Skip to content

Monitoraggio, analisi e valutazione delle prestazioni dell'impianto di fitodepurazione del caseificio S.Vittoria (Carpaneto, PC)

Informazioni tesi

  Autore: Monica Restelli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze Naturali
  Relatore: Pierluigi Viaroli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 44

Nell’ottica di voler promuovere le produzioni tipiche e la loro sostenibilità dal punto di vista ambientale è stato progettato e realizzato l’impianto di fitodepurazione per il trattamento delle acque reflue della caseificazione di Grana Padano, con la finalità ultima di verificare le potenzialità che questo tipo di impianto può avere rispetto alla particolare tipologia di refluo in questione.
Il monitoraggio dell’impianto è stato realizzato con la collaborazione del CRPA, della regione Lombardia, del dipartimento di Scienze Ambientali dell’Università di Parma e del responsabile di produzione della Cooperativa S.Vittoria di Carpaneto Piacentino.
Si sono campionate le acque in ingresso, in attraversamento e in uscita dall’ impianto dall’ entrata in funzione ad oggi.
Da luglio 2005 sono state apportate alcune modifiche all’impianto (degrassatore, pompa di distribuzione ) e ogni monitoraggio è stato effettuato raccogliendo 6 campioni, per 5/6 giorni consecutivi, in diversi periodi dell’anno:
acque in entrata ( refluo da trattare ),pozzetti intermedi ( al termine di ogni vasca ),reflui in uscita. Su tutti i campioni sono stati determinati i seguenti parametri: temperatura, pH, ossigeno disciolto, conducibiltità, solidi sospesi totali, COD, P-totale, ammonio, nitriti e nitrati.
I dati raccolti sono stati elaborati, si sono calcolati i valori medi e le fluttuazioni registrate, per ognuno dei parametri analizzati e per ogni stazione di campionamento. Si sono ricavate quindi le variazioni percentuali dei parametri analizzati,confrontando quelle in entrata con quelle in uscita. Si è stimata l’efficienza di depurazione in relazione ad ognuno di questi parametri.
I risultati di questo progetto potranno essere utilizzati per generare degli indicatori riguardo al corretto dimensionamento, ai criteri di costruzione ed a quelli di gestione degli impianti di fitodepurazione a servizio dei caseifici.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. Trattamento delle acque reflue mediante fitodepurazione I reflui derivanti da insediamenti civili ed industriali contengono elementi nutritivi che sono normalmente presenti in natura e che possono essere utili per la crescita degli organismi vegetali. Negli scarichi però, le concentrazioni sono troppo elevate, per cui il rilascio delle acque contaminate deve essere preceduto da un opportuno trattamento depurativo che serve a ridurre il carico inquinante entro i limiti previsti dalla normativa vigente. Le tecnologie tradizionali per la depurazione delle acque consistono in processi biologici intensivi, che sfruttano cioè processi naturali in condizioni controllate in modo da ottimizzare la rimozione degli inquinanti. A questi sistemi appartengono i processi a biomassa dispersa (fanghi attivi) e a biomassa adesa (bio-dischi e letti percolatori). Altri trattamenti, che richiedono superfici molto più ampie, avvengono in modo estensivo, sfruttando cioè il processo naturale ad una scala adeguata. A questi sistemi appartiene la fitodepurazione, un processo che utilizza alcuni gruppi di vegetali per rimuovere le sostanze inquinanti dalle acque reflue. La fitodepurazione delle acque reflue viene in genere utilizzata come trattamento terziario negli scarichi industriali e/o civili già trattati con un sistema secondario. Recentemente direttive europee e la normativa nazionale hanno suggerito l’impiego di questa tecnica come trattamento secondario per scarichi civili o industriali di piccole dimensioni. I processi di depurazione delle acque reflue hanno come obiettivo la rimozione delle sostanze inquinanti che devono essere conformi a standard normativi che variano a seconda del corpo idrico recettore (Dlgs 152/99 e successive modificazioni; Direttiva 2000/60/CE detta Water Framework Directive, WFD). Le tecniche di trattamento principali sono riconducibili ai cinque processi fondamentali indicati in Masotti (1987) e Bianucci & Ribaldone Bianucci (1998), vale a dire: separazione dei materiali galleggianti e dei materiali in sospensione; insolubilizzazione delle sostanze disciolte e successiva separazione; rimozione delle sostanze disciolte; trasformazione delle sostanze biodegradabili e disinfezione dei microrganismi. Con la WFD, la scelta delle tecniche idonee per il trattamento di un dato scarico dipendono non solo dalle caratteristiche dei liquami da trattare, ma anche della qualità e della tipologia del corpo idrico recettore. La WFD ha infatti imposto una maggiore attenzione sulla qualità dei corpi d’acqua recettori che nel prossimo decennio dovranno tendere al raggiungimento di livelli qualitativi elevati (stato ecologico buono).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi