Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Emissioni da serbatoi atmosferici. Metodi di calcolo.

“La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività…” Questa frase si trova nell’articolo 32 della Costituzione Italiana, sancisce un diritto fondamentale di tutti, da difendere e salvaguardare in svariati modi e metodi, tra cui anche il controllo dell’inquinamento ambientale.
Gli inquinanti ambientali si distinguono in atmosferici, idrici e del suolo. Essi rappresentano un pericolo non solo per la salute umana, ma anche per l’ambiente che ci circonda. Ed è proprio sugli inquinanti atmosferici che verterà questo elaborato, per cui è necessario identificare le fonti e gestire, su base prioritaria, le fasi da intraprendere per la riduzione degli stessi.
In particolare si focalizzerà l’attenzione sulle emissioni da serbatoi atmosferici, emissioni diffuse che contribuiscono in maniera non trascurabile all’inquinamento di fonte industriale. Verrà prima delineato il concetto di emissioni diffuse da serbatoi atmosferici, per poi descrivere da cosa sono composte e che effetti hanno sull’ambiente e sull’uomo. Successivamente verranno analizzate in dettaglio le diverse tipologie di serbatoio e i loro componenti che possono liberare emissioni di vapori nell’atmosfera. Per un’analisi di questo tipo verrà utilizzato un software, TANKS 4.09d, messo a disposizione gratuitamente dall’EPA (Environmental Protection Agency) in grado di stimarle sulla base di alcune specifiche. Verranno, quindi, descritte le equazioni su cui il software si basa e, in conclusione, sarà fatta una valutazione delle emissioni dai diversi tipi di serbatoio, anche mettendoli a confronto tra loro.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività…” Questa frase si trova nell’articolo 32 della Costituzione Italiana, sancisce un diritto fondamentale di tutti, da difendere e salvaguardare in svariati modi e metodi, tra cui anche il controllo dell’inquinamento ambientale. Gli inquinanti ambientali si distinguono in atmosferici, idrici e del suolo. Essi rappresentano un pericolo non solo per la salute umana, ma anche per l’ambiente che ci circonda. Ed è proprio sugli inquinanti atmosferici che verterà questo elaborato, per cui è necessario identificare le fonti e gestire, su base prioritaria, le fasi da intraprendere per la riduzione degli stessi. In particolare si focalizzerà l’attenzione sulle emissioni da serbatoi atmosferici, emissioni diffuse che contribuiscono in maniera non trascurabile all’inquinamento di fonte industriale. Verrà prima delineato il concetto di emissioni diffuse da serbatoi atmosferici, per poi descrivere da cosa sono composte e che effetti hanno sull’ambiente e sull’uomo. Successivamente verranno analizzate in dettaglio le diverse tipologie di serbatoio e i loro componenti che possono liberare emissioni di vapori nell’atmosfera. Per un’analisi di questo tipo verrà utilizzato un software, TANKS 4.09d, messo a disposizione gratuitamente dall’EPA (Environmental Protection Agency) in grado di stimarle sulla base di alcune specifiche. Verranno, quindi, descritte le equazioni su cui il software si basa e, in conclusione, sarà fatta una valutazione delle emissioni dai diversi tipi di serbatoio, anche mettendoli a confronto tra loro.

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Nicola Paltrinieri Contatta »

Composta da 141 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2163 click dal 12/09/2006.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.