronto vogliamo verificare se ci sono differenze tali da permetterci di distinguere effetti sonori “vecchi” da effetti sonori “nuovi” e di individuare nella loro evoluzione la formazione di un linguaggio.
Il linguaggio degli effetti sonori testimonierebbe la multiforme natura della musica elettroacustica, non più facilmente identificabile come linguaggio a se stante ma forma madre dei nuovi linguaggi “sonori” del Novecento.
Gli strumenti d’analisi degli effetti sonori sono forniti dalla teoria della musica elettroacustica che ha un testo capitale nel Traité des objets musicaux di Pierre Schaeffer. Integreremo nel nostro scritto la teoria della musica elettroacustica con i concetti elaborati da Michel Chion, l’unico teorico del cinema che si è avventurato nello studio sistematico degli effetti sonori producendo un importante contributo teorico.
I risultati della nostra ricerca saranno riportati su una serie di schede da noi elaborate per la valutazione delle caratteristiche degli effetti sonori nei film.
Il risvolto metodologico e didattico di questo scritto è nella procedura d’analisi degli effetti sonori che qui proponiamo. Studieremo, infatti, gli effetti sonori nei film attraverso un approccio psico-percettivo, che assegna all’ascolto un valore primario nella comprensione dei suoni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La musica elettroacustica, nata sul finire degli anni Quaranta del No- vecento e diffusa in seguito all’assunzione della radio a medium co- municativo di massa, ha segnato un passaggio epocale nel modo di concepire la musica in generale. Il suono da nota del solfeggio musicale, e in quanto tale riconosciuto e studiato in funzione della sua rappresentabilità sul pentagramma musicale, diventa, con la musica elettroacustica, “materia sonora” ap- prezzabile attraverso una serie di nuovi parametri che fanno riferi- mento alla sua specifica forma strutturale. I suoni della musica elettroacustica, definiti impropriamente rumori, sono stati acquisiti immediatamente dalle forme d’espressione multi- mediali contemporanee, in primis dal cinema. I rumori nel cinema, identificati in tempi recenti anche come “effetti sonori”, hanno la funzione di riprodurre il suono del mondo rappre- sentato nel film. Pur rimanendo invariata la loro funzione nel cinema, gli effetti sonori, nel corso di oltre cinquant’anni, hanno subito una ra- dicale trasformazione, non solo dal punto di vista della qualità sonora, ma anche e soprattutto per il contributo che essi apportano alla narra- zione dei film. I film più recenti testimoniano una trasformazione del cinema che è sempre più uno spettacolo di effetti sonori e visivi, e che è sempre meno interessato alle parole. All’evoluzione degli effetti sonori nel cinema non ha fatto seguito un’adeguata riflessione teorica che rendesse giustizia alla rilevanza sempre maggiore della componente sonora nei film. In questo scritto ci proponiamo di mettere in evidenza la trasforma- zione che hanno subito gli effetti sonori nei film dagli anni Cinquanta del cartone animato Tom and Jerry, all’attualità del film X-Men tratto dai fumetti. Da questo confronto vogliamo verificare se ci sono diffe- V

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ascolto
cartoni animati
cinema
comprensione dei suoni
denis smalley
effetti sonori
fumetti
linguaggio
michel chion
musica elettroacustica
narratività
pierre schaeffer
psico-acustica
psico-percezione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi