Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La crisi del 1929 in Italia

La Grande Depressione, La Grande Crisi, il crollo di Wall Street, il grande crollo, la crisi del 1929, sono tutte espressioni usate per indicare un periodo della storia economica del Novecento durante il quale si

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La Grande Depressione, La Grande Crisi, il crollo di Wall Street, il grande crollo, la crisi del 1929, sono tutte espressioni usate per indicare un periodo della storia economica del Novecento durante il quale si ridussero considerevolmente e su scala mondiale produzione, occupazione, redditi, salari, consumi, investimenti, risparmi, ovvero tutte le grandezze economiche il cui andamento caratterizza di norma lo stato di progresso o di regresso dell'economia di un paese 1 . Ciò che rese unica 1 Numerosi lavori sono stati scritti sull’argomento nel periodo storico tra gli anni Trenta ai giorni nostri; in determinati momenti, come negli anni Settanta, l’attenzione degli studiosi è stata più elevata dimostrando la stretta correlazione esistente tra l’andamento negativo dei cicli economici e l’interesse degli intellettuali. Svariate sono le teorie, a volte addirittura antitetiche; tra i lavori più significativi prodotti negli anni Trenta e nell’immediato secondo dopoguerra troviamo: H. W. ARNDT, Gli insegnamenti economici del decennio 1930-40, Torino 1949; M. DOBB, Problemi di storia del capitalismo, Roma 1971; W. A. LEWIS, Breve storia economica del mondo 1919-1939, trad. it. di L. DE ROSA, Napoli 1969; D. S. LANDES, Prometeo liberato, Torino 1978; I. SVENNILSON, Growth and Stagnation in the European Economy, Genève 1954. Tra i lavori più recenti spiccano: H. VAN DER WEE (a cura di), The Great Depression Revisited, North Holland, The Hague 1972; C. P. KINDLEBERGER, La grande depressione nel mondo 1929-1939, Milano 1982; J. S. DAVIS, The World between the Wars 1919-1939-An Economist’s Interpretation, John Hopkins University Press, Baltìmore 1975; P. TEMIN, Did Monetary Forces Cause the Great Depression?, Norton, New York 1976; C. P. KINDLEBERGER, Manias, Panics and Crashes, New York 1978. Più attaccabili sono invece le teorie che si soffermano o esclusivamente sul crash borsistico del 1929 (ad es. J. K. GALBRAITH, The Great Crash 1929, Boston 1955 ) o su spiegazioni monocausali come quelle che additano come responsabile unicamente la politica monetaria (ad es. M. FRIEDMAN-A. J. SCHWARTZ, The Great Contraction, Princeton University Press, Princeton 1966, che dà la colpa all’inflazione, o, agli antipodi, L. ROBBINS, Di chi la colpa della grande crisi? E la via di uscita, Torino 1935, che la dà alla deflazione). Si hanno inoltre lavori come G. DE MICHELIS, La crisi economica mondiale, Roma 1930; J. M. KEYNES, La grande crisi del 1930, trad. it. in “Rivista di politica economica” 1931; P. EINZIG, The World Economic Crisis 1929-1931, London 1931; LEGA DELLE NAZIONI, Course and Phases of the World Economic Depression, LEGA DELLE NAZION, Ginevra 1931; F. G. RAINER, La succinta diagnosi delle cause capitali della crisi mondiale, Bergamo 1931; B. OHLIN, The Course and Phases of the World Economic Depression, Lega delle Nazioni, Ginevra 1931; A. ZANON DAL BO, Saggi di studio sistematico della crisi economica mondiale, Bergamo 1931; D. ALATI, Il mondo in tempesta. Dal disordine morale alla crisi economica, Torino 1932; J. CAILLAUX, The World Crisis, Londra 1932; H. B. FORD, Perché questa crisi mondiale?, Milano 1932; A. H. HANSEN,

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Maurizio Giorgi Contatta »

Composta da 240 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 21579 click dal 13/09/2006.

 

Consultata integralmente 40 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.