Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Classe politica, gestione del potere e cultura della cittadinanza

La tesi è il tentativo di elaborazione di un modello politico sperimentale che concerne l’associazione del moderno concetto di democrazia alle nuove tecniche del consenso acquisite attraverso processi di globalizzazione cultura ed economica. Il lavoro si articola in quattro capitoli: concetto di classe politica con riferimento alla teoria di attualizzazione della Formola politica di Mosca; procedure di selezione della classe politica con evoluzione storica delle Forme di Stato; elementi alla base della gestione del potere (forza decisionale, controllo ed etica); assimilazione del potere politico con cenni alla partecipazione politica e alla cultura della cittadinanza. Importanti sono i riferimenti ai concetti di globalizzazione mediale-economica in relazione agli sviluppi democratici della cultura moderna.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 PREMESSA Il tentativo di definire quali siano gli elementi basilari per le gestione del potere politico non può prescindere da una accurato riferimento al rapporto che intercorre tra classe politica e cittadini, all’interno dello stato. Tale rapporto, inscindibile, è caratterizzato da reciprocità e correlatività, poiché è dalla scelta politica del cittadino che dipende il conferimento del potere alla classe politica. L’analisi di questi processi ha bisogno di una premessa di primaria importanza: cioè la constatazione che ogni società è caratterizzata dalla presenza di una classe dirigente che acquisisce il potere attraverso il consenso del popolo. Il primo capitolo non vuole essere un esplicito tentativo di riproposizione della teoria delle élite che, agli inizi del ventesimo secolo, ha acceso ampi dibattiti nell’ambiente politico-culturale italiano ed europeo, ma serve ad introdurre i lineamenti essenziali del discorso il quale si articola lungo due direttrici fondamentali: la classe politica e i cittadini. In effetti, alla luce dello sviluppo dei caratteri della democrazia pluralista, sembra anacronistico la riproposizione della Teoria élitista che, sin dall’origine, è stata sottoposta ad ampie critiche. Non si esclude però che la società democratica odierna sai caratterizzata dalla presenza di una classe dirigente, certamente minoritaria ed élitistica, e dal popolo che esprime il consenso in riferimento agli schieramenti interni alla dirigenza stessa. L’attualizzazione della “formola politica” di Mosca non è altro che il tentativo di dimostrare su quali elementi si basa, oggi, la selezione degli individui

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Angelo Tarantino Contatta »

Composta da 74 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2877 click dal 15/09/2006.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.